La scoperta archeologica dove sorgerà una discarica «L’impianto di smaltimento è un sopruso alla comunità»

Mentre l’emergenza rifiuti continua tra immondizia accumulata agli angoli delle vie, difficoltà di smaltimento dei rifiuti nelle discariche, lunghe code dei camion autocompattatori e l’ennesima diffida (arrivata nei giorni scorsi) firmata dal direttore del dipartimento Acqua e rifiuti Calogero Foti, alla Impianti Ato 4 Caltanissetta Provincia Sud ad adempiere e accogliere i rifiuti dopo le criticità di Sicula, a Randazzo nel giro di cinque anni potrebbe sorgere un altro impianto di trattamento dei rifiuti solidi urbani dal valore di 70 milioni di euro. E i preparativi per affidare la progettazione di una nuova discarica sembrano essere agli sgoccioli. Nei prossimi giorni potrebbe già essere reso noto il nome dello studio che si è aggiudicato il progetto. Nel frattempo a Carcaci, una frazione di Centuripe, in provincia di Enna, vicino ai terreni dove sorgerà la discarica, è stato scoperto un complesso cimiteriale composto da nove tombe a camera scavate nella roccia. «Quelle di forma rettangolare risalgono molto probabilmente all‘Età del ferro, mentre quelle a forma circolare all’Età del bronzo. Altre, invece, sono di certo ancora più antiche», spiega a MeridioNews il sindaco di Centuripe e autore della scoperta Salvatore La Spina. 

Localizzate in un’area collinare, di proprietà privata, fanno pensare alla presenza di un vero e proprio villaggio ancora da scavare. Il sito si trova proprio al confine con l’area che verrà interessata dalla discarica. «Una coppia di giovani escursionisti mi ha inviato alcune foto – racconta il sindaco -, mi sono accorto delle strutture e, incuriosito, due settimane fa sono andato a vederle». Si tratta di grotte scavate nella roccia, sulle pareti sono ancora visibili quelli che sembrano i disegni di un’altra era. «Si trovano all’interno di un terreno privato che non è semplice raggiungere – continua La Spina -, per questo non ne eravamo a conoscenza». Una scoperta che lascia campo aperto alle preoccupazioni che la realizzazione della discarica possa non tenere conto del ritrovamento che, se confermato dalla Soprintendenza, meriterebbe invece di essere tutelato. «Le immagini del luogo sono state già segnalate alla Soprintendenza di Enna – assicura La Spina – Sembra essere una necropoli molto estesa». 

La realizzazione di una discarica potrebbe essere di aiuto come soluzione tampone all’emergenza rifiuti, ma non è comunque esente da critiche. «Abbiamo bisogno di questi impianti ma il Comune di Randazzo ha dato l’autorizzazione perché in realtà quel terreno è molto più vicino a Centuripe e ci vivono centuripini». Questi ultimi, per la maggior parte, allevatori e agricoltori. «Sono circa 500 le persone che vivono lì, allevano bovini e ovini e coltivano alberi da frutta e vigneti – spiega La Spina – Si tratta di una comunità che una volta viveva nei Nebrodi, per poi stabilirsi qui». Tutti proprietari a cui verranno espropriati i terreni. «È una zona ricca di flora e fauna, si possono percorrere le vie della transumanza e ci sono ruscelli e impianti idrici – conclude La Spina – La mia domanda è: si è capito dove si sta realizzando questo impianto? Si rischia di fare un sopruso a una comunità che vive di agricoltura e pastorizia, una struttura del genere deturpa l’ambiente». 

«Il sindaco ha le sue ragioni, ma si tratta comunque di un impianto che sorgerà a circa otto chilometri dal Comune di Centuripe», replica a questo giornale Ignazio Puglisi, vicepresidente della Srr Catania Provincia Nord. Anche quest’ultima destinataria delle diffide della Regione per individuare idonee soluzioni per il trasporto fuori Regione del rifiuto indifferenziato prodotto nei loro ambiti, «avvertendo che si procederà alla proposta di commissariamento in caso di ulteriore inerzia», si legge in una nota stampa. «In ogni caso la gara è agli sgoccioli, dopo effettueremo lo studio di fattibilità e valuteremo se l’opera è o meno realizzabile nell’area di 30 ettari così come individuata. Le tombe? Se dovessero essere confermate valuteremo un’alternativa», è la chiusa di Puglisi.


Dalla stessa categoria

I più letti

Se c’è una cosa che non si può comprare, è il tempo. Lo sanno bene gli imprenditori, spesso alle prese con la burocrazia e la risoluzione dei problemi, che lasciano poco spazio allo sviluppo delle proprie attività. Una di queste preoccupazioni, però, ha una soluzione facile: si tratta della flotta auto aziendali, gestibile risparmiando tempo […]

«In natura non esistono i rifiuti, ogni elemento si inserisce nel ciclo del biosistema, mantiene il valore il più a lungo possibile e si trasforma in nuova risorsa, innescando un circolo virtuoso». Ancora possibile anche in una società del consumo, andando Al cuore delle cose. Prende spunto – e pure il nome – da questo […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Sid Vicious ha ammazzato la sua compagna Nancy (non andò a processo perché morì di overdose). Bill Cosby sta facendo collezione di denunce per violenza sessuale. A Harvey Weinstein sappiamo tutti com’è finita. C’hanno fatto anche un movimento, il #metoo, per sensibilizzare alla violenza di genere tra i vipponi. Ma al governo italiano piacciono soltanto […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Non siamo una città. Siamo un incubo. Uno di quelli realistici, ma talmente esagerati che non possono essere veri. E, prima o poi, infatti, ci si sveglia. È però una lunga notte quella che stiamo vivendo da cittadini: catanesi oggi, palermitani appena un anno fa, siciliani tutti. Un sonno profondo che si rinnova a ogni […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]