Rabito, inafabeto e scrittore

Le umili radici e il semi-analfabetismo non hanno impedito a Vincenzo Rabito di essere definito un Verga proletario e un Gattopardo popolare. La ragione di questi importanti paragoni è custodita nelle mille e ventisette pagine del diario che Rabito ha scritto per raccontare la sua «maletratata e molto travagliata e molto desprezata» vita.

Rabito è nato nel 1899 a Chiaramonte Gulfi, ha vissuto le trincee della prima guerra mondiale e si è ritrovato in Sicilia tra tedeschi e americani durante la seconda. Ha conosciuto il fascismo e si è lasciato affascinare dall’idea di «antare affare solde all’Africa». Rabito cominciò a lavorare in campagna da bambino, poi partì per la Prima guerra mondiale vivendo tutte le vicende del Novecento italiano sulla sua pelle, fino al 1981 quando morì.

In molti hanno definito il suo diario una delle più importanti testimonianze storiche popolari. Per Andrea Camilleri l’opera custodisce «cinquant’anni di storia italiana patiti e raccontati con straordinaria forza narrativa. Un manuale di sopravvivenza involontario e miracoloso». Camilleri non è l’unico ad essersi accorto dell’eccezionalità dell’opera, infatti, nel 2000 il manoscritto ha ricevuto il premio Premio Pieve – Banca Toscana che viene assegnato alle opere diaristiche. Nel 2007 la sua storia diventa anche un libro pubblicato da Enaudi con il titolo di Terra Matta. Ma questo Rabito non lo sa perché la sua opera fu diffusa, dal figlio Giovanni, solo dopo molti anni dalla sua morte.

A prescindere dal successo del suo diario rimane una vita incredibile, raccontata senza inventare nulla, a parte la lingua. «Io tuttu quello che scrivo, magare che si capisce poco, è tutta verità, perché io ci ho tante e tante prove». In realtà questo contadino «inafabeto» riesce a farsi capire molto bene, anche se dopo ogni parola mette un punto e virgola. Rabito ci lascia una traccia del motivo che lo ha spinto a scrivere: «La querra in casa». È il matrimonio combinato, il terribile rapporto con la suocera a spingerlo a rinchiudersi nella sua camera davanti alla sua Olivetti per sette anni. Riavvolge lucidamente il nastro della sua memoria e ci ripropone pezzi della sua storia che in realtà sono pezzi della memoria d’Italia o della «butana Madre patria» come la definisce. Così nel suo affresco d’«Etalia» ci restituisce memorie della vittoria italiana nella «Crante querra» e della fame successiva: «Abbiamo vinto la querra ma abbiamo perso il manciare». Rabito è un picaro, non è un eroe, affronta tutte le vicissitudini cercando di salvarsi la pelle e trovare qualcosa di migliore. Assaggia la fame e la disoccupazione, tenta la fortuna in Africa e nella «Cermania» di «Iteler» e infine si accontenta di un lavoro da cantoniere.

In quei sette anni, tra il 1968 e il 1975, in quella piccola stanza davanti alla sua macchina da scrivere Rabito compie un grande sforzo, lentamente combatte contro l’analfabetismo non senza difficoltà. Come una «tartaruca, che stava arrevanto al traquardo e all’ultimo scalone cascavo», ma il sapersi arrangiare che per tutta la vita lo ha contraddistinto lo ha aiutato anche in quest’ultima impresa.

La vicenda di Vincenzo Rabito è solo uno delle quattro storie che sono state raccontate nell’appuntamento di mercoledì di Radio Luxembourg. Durante la trasmissione è stato dedicato spazio alla storia dell’orsetto più famoso al mondo, Teddy Bear, e ad una canzone di Fabrizio De André, Coda di lupo. Non è mancato neanche il racconto di un evento. Siamo andati indietro fino al dieci giugno del 1981 quando un ragazzino, Alfredino, cadde dentro uno strettissimo pozzo artesiano. La tragedia fu vissuta in diretta tv e anche per questo è rimasta impressa nell’immaginario collettivo.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ci sono voluti sette anni a Vincenzo Rabito per mettere insieme le milleventisette pagine che compongono il suo diario, scritto nella lingua un po' inventata di chi da solo combatte contro l'analfabetismo. La sua storia, assieme a quelle di Teddy Bear, di una canzone di De André e di Alfredino, è stata protagonista della puntata di mercoledì di Radio Luxembourg - Jolly, 12 leonesse rossazzurre

Ci sono voluti sette anni a Vincenzo Rabito per mettere insieme le milleventisette pagine che compongono il suo diario, scritto nella lingua un po' inventata di chi da solo combatte contro l'analfabetismo. La sua storia, assieme a quelle di Teddy Bear, di una canzone di De André e di Alfredino, è stata protagonista della puntata di mercoledì di Radio Luxembourg - Jolly, 12 leonesse rossazzurre

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]