Foto di Janvanbizar su pixabay

La vita nelle campagne siciliane: «Una poesia che esiste solo nel ricordo». Tra regole opprimenti, immobilismo e violenze

«Un’umanità brulicante, che vive in una società chiusa, marginale ed emarginata». È per rendere fin dalla copertina l’immagine di questa metafora che la sociologa siciliana Mariuccia Noto ha intitolato il suo libro A furmicalora. Un formicaio dove, come gli insetti tra i più sociali e operosi, le persone sono «inserite in rigidi sistemi, lavorano dall’alba al tramonto praticamente solo per sfamarsi». Un romanzo corale con tanti personaggi che affollano il microcosmo di un piccolo paese a vocazione agricola della Sicilia nei primi del Novecento. Sono le storie intrecciate delle loro quotidianità a scrostare la retorica di un’epoca passata alla storia come idilliaca e bucolica. «Nel ricordo, il passato ci sembra sempre meglio di come è stato», commenta a MeridioNews l’autrice originaria di Motta d’Affermo, nel Messinese. «E invece in quel momento di passaggio dall’epoca premoderna alla modernità, la povertà si coniuga con l’ignoranza e la superstizione, il sentimento religioso convive con credenze e rituali legati a forze occulte e il controllo sociale condiziona la libertà personale».

In particolare, quella della donne: «Sottomesse a opprimenti regole sociali tipiche di ambienti chiusi e all’autorità del maschio di famiglia (padre, marito o fratello che fosse), troppo spesso le donne erano violentate tra le campagne e lasciate senza speranze. Eppure, anche in quei casi, cercavano di resistere non solo per la voglia di affermarsi ma anche per difendere la propria dignità e identità». Racconti di una società, quella di un piccolo centro agricolo e di una civiltà contadina, che nell’immaginario ha un sapore quasi romantico ma, in realtà, è più impregnata di patriarcato e arretratezza. «Ho iniziato fin dall’adolescenza ad ascoltare i racconti delle persone anziane – aggiunge l’autrice – e a raccogliere e conservare storie, aneddoti e proverbi. Poi li ho incrociati con studi di comunità sulle realtà agricole siciliane». Laureata in Scienze politiche, Noto è stata ricercatrice per il Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr), e in questo romanzo d’esordio (pubblicato da Navarra editore) mette insieme l’interesse scientifico in ambito antropologico e l’amore per la Sicilia.

Un’isola ricca di un patrimonio immateriale e di una saggezza antica che rischia di dissolversi, appiattita dallo spopolamento delle aree interne e dalla globalizzazione. «Ho analizzato i sistemi di produzione arcaici tipici delle società dell’epoca, dal vino al lino, che erano propri degli antichi greci – spiega Noto – Quella di alcuni paesini rurali siciliani dei primi del Novecento era una società semifeudale in cui non c’era nemmeno l’ombra di uno sviluppo industriale». Al di là del bene e del male, una caratteristica che travalica i confini del mondo del lavoro della terra. «Anche nella vita sociale – aggiunge l’autrice del romanzo – vigeva un certo immobilismo, con norme rigide (basti pensare ai matrimoni combinati visti come contratti) che si tramandavano sempre uguali e un controllo sociale che passava come solidale ma che – sottolinea – non sempre lo era». In un ambiente chiuso in cui tutti si conoscono c’è una rete fatta di solidarietà che può confortare ma anche ingabbiare. Uno scrigno di sicilianità senza retorica, «A furmicarola ha anche diverse parti in dialetto, perché – conclude Noto – volevo che i personaggi parlassero la loro lingua che contribuisce a creare la loro realtà».


Dalla stessa categoria

I più letti

«Un’umanità brulicante, che vive in una società chiusa, marginale ed emarginata». È per rendere fin dalla copertina l’immagine di questa metafora che la sociologa siciliana Mariuccia Noto ha intitolato il suo libro A furmicalora. Un formicaio dove, come gli insetti tra i più sociali e operosi, le persone sono «inserite in rigidi sistemi, lavorano dall’alba […]

«Un’umanità brulicante, che vive in una società chiusa, marginale ed emarginata». È per rendere fin dalla copertina l’immagine di questa metafora che la sociologa siciliana Mariuccia Noto ha intitolato il suo libro A furmicalora. Un formicaio dove, come gli insetti tra i più sociali e operosi, le persone sono «inserite in rigidi sistemi, lavorano dall’alba […]

«Un’umanità brulicante, che vive in una società chiusa, marginale ed emarginata». È per rendere fin dalla copertina l’immagine di questa metafora che la sociologa siciliana Mariuccia Noto ha intitolato il suo libro A furmicalora. Un formicaio dove, come gli insetti tra i più sociali e operosi, le persone sono «inserite in rigidi sistemi, lavorano dall’alba […]

«Un’umanità brulicante, che vive in una società chiusa, marginale ed emarginata». È per rendere fin dalla copertina l’immagine di questa metafora che la sociologa siciliana Mariuccia Noto ha intitolato il suo libro A furmicalora. Un formicaio dove, come gli insetti tra i più sociali e operosi, le persone sono «inserite in rigidi sistemi, lavorano dall’alba […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]