Terzo settore, le difficoltà di fare impresa sociale in Sicilia «Diamo lavoro a 40mila persone ma la politica ci ignora»

Circa 21mila realtà che danno lavoro a oltre 40mila persone. Sono i numeri (dati Istat, ndr) del Terzo settore in Sicilia: non solo volontariato, ma spesso vere e proprie imprese sociali. Queste ultime dimenticate, però, dalle istituzioni, tra mancati pagamenti e i dubbi che la politica possa non prestare l’attenzione dovuta

Quella del Terzo settore è una definizione che forse ancora non sembra essere entrata del tutto nel linguaggio comune, ma di cui talvolta ne fanno parte vere e proprie imprese. Che, proprio dalle istituzioni, spesso attendono per anni i compensi di quanto dovuto per la prestazione dei servizi sociali. Tra queste c’è anche la cooperativa sociale Etnos, di Caltanissetta: con 120 dipendenti, negli anni ha accompagnato circa trecento donne vittime di violenza verso una vita indipendente e accolto i minori migranti. Proprio da Etnos è partita la mobilitazione per vedersi riconosciuto quanto fatto dalle tante associazioni del Terzo settore. «Una cooperativa perlopiù costituita da soci lavoratori – commenta il presidente Fabio Ruvolo ai microfoni di Direttora d’aria in onda su Radio Fantastica e Sestarete -, abbiamo avviato la mobilitazione in un giorno importante come la commemorazione di Falcone, perché siamo stanchi di diventare complici di un sistema culturale mafioso consistente nella costante ricerca dell’amico o del conoscente per ottenere un favore o vederci riconoscere un diritto, una cosa che ci ha sempre attanagliato e continua ancora a tenerci prigionieri, io rassegnerò le mie dimissioni davanti al prefetto perché possa farsi carico delle nostre richieste». 

Tra le quali rientra anche quella di ottenere pagamenti più celeri. «Secondo la normativa gli enti dovrebbero pagare entro trenta giorni – spiega Ruvolo – ma per rendere l’idea, stamattina il Comune di Catania mi ha chiamato proponendomi di pagarci solo il 40 per cento di quanto ci devono dal 2015. Ovviamente non ho accettato – incalza -, come potrei pagare le 120 persone che lavorano nella cooperativa? Per non dire dei problemi con Riscossione Sicilia: in trenta giorni non ci hanno mai risposto al telefono. Però ci rifiutiamo di chiedere favori. Noi vogliamo dignità». 

«Mi chiedo – chiosa il portavoce del Terzo settore Sicilia Pippo Di Natale intervenuto a Direttora D’Aria – se i politici si siano mai chiesti cosa sarebbe successo durante la pandemia senza gli enti che operano nel sociale». Eppure, a remare in favore degli enti locali, ci sarebbe la normativa che legittima gli enti locali in crisi finanziaria o economica a estinguere i debiti pagando meno. «Una proposta forse adatta a essere rivolta alle attività commerciali, ma non certo a chi si è occupato e si occupa di anziani, diversamente abili e delle altre fasce deboli della popolazione – conclude Di Natale – Perché le pubbliche amministrazioni pagano sempre in ritardo? Beh, forse pensano a noi come dei bravi ragazzi che fanno volontariato e non – conclude – come settore economico da 40mila occupati solo in Sicilia». 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]