Trivelle: l’offshore ibleo, il cuore dell’impero Eni Gela-Licata-Ragusa, investimento da 900 milioni

Un investimento da 900 milioni di euro, una produzione cumulativa di gas naturale di 10 miliardi di metri cubi in circa 14 anni e un’area di 278.820 ettari, sono questi i numeri più rappresentativi dell’offshore Ibleo, progetto presentato da Eni ed Edison nel 2013. Due perforazioni esplorative, sei pozzi di produzione commerciale, una nuova piattaforma e una serie di oleodotti che il 27 maggio dell’anno successivo, quando il ministero dell’Ambiente accredita con proprio decreto la Valutazione di Impatto Ambientale presentata dai proponenti, diventano una realtà concreta. 

Iniziano così le mobilitazioni dei cittadini, appoggiati da associazioni locali e ambientalisti, che culmineranno nell’occupazione della piattaforma Prezioso da parte di Greenpeace nell’ottobre 2014 e nella partecipatissima manifestazione dello scorso 9 gennaio a Licata. Anche la Regione Sicilia interviene con un iniziale parere negativo del maggio 2013 che sarà, poi, smentito da due protocolli del giugno e del novembre 2014 con i quali rispettivamente si elargisce la concessione per la coltivazione di idrocarburi prevista dall’offshore Ibleo e si stabilisce un piano di potenziamento della raffineria di Gela in cambio dell’autorizzazione per ulteriori estrazioni. 

Nel frattempo viene presentato un ricorso al Tar del Lazio per ottenere il ritiro dell’autorizzazione, ma i giudici amministrativi lo rigettano e condannano i ricorrenti a seimila euro di spese giudiziarie. A Licata, la situazione è quella post-mobilitazione: «Si attende il Cga sul ricorso contro il decreto Via sull’offshore ibleo e nel frattempo si continua a invocare la moratoria delle concessioni già rilasciate in attesa degli esiti del referendum», afferma Antonino Catania del comitato No Triv locale.

Ragusa ha all’attivo quattro pozzi sulla terraferma e una piattaforma, la Vega A, alla quale si dovrebbe affiancare la già autorizzata gemella Vega B. «Questo territorio – dicono i No Triv iblei – è da sempre il più interessato dalle estrazioni, e adesso che molte concessioni sono operative stiamo avviando una petizione per rendere trasparente la gestione comunale delle royalties: in cinque punti chiediamo all’amministrazione di utilizzare questi proventi per la tutela ambientale, la bonifica del territorio, l’efficientamento energetico».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]