Spiagge libere, a Ecocar 70mila euro in più per ripulirle «Spese extra perché non sono state inserite nell’appalto»

La gestione delle spiagge libere e il servizio di raccolta dei rifiuti. Nella documentazione definitiva dei due appalti, nemmeno una riga è dedicata al servizio di vagliatura e pulizia di spiagge e parcheggi annessi. Per questo il Comune di Catania sta provvedendo a impegnare 70mila euro come spese straordinarie per affidare la pulizia ad Ecocar, la ditta che si occupa del servizio di raccolta dei rifiuti nel lotto Sud. Una cifra che si aggiunge al costo dell’appalto pari a poco più di 90 milioni di euro, come riportato nell’ordine di servizio della Srr che determina l’affidamento della pulizia delle spiagge libere uno, due e tre.

A sollevare la questione è stato il consigliere comunale del Movimento cinque stelle Graziano Bonaccorsi. «Fino a oggi la pulizia delle spiagge rientrava nel capitolato della famosa gara ponte, adesso le cose sono cambiate – spiega Bonaccorsi contattato dal nostro giornale – Infatti, nel capitolato speciale d’appalto della gara settennale non è prevista la pulizia delle spiagge libere e questo servizio verrà pagato extra all’azienda che si è aggiudicata il lotto Sud. Nel piano di intervento era prevista la pulizia delle spiagge libere 1, 2 e 3 ma poi è sparita dal capitolato speciale d’appalto».

Il servizio inserito nel piano d’intervento prevedeva dieci interventi per tutta la stagione balneare. «Troppo pochi», commenta Bonaccorsi. A lamentare la poca chiarezza con cui si faceva riferimento alla pulizia delle spiagge nel piano d’intervento, incluso negli atti della gara settennale per i rifiuti, erano stati anche diversi operatori economici, chiedendo alla stazione appaltante di ricevere maggiori indicazioni ma senza ricevere riscontri. Successivamente con un colpo di spugna – «sarà stata una dimenticanza», sostengono dagli uffici di Palazzo degli elefanti – la previsione di dieci interventi è scomparsa dal capitolato d’appalto. Con la conseguenza che non sono state previste risorse, lavori e forniture per l’espletamento di un servizio essenziale per chi vuole usufruire delle spiagge libere. «Direi che questa gara è una follia – incalza Bonaccorsi – andava rivista e il piano d’intervento stravolto. Purtroppo non è andata così», conclude il consigliere. 

La Srr Catania Area Metropolitana ha deciso di correre ai ripari e con un ordine di servizio ha autorizzato la Ecocar a effettuare la vagliatura e la pulizia delle spiagge in viale Kennedy a partire da sabato 21 maggio. Nelle spiagge, anche nei giorni successivi all’affidamento, si scorgevano bottiglie di birra, cartoni della pizza, buste di spazzatura, tronchi che rendono difficile il passaggio e cartacce di tutti i tipi. Nel frattempo, però, gli operatori di
Stella Polare – la ditta di Sara e Giuseppe Alì, figli di Giovanni, imprenditore il cui nome è stato legato alle squadra calcistiche di Siracusa, Acireale e Troina – hanno iniziato a installare bagni e passerelle, partendo dalla spiaggia numero tre. Stella Polare, l’anno scorso, si è aggiudicata la gestione quinquennale della parte di litorale privo di lidi. «I lavori per predisporre il facile accesso alla struttura e la godibilità della spiaggia sono già cominciati – conferma l’assessore al Mare Michele Cristaldi a MeridioNews – Dobbiamo concordare il giorno dell’apertura». Sulle date, però, Cristaldi non si sbilancia: «Diciamo che entro giugno completeremo l’offerta balneare – assicura l’assessore – nel frattempo stiamo completando i solarium a San Giovanni Li Cuti e in piazza Europa». La realizzazione di questi ultimi ha già creato qualche problema dovuto alla carenza di materiali per allestire le impalcature. «Alla playa – incalza l’assessore -, la potenziale carenza di ferro e legno è un problema che ricade sul gestore, al Comune compete solo la consegna della spiaggia e la pulizia straordinaria». Si prevedono cinque interventi a settimana di vagliatura, a cui si aggiungerà la pulizia quotidiana.

Quest’ultima sarà effettuata anche nei parcheggi annessi alle spiagge, fanno sapere dal Comune. Ovvero nei parchi auto della spiagge libere numero uno e tre, le uniche a possedere uno spazio adibito alla sosta. Sebbene nella prima spiaggia solo uno dei due accessi al parcheggio risulta aperto. «Accesso riservato agli ospiti della struttura», si legge nel cartello affisso all’ingresso del parcheggio che pare essere condiviso con i clienti dell’impianto sportivo adiacente all’area di sosta. A presidiare l’ingresso si alternano i custodi della struttura. «Noi alle 18 chiudiamo la sbarra, glielo dico così sa che a quell’ora deve essere di nuovo qui, altrimenti resta dentro», ci allerta il custode di turno. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]