Inchiesta Sanità: indagati gli ex assessori Scavone e Razza. «La lista della spesa» delle raccomandazioni

Ci sono anche l’ex assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e il collega Antonio Scavone, titolare della delega alla Famiglia nella giunta del presidente Nello Musumeci, tra le persone indagate nell’inchiesta della procura di Catania che ha fatto scattare gli arresti domiciliari per quattro persone. Tra queste c’è Pippo Arcidiacono, cardiologo ed esponente di Fratelli d’Italia con un recente passato da assessore al Comune di Catania in corsa per la fascia tricolore come candidato a sindaco. Che, in un secondo momento aveva fatto un passo indietro in favore dell’ex collega assessore comunale Enrico Trantino. Per Razza la procura, come emerge nell’ordinanza di custodia cautelare, ipotizza il reato di concorso in turbata libertà del procedimento di scelta del contraente. Il politico però non è stato destinatario di misura cautelare. Sotto la lente d’ingrandimento dei magistrati è finita la procedura per la selezione di un incarico relativo a un esperto di elaborazione report, per conto dell’Ordine dei medici di Palermo, nell’ambito di un progetto presentato dall’azienda Policlinico di Catania. L’ex assessore regionale, insieme a due suoi segretari (entrambi indagati) nelle vesti di intermediari, avrebbe raccomandato F. F. (quest’ultimo nipote di un ex deputato regionale autonomista di Catania di professione ortopedico) così da fargli ottenere un incarico del valore di 10mila euro. A prendere parte all’accordo – stando alle accuse – vi sarebbero stati Gesualdo Missale, funzionario di Unict, ex commissario dell’ordine dei camici bianchi etnei, e coordinatore del progetto, e Nunzio Ezio Campagna, medico, vice presidente dell’Ordine dei medici di Catania e promotore del progetto. Sia Missale che Campagna sono finiti ai domiciliari.

Nelle carte dell’inchiesta viene fuori l’esistenza di una presunta «lista della spesa». Riferimento con cui Campagna indicava l’inserimento di nominativi graditi alla politica da collocare nei progetti. Insieme a Razza, il vice presidente dell’Ordine dei medici citava altri due uomini delle istituzioni: «Oltre a Scavone – si legge nell’ordinanza – dovevano inserire nominativi graditi a Nicola D’Agostino (deputato regionale non indagato, ndr), e a Ruggero Razza, evidenziando il criterio apertamente e sfacciatamente clientelare con cui venivano prese tali decisioni». In un dialogo risalente a ottobre 2020, Minissale e Campagna discutevano, al termine di un convegno, della possibilità di inserire – almeno in un primo momento – un dentista di Trapani, indicato come vicino all’assessore regionale Razza, all’interno di un progetto. Una possibilità davanti alla quale, stando alla ricostruzione dei magistrati, i due non si sarebbero potuti sottrarre nonostante una ulteriore richiesta, sempre proveniente dalla segreteria del politico, per un amministrativo. «Anche cinquemila euro me li tolgo io», diceva Missale. «Abbiamo l’esigenza di comprarci l’area Razza», replicava Campagna.

«Una scacchiera di persone da collocare», scrive la giudice Simona Ragazzi nell’ordinanza, in cui poteva anche capitare di modificare il destinatario delle raccomandazioni. Al posto del dentista di Trapani, viene infatti dato conto di un nuovo nominativo: F.F., nipote dell’ex deputato regionale. «Ci dobbiamo trovare una, una posizione. Ho parlato già con Filippo (Di Piazza, ndr) ah… mi ha detto che non ci sono problemi; gli ho detto: “Lo devo fare“», commentavano sempre Campagna e Missale. Il comportamento di Razza, nonostante i presunti tentativi di favorirlo evidenziati nei documenti dai magistrati, viene però anche stigmatizzato. «Prende per il culo tutti – diceva il vicepresidente dell’Ordine – è inaffidabile, dice “faccio, faccio”, faccio la mala cumpassa (cattiva figura, ndr)». Uno degli aneddoti riguarda anche una nomina che sarebbe avvenuta all’insaputa del diretto interessato. Nello specifico, il ruolo di responsabile della medicina scolastica proprio per Campagna: «Non ho ancora fatto un cazzo per fortuna – commentava il diretto interessato – anche perché non ho nemmeno voglia. Sono stato nominato come fece Scajola, a mia insaputa».

Per quanto riguarda le accuse nei confronti dell’ex assessore Scavone, colonnello del Movimento per le autonomie di Raffaele Lombardo, il nome che viene cerchiato in rosso dai magistrati è quello della compagna L. G. (non indagata, ndr). La donna sarebbe stata aggiudicataria di un incarico a tempo determinato, per un importo di 15mila euro. Dietro la nomina all’interno di un progetto denominato Centro Cardio hub e spoke, secondo le accuse, ci sarebbe stata una decisione presa a tavolino. Anche l’ex assessore, con un passato da manager nella Sanità, sarebbe stato oggetto delle attenzioni del duo Missale-Campagna. Tanto da essere disposti a inserire la figlia del politico in un progetto per «comprare a costo zero l’assessore».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ci sono anche l’ex assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e il collega Antonio Scavone, titolare della delega alla Famiglia nella giunta del presidente Nello Musumeci, tra le persone indagate nell’inchiesta della procura di Catania che ha fatto scattare gli arresti domiciliari per quattro persone. Tra queste c’è Pippo Arcidiacono, cardiologo ed esponente di Fratelli […]

Ci sono anche l’ex assessore regionale alla Sanità Ruggero Razza e il collega Antonio Scavone, titolare della delega alla Famiglia nella giunta del presidente Nello Musumeci, tra le persone indagate nell’inchiesta della procura di Catania che ha fatto scattare gli arresti domiciliari per quattro persone. Tra queste c’è Pippo Arcidiacono, cardiologo ed esponente di Fratelli […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]