Lentini, roghi e inondazioni rovinano agrumi «La Regione non pulisce, ora ci risarcirà»

Un fiume dovrebbe portare vita e fertilità. Ma quando i suoi argini vengono abbandonati e il suo letto si riempie di canne alte più degli agrumi che lo stesso corso d’acqua costeggia, non restano che devastazione e morte. Che assumono la forma d’incendi d’estateinondazioni d’inverno. Succede nelle campagne di Lentini, tra gli alberi di arance che crescono lungo le due sponde del fiume San Leonardo, uno degli affluenti del lago di Lentini, ieri colpito dall’ennesimo incendio della stagione calda. Centinaia di metri quadri di canneto bruciati dalle fiamme che sono entrate anche negli agrumeti. «E’ la decima volta che chiamo i vigili del fuoco e la polizia locale quest’estate, mi rispondono sempre allo stesso modo: non possiamo farci niente, è la Regione che non pulisce». Alessandro Tribulato è catanese, ha 28 anni e gestisce l’azienda di famiglia. Lungo il fiume San Leonardo ha un giardino di 13 ettari. «Io queste risposte non le tollero – afferma – perché è già abbastanza dura mandare avanti un’azienda agricola in questo periodo. Spendo migliaia di euro per tenere pulita la proprietà, invece la Regione dal 2009 non effettua la manutenzione sul fiume che è di sua competenza».

A spegnere il rogo ieri ci hanno pensato gli stessi proprietari dei giardini. Andrea Valenziani, 33 anni, era tra quelli in prima fila. Anche lui giovane imprenditore agricolo che nel 2012 ha fatto parlare di sé per la ferma opposizione ai metodi coercitivi utilizzati durante la protesta dei Forconi. «Abbiamo cercato di difendere almeno la bocchetta dell’acqua del consorzio, perché da quella dipendono le nostre campagne. L’unica cosa da fare era tagliare il canneto, ma i vigili del fuoco, allertati alle due del pomeriggio, sono arrivati poco prima delle otto. Sono rimasti circa un quarto d’ora, poi ci hanno detto che il loro turno era finito e che avrebbero mandato un’altra squadra». Ma dopo un paio di ore nessuna autobotte si è fatta viva dalle parti del fiume San Leonardo.

«L’incendio è sicuramente doloso, perché è partito dal greto del fiume, dove non si passa per caso – precisa Valenziani – Chi ha bisogno di pascoli, brucia la terra, ma così andiamo incontro al dissesto idrogeologico. Basta seguire la strada tra Catania e Siracusa: quest’estate sono bruciati centinaia di ettari». Accanto al cannetto, qualche metro sotto terra, passa anche una tubatura, che presumibilmente trasporta gas, di proprietà dell’aeronautica. «Collega Sigonella ad Augusta – spiega Tribulato – le forze armate dispongono di una rete propria. Non credo che ci sia il pericolo che esploda, ma è pur sempre rischioso quando c’è un incendio». Le fiamme però hanno bruciato anche i cavi elettrici dell’Enel e le case sulle sponde del corso d’acqua sono rimaste al buio. «Abbiamo passato la notte senza luce e senza acqua, visto che il motorino non funzionava, e in campagna non è facile», continua il giovane imprenditore.

Lui, insieme a un’altra decina di piccoli proprietari, ha denunciato il Genio civile della Regione per l’abbandono di quei terreni. Non è successo a seguito di un incendio, ma di un’inondazione. «Si ripetono tutti gli anni – spiega Veneziani – il materiale lungo gli argini ostruisce il deflusso dell’acqua all’altezza dei ponti, il fiume esonda nei giardini, rovinando le colture». Dopo l’allagamento del 2011 è scattata la denuncia. «Una perizia degli stessi tecnici di Palermo – racconta Tribulato – ha stabilito che solo nella mia proprietà ci sono stati danni per 67mila euro, sta per concludersi il procedimento e la Regione sarà costretta a risarcirci». «Anzichè programmare e spendere per prevenire, si aspetta un giudice che obbliga a un rimborso – aggiunge Veneziani – Sarebbe più conveniente per tutti usare questi soldi per la manutenzione».

Nonostante le difficoltà i due giovani imprenditori continuano a portare avanti la loro attività. «Ho avuto la possibilità di fare altro, ma preferisco la vita dinamica di un’azienda agricola, anche se guadagno di meno», spiega Tribulato. Per Veneziani, invece, tornare a Lentini, dopo aver studiato fuori, è stata una scelta. Sta cercando di dare una nuova impronta all’azienda di famiglia. Le parole d’ordine sono ambiente e legalità. Difficile, visto il contesto. «Tutti quelli che vivono o lavorano lungo il fiume hanno problemi – conclude – alcuni privati si sostituiscono alle istituzioni, in teoria commettendo un reato, ma l’unica manutenzione che ho visto fare è proprio quella abusiva di tanti volontari».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Ieri l'ennesimo incendio partito dal canneto secco sul greto del fiume San Leonardo ha bruciato alcuni giardini di arance e lasciato al buio diverse aziende agricole. «La responsabilità è del Genio civile che da cinque anni non effettua la manutenzione», denunciano. Dopo l'ultimo allagamento invernale, i proprietari hanno denunciato la Regione che ora si appresta a pagare centinaia di migliaia di euro di risarcimento. Guarda il video

Ieri l'ennesimo incendio partito dal canneto secco sul greto del fiume San Leonardo ha bruciato alcuni giardini di arance e lasciato al buio diverse aziende agricole. «La responsabilità è del Genio civile che da cinque anni non effettua la manutenzione», denunciano. Dopo l'ultimo allagamento invernale, i proprietari hanno denunciato la Regione che ora si appresta a pagare centinaia di migliaia di euro di risarcimento. Guarda il video

Ieri l'ennesimo incendio partito dal canneto secco sul greto del fiume San Leonardo ha bruciato alcuni giardini di arance e lasciato al buio diverse aziende agricole. «La responsabilità è del Genio civile che da cinque anni non effettua la manutenzione», denunciano. Dopo l'ultimo allagamento invernale, i proprietari hanno denunciato la Regione che ora si appresta a pagare centinaia di migliaia di euro di risarcimento. Guarda il video

Ieri l'ennesimo incendio partito dal canneto secco sul greto del fiume San Leonardo ha bruciato alcuni giardini di arance e lasciato al buio diverse aziende agricole. «La responsabilità è del Genio civile che da cinque anni non effettua la manutenzione», denunciano. Dopo l'ultimo allagamento invernale, i proprietari hanno denunciato la Regione che ora si appresta a pagare centinaia di migliaia di euro di risarcimento. Guarda il video

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]