Foto della pagina Facebook Balena Bianca Consulting

Un’intelligenza artificiale che aiuta i politici nel loro lavoro. L’ideatore: «Nata per gioco e per provocazione»

Un’intelligenza artificiale che può supportare politici e amministratori locali nel loro lavoro. Si chiama Politiko ed è stata creata da Balena Bianca Consulting, società che si occupa di comunicazione politica e di curare campagne elettorali. «In un primo momento Politiko è nato per gioco e anche come una provocazione», dice a MeridioNews Simone Dei Pieri, amministratore unico di Balena Bianca. «Visto che in alcuni casi le persone impegnate in politica non sono propriamente preparate – dice Dei Pieri – ci siamo chiesti: “I politici sono tutti necessari?“». E la provocazione sta proprio in questo, perché ovviamente l’intelligenza artificiale non può sostituire il lavoro politico umano, «ma può supportarlo e supplire ad alcune mancanze», dice Dei Pieri. «Abbiamo iniziato a lavorare a Politiko a ottobre 2023 – continua – perché ci serviva per aiutare un eurodeputato nella sua attività, visto che non aveva abbastanza tempo per fare tutto».

Politiko si basa sui gpt, cioè i trasformatori generativi pre-addestrati. Questi danno alla applicazioni di intelligenza artificiale la possibilità di rispondere a delle domande come se fossero un essere umano e di creare testi, immagini, musica e altri contenuti. Politiko si appoggia a ChatGPT, probabilmente la più nota tra le intelligenze artificiali disponibili al momento. «Praticamente abbiamo creato un bot automatizzato – dice Dei Pieri – con dentro documenti pubblici e dossier, per esempio della Camera dei deputati, ma anche faldoni da centinaia di pagine pubblicati dall’Assemblea regionale siciliana: in questo modo abbiamo addestrato il bot». L’intelligenza artificiale legge queste carte e acquisisce le informazioni contenute nei documenti, così può essere in grado di rispondere alle domande di chi lo usa; domande che le persone possono fare scrivendo in una chat, come se stessero parlando con un’altra persona. «Più la domanda sarà precisa – dice Dei Pieri al nostro giornale – più la risposta sarà precisa. Inoltre Politiko riesce a riassumere i documenti, funzione molto utile se si deve leggere un disegno di legge molto corposo o un documento molto lungo».

Per acquisire le informazioni Politiko procede così: «Analizza i documenti che l’utente carica – dice Dei Pieri – li scansiona e poi lavora per parole-chiave». L’unico limite è quello delle informazioni che riguardano l’attualità. Visto che l’addestramento di ChatGPT si è fermato a gennaio 2022, anche Politiko non può dare risposte su fatti accaduti da allora in avanti. «Ma le persone possono continuare ad addestrarlo – dice Dei Pieri – perché chiunque può caricare file e documenti aggiornati e con informazioni nuove. Finora – continua – abbiamo caricato circa 5000 pagine di documenti e alcuni politici lo stanno già usando, sia in Parlamento europeo sia in quello nazionale». Ma visto che chiunque può caricare documenti per addestrare questa intelligenza artificiale, è importante capire se riesce a contrastare l’eventuale diffusione di informazioni false.

«Ci sono tre valvole di sicurezza – dice Dei Pieri – La prima è l’analisi del tipo di file caricato», nel senso che Politiko analizza la natura del documento, «confrontandolo con quelli caricati in precedenza. La seconda valvola è in uscita: quando il bot risponde alla domanda l’utente legge i dati contenuti nella risposta e li verifica. La terza è quella più importante – continua Dei Pieri – Politiko attinge da internet, dal web, quindi la maggioranza vince. Se io carico un documento che su un argomento contiene informazioni diverse rispetto a quello che la maggior parte dei documenti dice su quell’argomento, Politiko capisce che quella è una posizione minoritaria, per cui nella sua risposta potrebbe dire una cosa tipo: “Sul tema X è opinione comune che, eccetera, eccetera, tuttavia ci sono alcune posizioni minoritarie che sostengono eccetera, eccetera”».

Dopo il suo sviluppodurato circa sei mesi – «Politiko è stato messo online sul sito di Balena Bianca Consulting da due settimane – dice l’amministratore unico della società – e in questi mesi il suo profilo è cambiato molto». Questo perché «era stato pensato come strumento interno – dice Dei Pieri – ma poi abbiamo deciso di renderlo disponibile per tutti gratuitamente, perché ci sembra uno strumento utilissimo per un politico, dal consigliere comunale pigro al deputato che con i tempi non ci arriva a lavorare bene a tutto. Inoltre – continua – ci sembra utilissimo per gli amministratori locali, che a volte possono anche non essere specializzati su alcune materie lontane dalla loro formazione». In questo modo «se l’assessore di un Comune virtuoso carica un documento su una politica che ha implementato in uno specifico settore, quella strategia è a disposizione di tutte le persone che consultano Politiko e che sono interessate a quell’argomento». L’obiettivo dichiarato è «che lo usino più politici possibile – conclude Simone Dei Pieri – perché caricare nuovi documenti e mettere in rete le competenze significa mettere in circolo buone pratiche utili a tutti, a prescindere dal tipo di incarico politico che si ricopre».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Un’intelligenza artificiale che può supportare politici e amministratori locali nel loro lavoro. Si chiama Politiko ed è stata creata da Balena Bianca Consulting, società che si occupa di comunicazione politica e di curare campagne elettorali. «In un primo momento Politiko è nato per gioco e anche come una provocazione», dice a MeridioNews Simone Dei Pieri, […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]