Minacce a MeridioNews per doc sui neomelodici La solidarietà: «È un episodio da condannare»

«Ancora una volta ci ritroviamo a dover fronteggiare attacchi ben precisi, per quanto a tratti volgari e scomposti, per chi vuole imbavagliare la stampa e mettere a tacere la verità. Attacchi che destano preoccupazione anche perché provenienti da un contesto ben preciso». È il testo di uno dei tanti messaggi di solidarietà arrivati alla redazione di MeridioNews dopo che questa testata ha reso note le minacce ricevute a seguito della pubblicazione del MeridioTrotter sulla musica napoletana a Catania. Nel mini-documentario venivano menzionati due cantati neo-melodici, Niko Pandetta e Andrea Zeta, e le loro parentele. Il primo è nipote del capomafia al 41 bis Turi Cappello, il secondo è figlio del boss della famiglia Santapaola-Ercolano Maurizio Zuccaro. Rapporti di vicinanza che non erano mai emersi prima della pubblicazione del nostro reportage. 

La notizia delle minacce – rilanciata da Ossigeno per l’informazione, Il fatto quotidiano e la Tgr Rai – ha dato il via a una lunga catena di solidarietà. A scrivere, oltre al gruppo Fare ordine dell’Ordine dei giornalisti di Sicilia, anche lo stesso OdG SiciliaArticolo 21, l’Unione nazionale cronisti italiani Sicilia, il sindacato Fnsi e la sua diramazione locale Assostampa Sicilia che si augurano «l’intervento di istituzioni e forze dell’ordine». E ancora il movimento politico Catania bene comune, l’associazione Asaec antiestorsione, il Gapa di San Cristoforo, le redazioni de I cordai e de I siciliani giovani. Per Paolo Borrometi, presidente di Articolo 21, «le minacce sono gravi, inaccettabili e fanno comprendere ancora una volta il clima ostile nei confronti di giornalisti che vogliono svolgere solo e unicamente il proprio dovere». A questo messaggio fa eco Andrea Tuttoilmondo, dell’Unci Sicilia, per il quale «simili episodi vanno condannati senza appello». A esprimere «solidarietà e vicinanza» anche il presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci. «A coloro che sono impegnati a denunciare e raccontare i fatti, col rischio costante di minacce e intimidazioni – afferma il presidente – deve andare sempre il massimo sostegno delle istituzioni e la gratitudine di tutta la società». Il sindaco di Catania Enzo Bianco si è detto vicino a Luisa Santangelo e alla nostra redazione, a nome suo e dell’amministrazione del capoluogo etneo: «Fiducia nell’operato degli investigatori – spiega in una nota – a noi resta il compito di stare vicino a chi è esposto alle intimidazioni».

«Facciamo appello a tutte le cittadine e tutti i cittadini, alle associazioni catanesi, alle istituzioni di unirci intorno alla redazione di MeridioNews per sostenere il loro lavoro e condurre una necessaria battaglia per la libertà d’informazione, contro la mafia». È questo, invece, uno stralcio del lungo comunicato stampa diffuso da Catania bene comune. «La musica, tutta, soprattutto quella neomelodica – prosegue la nota destinata ai giornalisti – sia strumento per combattere la violenza e la sopraffazione criminale. La mafia è il contrario dell’amore e dell’amicizia raccontati in tante canzoni». Sullo stesso tema, replica anche l’associazione Asaec antiestorsione di Catania: «Auspichiamo che i vertici della polizia postale possano fare luce sul grave accaduto».

Ai colleghi e alle associazioni cittadine si sono aggiunti i tanti commenti e messaggi dei lettori e delle lettrici. A quanti in queste ore ci hanno mostrato la loro vicinanza e l’apprezzamento per il nostro lavoro quotidiano va il ringraziamento di tutta la redazione. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Il racconto di quanto avvenuto dopo la pubblicazione del nostro MeridioTrotter sulla musica napoletana a Catania ha innescato un meccanismo fatto di supporto e attestazioni di stima. Messaggi dall'Ordine dei giornalisti, da Articolo 21, dall'Unione nazionale cronisti italiani Sicilia e da associazioni e movimenti antimafia del territorio

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]