Regionali, il Movimento 5 stelle e il nodo delle primarie Sunseri: «Strumento democratico». Di Caro «Superate»

Sì, no, forse. La possibilità di arrivare alle primarie per scegliere il candidato alla presidenza della Regione tra le fila del Campo largo targato Pd-Movimento 5 Stelle non è vista da tutti di buon occhio. Il sistema di incoronazione democratica del candidato, marchio di fabbrica dei Dem, che in questo caso tuttavia sembrerebbero piuttosto propensi a evitare, era stata ventilata da Claudio Fava, uno che dovrebbe ricoprire un ruolo importante all’interno del perimetro della coalizione, ma che ha deciso già da tempo di tentare di nuovo l’avventura da candidato, piaccia o no agli alleati. Intenzione ribadita negli ultimi giorni. Per evitare la frattura e ritrovarsi dunque con due candidati a caccia di voti nello stesso bacino elettorale di vocazione progressista, secondo il presidente della commissione Antimafia, l’unica condizione alternativa all’appoggio della sua candidatura sarebbero proprio le primarie.

Primarie alle quali non si sottrarrebbe Luigi Sunseri, deputato del Movimento 5 Stelle accreditato come uno dei papabili candidati. Il termitano ha più volte manifestato la sua «assoluta disponibilità. «Non indico il metodo, che potrebbe essere variegato – dice a MeridioNews – ma certamente la ritengo una modalità in grado di evitare che il nome sia deciso in una segreta stanza e allo stesso tempo di dare più forza al candidato presidente. Non so se si faranno e non so se saremo tutti d’accordo, questa è la mia idea personale. Per me è un sistema di scelta democratico, a cui il Movimento non è nuovo, che dà la percezione di un percorso democratico e coinvolgente».

Primarie che di contro non vanno proprio a genio ad altri componenti del gruppo parlamentare pentastellato, come Nuccio Di Paola, l’altro nome forte, al pari di Sunseri, per la candidatura, che esprime il suo assoluto dissenso nei confronti di «gazebo e un euro per votare» e che piuttosto gradirebbe un sistema di coinvolgimento della gente sulla base di tavoli di discussione sul territorio. Posizione condivisa anche dal capogruppo all’Ars Giovanni Di Caro. «Sinceramente l’abbiamo detto in una riunione congiunta col Pd – dice – Non ci piace il vecchio sistema dei gazebo, lo riteniamo superato. Siamo più per una decisione condivisa, seguita da una sorta di coinvolgimento popolare con eventi e giri per la Sicilia in cui proporre dei temi». 

A metà strada si trova invece Giampiero Trizzino, che si dice possibilista, ma solo nel caso in cui la coalizione dovesse faticare a trovare un nome condiviso. «Se il nome del possibile candidato della possibile coalizione non si trova all’interno – spiega – allora le primarie sono un metodo che non disdegno. Ma per me si tratta di una seconda scelta, una strada da seguire se non si ha la possibilità di individuare il nome in una riunione, se non esce in maniera tranquilla tra i discorsi di coalizione». Parole personali, quelle dei deputati, in attesa che possano arrivare faccia a faccia e argomentazioni in grado di tracciare una linea condivisa, cosa impossibile al momento, vista la mancanza di un coordinatore regionale. Ma in questo caso la palla ce l’ha Giuseppe Conte, leader nazionale del Movimento. «Ancora non abbiamo unità, anche se la cosa dovrebbe essere risolta a breve – dice Di Caro – Abbiamo avanzato questa criticità a Conte i primi di ottobre a Catania, lui ne ha preso atto, dicendo che avrebbe nominato il coordinatore il prima possibile». Intanto proprio ieri sera l’ex premier è stato impegnato nella riunione dalla quale sono venute fuori altre nomine a livello interregionale. Presto a cascata dovrebbe toccare anche ai coordinatori regionali.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]