Invasioni digitali per un’Italia della cultura Visite 2.0 di palazzi, piazze, chiese e musei

Innovazione, condivisione, diffusione e valorizzazione del patrimonio artistico nell’era dei social media. Un’impresa alla portata di tutti, pensata per svecchiare la concezione di bene culturale e il concetto di riappropiazione del sapere e del saper fare nel nostro Paese. E’ l’obbiettivo che si pone Invasioni digitali, il progetto lanciato da Fabrizio Todisco in collaborazione con la rete di travel blogger italiani di #iofacciorete, Officina turisticaInstagramers italia e l’associazione nazionale piccoli musei. 

«Promuovere nuove forme divulgazione dei beni culturali e un nuovo rapporto fra il museo e il visitatore. Che non sia più passivo ma attivo e in grado di produrre a sua volta forme d’arte, per una trasmissione interattiva del sapere che favorisca processi co-creativi di valore culturale», si legge sul manifesto lanciato dagli organizzatori dell’evento che, in pochissimo tempo e grazie al potere del web, ha assunto respiro nazionale. L’idea è semplice ma vincente. Conoscere per far conoscere, realizzando dei contenuti da condividere sui social network (Facebook, Twitter, Instagram, Pinterest e Youtube) attraverso il tag #invasionidigitali. Vere e proprie visite multimediali di palazzi, piazze, chiese e musei lungo tutta la penisola, che si svolgeranno nella settimana dal 20 al 28 aprile. E sono già moltissimi gli organizzatori e i partecipanti anche in Sicilia, tra cui Catania, Siracusa e Ragusa con più di una tappa programmata per ogni città.

«Quando abbiamo letto online di quest’iniziativa siamo sobbalzati sulle sedie. C’è piaciuta al volo e non potevamo non aderire», racconta Tano Rizza, promotore di due invasioni a Siracusa. Una al museo dei Pupi, martedì 23 aprile, e l’altra all’Arkimedeion, venerdì 26 aprile. «Due splendidi contenitori culturali, che a dir la verità, sono ancora troppo poco conosciuti, come molti altri posti a Siracusa», aggiunge. «Avrei voluto invadere il Ginnasio Romano, uno tra i tanti beni culturali considerati minori della città. Ma l’iter autorizzativo era lungo e il tempo a disposizione poco. Quindi ho preferito puntare sui piccoli musei privati, che hanno accolto con grande entusiasmo l’iniziativa». Più a sud, nel ragusano, sarà invece possibile visitare la Fornace Penna di Punta del Pisciotto a Scicli, domenica 28 aprile. «Appena sono venuto a conoscenza delle Invasioni digitali ho subito pensato di farne una», racconta Roberto Sammito, organizzatore. «E il pensiero è andato alla Fornace: bellissima, abbandonata e per molti da scoprire. Puntare gli obiettivi degli smartphone su questa perla di architettura industriale potrà fare solo bene».

Tra le città della Sicilia orientale, all’appello non poteva mancare Catania. Qui i luoghi da invadere saranno più di uno, tra cui il museo diocesano, il 25 aprile, e il Monastero dei Benedettini dove a organizzare la visita, prevista sabato 20 aprile, sarà l’associazione Officine Culturali che da tempo si occupa della promozione del Monastero. «Per noi non è una novità – spiega Claudia Cantale. «Da un anno a questa parte proviamo a coinvolgere quante più persone possibili sul concetto di visone interattiva della fruizione di uno spazio. E la risposta è sempre positiva, come in questo caso, perché in fondo la gente ha bisogno di riprendere possesso dei propri luoghi. D’altronde bene culturale, per definizione, indica qualcosa che fa parte della comunità. E solo se conosci uno spazio, poi lo difendi».

«Quando abbiamo lanciato il portale, il 2 aprile, le tappe in programma erano solo cinque. Adesso sono 110 in tutta Italia ma continuano ad arrivarmi adesioni di ora in ora», racconta Elisa Bonacini, responsabile delle Invasioni digitali per la Sicilia. «Ho iniziato spargendo la voce di associazione in associazione, poi il web ha fatto tutto da sé. E paradossalmente si potrà aderire fino all’ultimo giorno, purché si abbiano le autorizzazioni necessarie». Si tratta di un’iniziativa che ha subito entusiasmato tutti, unica e partecipata. «E’ la prima volta al mondo – dice la Bonacini – che si fanno cose del genere su scala nazionale. In modo talmente partecipato e dal basso. Con l’idea che la valorizzazione dei beni culturali debba essere condivisa e democratica, anche grazie alle piattaforme sociali che permettono a chiunque di diffonderla. Per non dimenticare che la cultura è di tutti».

[Foto di Invasioni digitali]


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Una rete di eventi che mette insieme le città e i luoghi più belli della nostra penisola con un unico obiettivo: riscoprire e valorizzare attraverso la condivisione sui social network il Paese che più ci piace. Quello fatto di beni culturali, che sono tanti e appartengono a tutti. E' il tema delle visite che si svolgeranno nella settimana tra il 20 e 28 aprile in tutta Italia, con tante tappe anche in Sicilia

Una rete di eventi che mette insieme le città e i luoghi più belli della nostra penisola con un unico obiettivo: riscoprire e valorizzare attraverso la condivisione sui social network il Paese che più ci piace. Quello fatto di beni culturali, che sono tanti e appartengono a tutti. E' il tema delle visite che si svolgeranno nella settimana tra il 20 e 28 aprile in tutta Italia, con tante tappe anche in Sicilia

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]