L’inverno più caldo e meno piovoso degli ultimi 30 anni «Conseguenze su cereali, arance e sui pini dell’Etna»

«È stato un inverno senza inverno, il caldo registrato in Sicilia a febbraio e aprile è un record. Non avevamo un’ondata così dal 1985». La conseguenza? «In alcune aree delle province sud orientali dell’Isola praticamente non è piovuto, siamo davanti a siccità storiche». Il servizio informativo agrometereologico siciliano da mesi registra, grazie alle sue 96 stazioni sparse su tutto il territorio, temperature anomale. «Non passa mese senza valori da record, anche rispetto a lunghe serie storiche», sottolinea il direttore Luigi Pasotti. 

L’isola viene fuori da uno degli inverni meno piovosi di sempre. «Le aree sud orientali sono ai minimi storici – spiega Pasotti – parte della piana di Catania, la zona tra Augusta e Siracusa, e poi le aree tra Santa Croce Camerina, Acate e Vittoria sono le zone dove la siccità è più forte, in un anno sono caduti meno di 300 millimetri di acqua». Troppo presto per parlare di cambiamento climatico? «La singola stagione da sola non può essere un segnale, tuttavia le anomalie si stanno susseguendo al punto da suffragare la tesi di un aumento della temperatura di un grado e mezzo, e forse qualcosa in più, nell’ultimo secolo». Nelle mappe del Sias balzano agli occhi invece le macchie di colore blu intenso – dove piove di più – sulla fascia tirrenica, in particolare nel Messinese. «Quell’area della Sicilia viene maggiormente investita dalle perturbazioni atlantiche, mentre la zona meridionale è solitamente colpita da circolazioni depressionali che si sviluppano a sud dello Stretto e che sono sempre meno frequenti».

Le conseguenze della siccità sono molteplici. «L’ultima stagione irrigua – analizza Pasotti – è finita molto tardi, praticamente a ottobre, mentre quella nuova è già iniziata, nella piana di Catania e a Siracusa è partita ad aprile, con oltre un mese di anticipo. Questo significa che l’acqua rischia di scarseggiare nelle falde e nei piccoli pozzi. Più la falda si abbassa, più aumentano i costi per il pompaggio dell’acqua a carico degli agricoltori. Fortunatamente la situazione non è critica nei grandi invasi, che si sono riempiti abbondantemente in autunno, quando, tra settembre e novembre, è piovuto molto». 

Sono tante le attività a rischio a causa del caldo anomalo, a cominciare dalla coltivazione dei cereali e del foraggio. «Il frumento – spiega il direttore del Sias – ha bisogno di molta acqua adesso, perché è in fase di fioritura, se non dovesse piovere nelle prossime settimane si andrà incontro a una perdita di produzione molto alta. Idem per i foraggi e il fieno tra Siracusa e Ragusa, quest’anno la produzione sarà penalizzata di oltre il 50 per cento, gli allevatori saranno costretti a comprarlo altrove». Esiste poi una correlazione anche tra le temperature e il consumo di arance, secondo cui, ricorda Pasotti, «se non fa abbastanza freddo, la gente compra meno agrumi».

Infine altra grande vittima del caldo sono i pini dell’Etna, assediati dalla processionaria. «L’esplosione di quest’anno – sottolinea il dirigente – è indubbiamente legata al caldo, che ha ridotto la mortalità invernale delle larve, anticipando fortemente le processioni. È veramente un disastro e le misure sono da prendere sul medio e lungo periodo, usando ad esempio i metodi della confusione sessuale, utilizzando i feromoni, le sostanze emesse dalle femmine per attirare i maschi e diffondendole nel periodo della fecondazione per ostacolare la deposizione delle uova. Ma in questo caso – conclude – a mancare sono le risorse economiche».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]