Serie D, girone I sempre più dominato dal Catania SSD. Da domani testa alla trasferta in casa della Sancataldese

Ancora un lunedì col sorriso, che passa dall’ennesima vittoria conquistata in campionato in una partita che per tutta la scorsa settimana ha dimostrato di avere un significato diverso rispetto a tante altre.

Il successo col minimo sforzo conquistato ieri dal Catania SSD nel derby contro il Città di Acireale ha regalato ai rossazzurri altri tre punti pesanti, a prescindere da come siano arrivati, che permettono alla formazione guidata da Giovanni Ferraro di allungare il vantaggio in classifica su quelle che appaiono sempre meno delle dirette concorrenti e che in realtà hanno solo l’aspetto di quotate sparring partner degli etnei.

Lo si è capito ancora una volta nella partita contro gli acesi, nella quale pur trovando pochissimi spazi la squadra padrona di casa ha dato al pubblico del Massimino la netta sensazione di poter sempre tenere il pallino del gioco.

E non è stato un caso l’autogoal di Cannino al termine del primo tempo, perché anche lì i rossazzurri hanno chiuso gli ospiti nella loro area di rigore fino a poco prima del riposo, costringendo il difensore acese ad anticipare De Luca, seppur in modo sciagurato.

Nella ripresa la differenza tra le due squadre è sembrata ancora più netta dal punto di vista fisico, con molti giocatori del Città di Acireale sulle gambe e colpiti dai crampi già al 60’.

Non c’è stato spettacolo, ma forse era difficile aspettarselo su un terreno di gioco reso pesante dalla pioggia degli ultimi giorni.

Adesso un po’ di riposo e poi testa alla trasferta di San Cataldo, in programma domenica 4 dicembre alle 14:30 in casa dei nisseni, con l’obiettivo per i rossazzurri di riscattare l’eliminazione subìta in Coppa Italia proprio su quel campo.

Foto Catania SSD


Dalla stessa categoria

Lascia un commento