Punta Bianca, i crolli nella collina usata dai militari Cordaro: «Trattative in corso per spostare poligono»

«C’è una trattativa in corso, ma non posso dire di più». Toto Cordaro non si sbottona, ma assicura che su Drasy potrebbero esserci novità. Il poligono di tiro che ricade nel territorio di Agrigento, in un’area naturale su cui da metà anni Novanta c’è la richiesta di istituzione di una riserva naturale, è tornato ieri al centro dell’attenzione, dopo che l’associazione Mareamico ha divulgato le immagini di nuovi cedimenti nell’area. «L’erosione costiera e le vibrazioni causate dalle esercitazioni militari, stanno facendo crollare la collina di Drasy. In questi ultimi giorni è caduta in mare una stradina interna di passaggio e il binario porta sagome, utilizzato dall’esercito», dichiara il responsabile di Mareamico Claudio Lombardo.

Delle esercitazioni militari si parlò ampiamente nella primavera di due anni fa, in seguito a un video in cui venivano mostrati i blindati e il personale della brigata Aosta a Drasy. Il luogo, peraltro, per sette mesi l’anno ospita anche le attività di polizia e carabinieri, ma anche le esercitazioni dei militari statunitensi di stanza a Sigonella. «Per chi vive da queste parti sentire tremare la casa periodicamente non è una novità, anche se l’abitudine non ce la si fa mai – commenta Lombardo -. I problemi però riguardano anche altro, a partire dall’inquinamento nel mare antistante la costa per via dell’elevata concentrazione di piombo. Le bonifiche, per quanto promesse, ancora non ci sono state».

Nel 2014, la possibilità di spostare il poligono in un’altra sede fu al centro di un’interrogazione parlamentare alla Camera a cui rispose l’allora sottosegretario alla Difesa Gioacchino Amato. «Nell’ottica di una fattiva collaborazione sono in corso incontri tra rappresentanti del comando della Regione militare sud e della presidenza della Regione Siciliana – si legge nel resoconto stenografico – allo scopo di discutere le problematiche connesse con l’area del poligono di Drasy e l’individuazione di una nuova area, cercando di contemperare le imprescindibili esigenze addestrative della forza armata con gli aspetti che attengono all’impatto ambientale e allo sviluppo turistico ed economico dell’area che comunque per la Regione Siciliana sono fattori altrettanto importanti».

Quasi sei anni dopo in Sicilia è cambiato il governo regionale – da Crocetta a Musumeci – ma non la situazione a Drasy. Anche se, a detta dell’assessore Cordaro, è solo questione di tempo. «Credo che già a metà del prossimo mese potremo fare sapere qualcosa», dichiara il titolare della delega al Territorio e all’Ambiente, consapevole che la decisione non dipenda soltanto dalla volontà del governo ma dal consenso anche delle forze armate. «Se ci sono novità positive saremo i primi a essere felici – commenta il sindaco di Agrigento Lillo Firetto – anche perché si tratterebbe di una sorpresa lieta. A oggi, infatti, non abbiamo avuto notizie dalla Regione in merito all’individuazione di un’alternativa né siamo stati coinvolti in momenti di confronto». 

A rimanere le stesse sono anche le esigenze. «La presenza del poligono in un passato, ormai remoto, è servita ad allontanare le mire dei palazzinari. Da tempo, però, quell’area è vincolata ed è giusto che venga valorizzata da un punto di vista ambientale istituendo la riserva. La permanenza delle esercitazioni militari danneggia il territorio», conclude il primo cittadino.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]