Pachira, dai matrimoni al tour in Germania Nel nuovo album Ciciulìa l’impegno No Triv

Se i Pachira fossero un animale, sarebbero un incrocio tra la cicala e la formica. Spensierati come la prima e laboriosi come la seconda, incarnano la figura, forse inedita, del musicista-artigiano. Narcisisti al punto giusto, formano una self-made band, al cui interno ognuno ha un ruolo ben definito ed è ingranaggio di una catena che non produce soltanto musica, ma anche tutto ciò che ne costituisce il contesto. Per questo motivo il gruppo si è dato il nome della pianta dai rami intrecciati, armoniosamente attorcigliati come i musicisti e le loro competenze. Musicali e non. 

Giuseppe Abbruscato, Totò Cani, Emanuele Gattuso, Giuseppe Malfitano e Francesco Sottile incarnano le strade di provincia che si incrociano, dalla costa di Licata all’entroterra di Ravanusa e Campobello di Licata, come affluenti che convogliano verso un fiume in piena di energia, estro e musica suonata bene. Ed è così che il batterista diventa l’addetto alle pratiche burocratiche e agli spostamenti della band, il tastierista è anche il fonico del gruppo, il bassista cura la comunicazione e le pagine sui social, il cantante si occupa di booking e merchandising e il chitarrista è l’ideatore degli sketch che i cinque agrigentini propongono durante gli spettacoli. 

«Fin dall’inizio – afferma Peppe Malfitano, cantante e chitarrista dei Pachira – abbiamo accettato di fare un po’ di tutto, comprese attività che non rispecchiano il profilo strettamente professionale di una band. Pur di suonare ci siamo esibiti ovunque: feste private, matrimoni, localini di paese, persino all’interno di uno sfasciacarrozze. Alla fine è stato un bene, perché ci ha permesso di arrivare proprio a tutti». Due dischi all’attivo dal 2009 a ora: Il valzer della banda dell’isola e Ciciulìa, uscito pochi mesi fa e ricco di collaborazioni: da Bedda, suonata con Peppe Qbeta, a L’isola dei conigli, che affronta il tema dell’immigrazione, incisa con Tony Canto, già chitarrista e arrangiatore di Alessandro Mannarino. «Sono 12 pezzi inediti, tra i quali quattro in dialetto – continua Malfitano – che rappresentano un mix tra le varie sfaccettature della cultura pop, con sfumature cangianti che attraversano folk, pop e swing».

Nel disco c’è anche Crocetta e la trivella, canzone con la quale il gruppo, a modo suo, dice il proprio no alle trivellazioni nel Mediterraneo. «Siamo molto legati al territorio e ci siamo sentiti chiamati in causa. Sono venuti fuori un brano e un video, quello realizzato con la Riflessi Studios di Andrea Sardo, con i quali si ironizza su un tema importante, ma che magari sono un canale per far passare il messaggio tra un pubblico di non addetti ai lavori». E dopo il giro dei teatri siciliani con Gaetano Aronica, le trasferte al di là dello Stretto con Franco Oppini e un tour che li ha portati in Germania e nelle principali città del centro-nord Italia, i Pachira pensano già alle prossime mosse. «In primavera – prosegue il frontman della band – saremo di nuovo in giro per lo Stivale; subito dopo inizieremo a lavorare al prossimo disco, che sarà molto più moderno». 

Nel frattempo c’è spazio per un concerto a Licata, che si è svolto proprio ieri, giorno di Natale. «Finalmente dalle nostre parti, nella città natale di una Rosa Balistreri che ha ispirato anche noi. Siamo entusiasti perché il pubblico di casa è calorosissimo nei nostri confronti e sfata il tabù del nemo profeta in patria: ogni volta è una grande festa che va oltre il concerto». Live che, per i Pachira, significa non risparmiare nemmeno una minima percentuale dell’energia che hanno in corpo. «La nostra prerogativa è improvvisare, dopo aver messo a punto scalette in cui i pezzi vengono stravolti al ritmo di calypso, surf o marciati che fanno scatenare il pubblico. Durante lo spettacolo succede di tutto, e lo sa bene Francesco (il chitarrista), il quale una volta lanciò la chitarra in aria e poi suonò per tutto il concerto con la paletta dello strumento staccata». Tra sacrifici e peripezie, i Pachira lanciano anche un messaggio di ottimismo: «Nonostante la crisi, la Sicilia è una delle regioni dove si suona di più. Basta non essere schizzinosi».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

La band agrigentina si racconta a MeridioNews a pochi mesi dall'uscita dell'ultimo lavoro, «12 pezzi inediti, quattro in dialetto, un mix tra folk, pop e swing». Ieri sera si sono esibiti a Licata, «nella terra di Rosa Balistrieri che ha ispirato anche noi», sottolineano. Da primavera concerti in tutta Italia

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]