Migranti, le difficoltà dell’accoglienza temporanea «Bimbi in casa famiglia mentre mamma partorisce»

«Grazie per il vostro sostegno». Sono le parole di una giovane migrante di origine somala. Non parla bene l’italiano ma ci teneva a esprimere gratitudine nei confronti delle operatrici che si sono prese cura di lei e del figlio di cinque anni mentre all’ospedale di Lentini dava alla luce un altro bimbo. La donna proviene da uno dei cosiddetti viaggi della speranza: è sbarcata al porto di Augusta con il pancione pronto al parto e con Aziz, il primo genito. Ad accoglierli in ospedale è stata Rosalba Di Mauro, operatrice dell’ufficio Servizi sociali che ha affidato Aziz a una casa famiglia incaricata di prendersi cura di lui mentre la madre era ricoverata. «Inizialmente la donna non capiva cosa stesse succedendo e perché le portassimo via il figlio – racconta a MeridioNews l’assistente sociale -. Fortunatamente siamo riusciti a tranquillizzarla spiegandole che quello era un modo per venirle incontro. Peraltro ha visto il bambino ogni giorno».

La scelta di affidare il minore a una casa famiglia è scaturita dalla mancanza di famiglie del posto disposte a garantire l’accoglienza temporanea. L’ufficio non disporrebbe infatti di una banca dati con i riferimenti di nuclei familiari pronti a prestare questo tipo di intervento. Mentre la giovane somala era ricoverata nel reparto di ginecologia e ostetricia per il parto cesareo, dunque, Aziz è stato portato nella struttura dove ha ricevuto le cure mediche di routine e ogni assistenza utile al suo benessere. «Quando l’ho dato in affido il bambino era di poche parole, ma già dopo due giorni ha cominciato a integrarsi chiamando per nome le persone che lo hanno accudito – prosegue Di Mauro -. La mamma ha messo al mondo un altro maschietto e ieri sono stati dimessi dai medici, quindi Aziz è stato riaffidato a lei e i tre sono stati accompagnati in un centro di prima accoglienza. Per noi, quindi, il caso è chiuso», aggiunge.

Per la professionista non è stata la prima esperienza coi migranti. Anche lo scorso anno si è ritrovata a fornire assistenza al figlio di una richiedente asilo in terapia intensiva. E anche in quel caso l’ufficio è stato costretto a contattare una casa famiglia, in mancanza di persone disposte a prendersi cura, in via temporanea, del minore. «Quando allo sbarco ci sono donne con minori o solo minori che hanno l’esigenza di essere ricoverati a Lentini, a seconda delle esigenze dobbiamo intervenire per tutelarli – spiega a MeridioNews l’assistente sociale Linda Linfazzi -. È la procura che a volte, oltre alla prefettura, ce li segnala, noi interveniamo prendendoli in carico e reperendo la disponibilità di famiglie per l’accoglienza di breve periodo. Nel caso di Aziz, la collega è stata costretta ad accompagnarlo presso una casa famiglia perché non abbiamo un elenco di famiglie di appoggio. Vorrei riprendere a lavorare per creare tale registro. Il territorio – conclude – va sensibilizzato all’accoglienza provvisoria dei minori che per diversi motivi vengono sottratti alla madre o al padre», conclude.  


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Le operatrici dei servizi sociali di Lentini si sono prese cura del figlio di una donna somala, giunta in Sicilia poco prima di mettere alla luce il secondo figlio. E a MeridioNews raccontano quanto non sia facile trovare famiglie disposte a ospitare i minori anche solo per pochi giorni: «Sensibilizzare il territorio»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]