L’Isolabella verso un cambio di gestione UniMe si candida: «Realtà mai promossa»

Isolabella verso una nuova gestione e spunta la candidatura dell’Università di Messina. L’ateneo potrebbe, infatti, raccogliere nei prossimi mesi il testimone dall’attuale ente gestore, il Cutgana, e avviare una fase di rilancio dell’oasi naturale che rappresenta, al pari del Teatro Antico, il biglietto da visita per il turismo di Taormina e un simbolo dell’isola. 

La riserva naturale fu affidata al Centro di ricerca dell’Università di Catania nel 2011 con decreto del dirigente generale dell’assessorato regionale al Territorio e Ambiente, Giovanni Arnone. Cinque anni dopo, si avvia adesso a conclusione il periodo di affidamento e già si parla del futuro. «Il nostro ateneo ha tutte le conoscenze, le competenze e le strumentazioni per elaborare un progetto in grado di valorizzare al meglio l’intera area», spiega Filippo Grasso, docente di Analisi di mercato all’università di Messina, che nell’ambito degli studi scientifici si occupa di problematiche relative alle politiche turistiche territoriali ed è docente di Scienze del turismo.

«L’affidamento di Isolabella all’Università di Messina – continua il professore – a mio avviso è la strada da seguire. Sarebbe la soluzione ideale per rilanciare l’area naturalistica e proiettarla in un futuro importante. Abbiamo le competenze e le professionalità in tutto ciò che concerne la gestione della Riserva Naturale e dell’isolotto, non solo sotto l’aspetto ambientale ma anche per dare una svolta sotto il profilo del turismo e della cultura, e si potrebbe operare in sinergia col territorio anche in vista della progettazione. Stiamo parlando di un luogo di meravigliosa bellezza ma, di fatti, di una realtà mai promossa e mai valorizzata nel contesto extra-siciliano, né in Italia né all’estero». Secondo Grasso le potenzialità inesplorate riguardano anche «la parte faunistica e subacquea, su cui sviluppare un progetto con il Comune». «Isolabella dev’essere compresa nel pacchetto Taormina – aggiunge – non può essere un qualcosa che si ammira soltanto nei mesi in cui i turisti vanno in spiaggia». Anche il comitato cittadino La voce del mare, che riunisce una parte dei residenti di Mazzarrò, auspica il cambiamento. «Rispettiamo il Cutgana ma non siamo soddisfatti e crediamo si possa e si debba fare di più. A nostro avviso serve un cambio di gestione e un nuovo progetto», afferma il presidente Giovanni Aucello

L’Università di Messina ha dato un segnale a Taormina lo scorso anno procedendo con l’impegno dei suoi studenti alla riqualificazione della Domus San Pancrazio, l’area di epoca imperiale riportata alla luce dopo tanti anni di degrado e abbandono. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]