Salvini e il caso del video sulla giudice Apostolico. Esposto in procura e nota della polizia

Matteo Salvini che evita i giornalisti al termine del processo Open Arms e una nota diffusa dalla questura di Catania alla stampa, nel tardo pomeriggio, per specificare che il video della bufera non è contenuto in atti ufficiali. Sotto la lente d’ingrandimento c’è sempre il filmato postato due giorni fa da Salvini su Facebook. Poco più di un minuto, pescato non è chiaro in quale archivio, in cui si vede la giudice Iolanda Apostolico al molo 04 del porto di Catania durante una manifestazione per lo sbarco dei migranti dalla nave Diciotti della Guardia Costiera: era il 25 agosto 2018. Chi ha fornito il video a Salvini? La domanda che due giorni fa si è fatto per primo il parlamentare M5s Luciano Cantone annunciando un’interrogazione al ministro dell’Interno Matteo Piantedosi.

Attraverso alcuni servizi giornalistici reperibili online si vede che quel pomeriggio dell’estate 2018, era praticamente impossibile stare in mezzo alla polizia per filmare. Chi lo ha fatto si trovava quindi in una posizione assolutamente privilegiata. Senza dimenticare che lo stile di riprese difficilmente potrebbe essere quella di un giornalista. Dubbi che hanno aperto il campo ai più disparati scenari, compreso quello che sia stato realizzato un vero e proprio dossieraggio nei confronti della giudice in servizio ormai da diversi anni a Catania. Ieri si è aggiunto un esposto presentato alla procura di Roma dai parlamentari Angelo Bonelli e Filiberto Zaratti. «Com’è possibile che a distanza di cinque anni si riesca ad individuare in un video la presenza di una persona, che non ha precedenti penali, in una manifestazione?», si legge nel documento di quattro pagine inviato al procuratore Francesco Lo Voi. «Se fosse confermato – continuano – che il video pubblicato da Salvini è materiale proveniente dagli uffici di polizia ci troveremmo di fronte a un caso di rilevante gravità».

Video e verbali della Digos ovviamente non sono pubblici e nemmeno sono consultabili liberamente. «Chi ha autorizzato l’eventuale consegna del video a Salvini?», concludono Bonelli e Zaratti. Domande che i cronisti avrebbero voluto fare direttamente al segretario del Carroccio, impegnato ieri a Palermo nel processo Open Arms. Il diretto interessato è rimasto in silenzio parlando soltanto prima della trasferta in Sicilia ma attraverso un video su Facebook. Sessanta secondi per tornare sulla posizione della giudice che ha bocciato il decreto Cutro non convalidando il trattenimento di alcuni migranti nel Cpr di Pozzallo, in provincia di Siracusa.

Lei, Iolanda Apostolico, resta in silenzio ma una collega è certa che «non chiederà mai di essere trasferita, ma continuerà a fare il proprio lavoro con serietà anche perché sarebbe come darla vinta» a chi sta riversando «montagne di fango», spiega la giudice Marisa Acagnino. Sulla questione è intervenuta anche la presidente del Consiglio Giorgia Meloni, al termine del Consiglio europeo informale che si è svolto a Granada: «Salvini non mi ha parlato del video, ma mi sembra secondario. Partecipi ad una manifestazione pubblica e lo rivendichi. Se uno partecipa in prima fila ad una manifestazione dietro uno striscione che dossieraggio è?».


Dalla stessa categoria

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]