La pasticceria di Gloria e le mancate autorizzazioni «Sono giovane e voglio essere esempio di legalità»

«Egregio sindaco Enzo Bianco, ho provato ad avere un colloquio con lei per parlarle dei miei disagi e per avere delle risposte ma purtroppo non ha voluto-potuto ricevermi. Mi chiamo Gloria Di Mariano, ho 22 anni, a breve 23, e ho un sogno: la legalità». Esordisce così, in un post pubblicato alcune ore fa su Facebook e indirizzato al sindaco di Catania, una giovane cittadina di Aci Bonaccorsi per denunciare pubblicamente le difficoltà incontrate nell’avviare la sua attività di pasticceria itinerante. «La mia passione per i dolci è nata quando facevo i biscotti con la nonna. Ho sempre detto che sarei diventata una pasticcera», spiega lei a MeridioNews. È dalla sua passione che nasce Made with Love – La bakery itinerante, un sogno coltivato dall’infanzia.

«Alcuni anni fa ho mollato l’università e sono partita per l’Alma, la Scuola internazionale di cucina italiana di Gualtiero Marchesi, e dopo essermi diplomata lì, e aver conseguito l’attestato di pasticcera professionista, ho deciso di avviare una mia attività. Inizialmente cercavo una postazione fissa, ma i costi erano troppo alti e non potevo sostenerli». Da qui, l’idea di una pasticceria itinerante: «Mi sono detta: perché non fare come in America? Un furgoncino con un laboratorio sopra. Nasce così Made with Love». Per realizzarla, Gloria si è rivolta a un rivenditore di autonegozi di Piano Tavola per far modificare un Piaggio porter ad hoc con laboratorio e vendita all’interno: «È perfettamente omologato ed è anche molto carino: sono stati bravissimi e hanno esaudito tutti i miei desideri. Ci sono due frigoriferi, il freezer, il forno, l’acqua corrente, le vetrine refrigerate, l’energia elettrica ed è tutto a norma». 

Ottenuto il furgoncino, Gloria ha subito provveduto a ottemperare ai vari obblighi burocratici per l’avvio dell’attività, rispondendo all’imperativo categorico di effettuare tutto legalmente, di essere in regola. E scoprendo con amarezza di non poterlo fare: «Ho subito chiesto, e ottenuto, tutte le autorizzazzioni necessarie: ho aperto la partita Iva, l’autorizzazione sanitaria, la licenza. Ho messo tutto a posto e sono andata all’ufficio Commercio del Comune di Catania, dove ho fatto regolare richiesta di nullaosta presentando tutte le autorizzazioni che avevo ottenuto nelle prime settimane di gennaio e pagando il suolo pubblico – racconta Gloria – ma la funzionaria che avrebbe accolto la mia pratica mi ha spiegato che avrei potuto operare nel territorio di Catania solamente in occasione di manifestazioni o festività, perché per legge non è possibile somministrare alimenti in giro per la città». Si tratterebbe dell’effetto di un decreto del Comune che impedisce per l’appunto agli itineranti di somministrare alimenti o bevande nel territorio cittadino. 

E a Gloria la domanda è sorta spontanea: «Ho chiesto come mai allora le motoape dei gelati o le tante camionette dei panini sparse in città possano esercitare. Mi hanno spiegato che i gelatai ambulanti, per la maniera piuttosto veloce con cui somministrano, fermandosi brevemente e andando via subito, sfuggono facilmente ai controlli. Mentre per quanto riguarda i camion dei panini o hanno ottenuto una licenza più di dieci anni fa – cioè da prima dell’entrata in vigore del decreto – oppure sono abusivi». Da qui l’esigenza di Gloria di lanciare il suo appello: «Questa è la realtà catanese e questo è quel che voglio denunciare io. L’abusivismo. Mi sono sentita dire che “gli altri fanno così”. Io a 22 anni non voglio essere costretta a fare come gli altri, quando invece vorrei essere un esempio di legalità».

E dove non arrivano le richieste in carta bollata e i permessi legalmente ottenuti arrivano i social network con la loro viralità e così, a meno di tre ore dalla pubblicazione del post di denuncia su Facebook che è stato condiviso e commentato da migliaia di catanesi, a Gloria è arrivata, finalmente, una risposta dal Comune: «Ho avuto udienza dal Sindaco per giovedì prossimo. Non mi aspettavo tutto questo riscontro e sono molto felice che se ne stia parlando».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Comincia alla scuola di Gualtiero Marchesi la vita professionale di Gloria Di Mariano, 22 anni, che ha messo in piedi un furgoncino itinerante di dolci. Con l'obiettivo di venderli nel capoluogo etneo. Ma si è scontrata con la burocrazia. Solo dopo una denuncia pubblica su Facebook è stata contattata dall'amministrazione

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]