Pnrr infrastrutture: aumentano costi e tempi. Al Sud solo il 14 per cento dei cantieri prioritari è in corso

Da un lato l’aumento dei costi delle materie prime e dall’altro un poco brillante 14 per cento dei cantieri prioritari per il Sud che risultano essere in corso. Non è proprio entusiasmante la fotografia sullo stato di attuazione delle infrastrutture che rientrano nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr). L’analisi è contenuta nel rapporto intermedio redatto dalla commissione Ambiente alla Camera dei deputati con i dati che sono stati elaborati dalla fondazione indipendente Openpolis. I costi delle infrastrutture, con i dati aggiornati al 31 dicembre 2022, ammontano a 132 miliardi di euro, a maggio la quota arrivava a 125 miliardi di euro. Un aumento legato ai costi dei materiali di costruzione, dei carburanti e dei prodotti energetici. Il 46 per cento dei costi previsti riguarda infrastrutture che, sulla carta, hanno una corsia preferenziale essendo opere commissariate. In Sicilia, rientra in questa categoria la linea ferroviaria Catania-Palermo-Messina, indicata nella tabella del rapporto con la dicitura di alta velocità nonostante si tratti di una velocizzazione della linea non paragonabile a quelle attive tra le principali città della penisola. Collegato alle opere prioritarie anche l’interramento della linea nel nodo di Catania e il ripristino della Caltagirone-Gela.

Alla voce strade e autostrade c’è il risanamento e potenziamento della A19 Catania-Palermo e dell’A29 Palermo-Mazara del Vallo. In questa categoria rientra anche la Catania-Ragusa, con le prime attività di cantierizzazione – suddivise in quattro lotti – che sono state avviate tra fine marzo e aprile scorso. Per quanto riguarda i sistemi urbani, nell’elenco ci sono le nuove linee tramviarie a Palermo e, infine, l’adeguamento e la messa in sicurezza dei porti di Catania, Trapani, Palermo e Augusta. I lavori sulle ferrovie sono quelli che si trovano allo stadio più avanzato, registrando la percentuale maggiore – 26 per cento – di opere in corso. Seguono ciclovie – 11 per cento -, porti e interporti – 10 per cento -, sistemi urbani – 7 per cento -, strade e autostrade – 1 per cento. Mentre aeroporti, infrastrutture idriche ed edilizia pubblica sono ancora ferme ai passaggi precedenti all’avvio dei progetti.

La Sicilia è la regione con la percentuale più alta a livello nazionale (vedi mappa) – 36 per cento per 6773 milioni di euro – dei fondi per le infrastrutture. Seguono Campania, Lombardia e Liguria. «Al Centro-Nord – si legge nel rapporto della commissione Ambiente – si registra uno stato di realizzazione più maturo, con il 36 per cento dei costi previsti che riguarda lavori in corso. Al Sud e nelle isole, il 24 per cento dei costi previsti riguarda lavori in gara o aggiudicati».

Stando a quanto messo nero su bianco nel rapporto nel biennio 2021-2022, nonostante la forte crescita del mercato delle opere pubbliche, si è assistito a un rallentamento della capacità realizzativa. Dietro c’è l’aumento dei prezzi dei materiali di costruzione che ha modificato i costi dei progetti già approvati, imponendo quindi una rivisitazione degli stessi. Il decreto Sostegni-bis e quello denominato Aiuti hanno però evitato il blocco del mercato «come si evince dal ridotto peso dei procedimenti interrotti – si legge nel documento – ovvero bandi annullati o gare andate deserte o non aggiudicate: 10 per cento per le infrastrutture prioritarie e 7 per cento per l’intero mercato delle opere pubbliche».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]