Il profeta e il viaggio: Keroauc e On the road

“Il tema della prossima settimana sarà il viaggio”, ci accordiamo in redazione. E viaggio sia allora. Per cominciare esistono diversi tipi di viaggio: il viaggio a scopo educativo, il viaggio purificatore, il viaggio di lavoro, il viaggio per riscoprire se stessi e sentirsi liberi, ecc.

È proprio di quest’ultimo tipo che tratta On the road di J. Kerouac. Incrollabile manifesto della sregolata beat generation dei 70s americani e libro cult per i giovani di tutti i tempi, “Sulla strada” rappresenta il viaggio dove l’importante non è ne partire o tantomeno arrivare: ciò che conta è andare, vagare verso il nulla in cerca della propria libertà, infrangere la soffocante gabbia dei condizionamenti imposti dalla società ed evadere per sfuggire alla monotonia del reale.

Ma l’opera dello scrittore franco-canadese è anche un viaggio mentale, fatto di alcool, droghe ed allucinogeni come la benzedrina, fedele compagna durante i due giorni che Kerouac impiegò per scrivere il libro. Lo scrittore riteneva, infatti, che lo stato ideale di scrittura fosse quello del trance, poiché permetteva di fissare i pensieri sulla carta senza la mediazione della ragione (quel processo che Joyce aveva definito stream of consciousness, flusso di coscienza). Proprio per questo stile ritmico ed improvvisato che lascia sfogo a gioie e delusioni con una profondità ed un dolore quasi palpabili, la penna di Kerouac è stata paragonata ad uno strumento musicale ed il suo modo di scrivere è stato definito “jazzistico”.

La storia racconta, in quello che può essere considerato una sorta di diario autobiografico, il viaggio, fisico e “virtuale”, intrapreso da Sal e Dean (pseudonimi per lo scrittore stesso e l’amico Neal Cassady) con una scalcinata Ford lungo le highways americane per sfuggire a quel malessere generale e quel senso d’incertezza che durante gli anni ’50 serpeggiava negli States. Allora le scappatoie dei cosiddetti “beatnik” erano le droghe, il sesso libero, le filosofie orientali, i valori dell’amicizia e della solidarietà.

L’autore di On the road espresse perfettamente in un libro incredibilmente vivido e, allo stesso tempo fortemente crudo e schietto, tale inquietudine e le sue inevitabili vie d’evasione.

Mi piacerebbe concludere con una frase tratta da una lettera che Kerouac scrisse all’amico Cassady e che, a mio modo di vedere, racchiude un po’ il senso di tutta l’opera:

“Come è strano essere lontani da “casa”
quando la distanza è un intero continente
e non sai neanche più dove sia la casa tua
e la “casa” che ti resta è quella che hai in testa.”

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]