Palazzolo Acreide, annullato il concerto di Niko Pandetta Studenti: «No nel paese di Fava». Titolare: «Pochi spazi»

Niko Pandetta e Pippo Fava. Un binomio che ha fatto saltare dalla sedia gli studenti di alcuni istituti superiori di Palazzolo Acreide. Il primo è un cantante neomelodico catanese e nipote del capomafia al 41 bis Turi Cappello, che lo scorso anno è stato anche indagato dalla procura etnea per reati in materia di stupefacenti. Lui avrebbe dovuto essere ospite di una serata nel paese del Siracusano che ha dato i natali al giornalista ucciso dalla mafia organizzata per il 28 dicembre scorso – e poi annullata – dagli imprenditori di Valentino Catering, rinomato servizio di catering per grandi eventi. 

Dell’evento sul web non si trova più traccia. «Quando i ragazzi sono venuti a sapere di questa serata, si è subito creato scompiglio. Gli studenti si sono scontrati durante alcune assemblee di classe – racconta a MerdioNews Natya Migliori, professoressa all’istituto alberghiero di Palazzolo Acreide che ne ha dato notizia anche sul sito della Fondazione Giuseppe Fava –  Alcuni non ci vedevano nulla di male, altri si sono opposti alla possibilità di avere il cantante nel paese di Fava». 

«Noi giovani palazzolesi abbiamo ancora la cultura di Pippo Fava – dice una delle studentesse dell’alberghiero che si è opposta alla serata di Pandetta – Ne abbiamo discusso in assemblea: quelli che ascoltano la sua musica erano favorevoli perché hanno già partecipato ad altri suoi concerti e forse non ci vedevano nulla di male. Io e altri che ci impegniamo a ricordare il cronista di origine palazzolese ucciso da Cosa nostra abbiamo ritenuto l’idea sconcertante». Al di là dei gusti musicali è il senso della legalità a motivare i giovani studenti. «A scuola abbiamo fatto un progetto che ci ha portato alla scoperta dei luoghi e dei vicoli di Pippo Fava a Palazzolo – racconta – la sua casa, le zone a cui era legato come i ruderi del castello e anche alcune chiese. Dopo aver conosciuto il paese da questo punto di vista ci è sembrato inconciliabile ospitare qui Niko Pandetta». Un fermento che a Palazzolo sarebbe andato oltre la scuola, diventando oggetto di passaparola in città.

L’evento, alla fine, è stato annullato. «Stavamo trattando con lui per organizzare la serata, ma non c’era ancora nessun contratto firmato – risponde uno dei titolari di Valentino Catering in merito alle motivazioni che hanno portato alla scelta della cancellazione – In un secondo momento, abbiamo deciso di rinunciare all’evento per problemi di spazi». L’esibizione del cantante si sarebbe dovuta svolgere all’interno di una tensostruttura dove il servizio di catering organizza altri eventi simili. «Le sue parentele e tutte quelle questioni non c’entrano nulla con la nostra scelta di annullare la serata».

Il cantante neomelodico, con milioni di visualizzazioni su Youtube e un seguito di fan in tutta Italia, è stato indagato nell’inchiesta Double Track. Secondo gli investigatori non avrebbe avuto un rapporto stabile con il clan Cappello, ma sarebbe stato comunque impegnato «in una parallela e intensa attività di spaccio, in particolare per quanto riguarda la cocaina». Tra i suoi brani ci sono anche riferimenti allo zio capomafia Turi Cappello. «Zio Turi, io ti ringrazio ancora per tutto quello che fai per me. Sei stato tu la scuola di questa vita, mi hai insegnato a vivere con onore». 

Amante dei tatuaggi – lacrime, croci e scritte tra cui anche quella zio” su un avambraccio con vicino un cappello – e dei video su Facebook. Una diretta il cantante l’aveva dedicata proprio a MeridioNews, un anno fa, con delle minacce all’indomani della pubblicazione di un reportage sulla musica neomelodica a Catania.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]