Il parcheggio Lupo è stato escluso dal piano comunale «È in centro storico». Salta pure quello di viale Fleming

«Il parcheggio Lupo ricade all’interno del centro storico e, pertanto, non è finanziabile con i fondi stanziati». È questa la comunicazione che arriva dalla direzione Lavori pubblici del Comune di Catania dopo un’istanza di accesso agli atti sul bando parcheggi della Regione siciliana richiesto dal movimento politico Catania Bene Comune. Lo scorso ottobre, la giunta guidata dal sindaco Salvo Pogliese ha annunciato la realizzazione di cinque parcheggi scambiatori in città, tramite fondi regionali, situati in viale Raffaello Sanzio, in via Aci Castello, in viale Fleming, in via Narciso e in piazza Pietro Lupo

Eseguiti gli accertamenti preliminari, però, è emerso che il parcheggio Lupo ricade nel centro storico e non è, quindi, finanziabile con questi e che «l’area parcheggio Fleming è stata recentemente acquisita dalla Gestione ministeriale della ferrovia circumetnea che ha già in corso la progettazione del parcheggio», come si legge nel documento del Comune. «Conseguentemente, le attività della direzione si sono concentrate sulla redazione dei progetti dei rimanenti tre parcheggi di cui sono state riformulate le specifiche di progettazione al fine di garantire comunque l’impiego dell’intera somma assegnata all’amministrazione». 

In particolare, l’area del parcheggio Narciso è stata estesa per consentire l’accesso degli autobus da via Leonardo da Vinci, mentre la realizzazione del parcheggio Sanzio è stata riformulata su tre elevazioni di cui una interrata, una a livello di via Raffaello Sanzio e l’altra a livello di via Imperia. Sono in corso di redazione – dopo l’ottenimento di una proroga – i progetti esecutivi da parte del personale tecnico interno all’amministrazione. Nel complesso, si parla di oltre 23 milioni di euro

Durante la fase di verifica dei progetti, in pratica, due dei cinque parcheggi previsti sono saltati. Subito dopo l’approvazione in giunta del piano parcheggi, per quanto riguarda la zona di piazza Lupo, molte associazioni erano intervenute per invitare l’amministrazione a ritirare il progetto e rimodularlo inserendo aree più adatte. «Era lampante che nessun progetto di parcheggio scambiatore avrebbe potuto interessare piazza Lupo – dicono da Catania Bene Comune – in quanto si trova nel cuore del centro storico, lontana dalle fermate di autobus e metro». Condizioni che, stando al bando regionale, escludono la possibilità di finanziamento.

«Il ritardo con il quale la giunta e l’assessore ai Lavori Pubblici hanno preso atto dell’impossibilità di realizzare tali progetti ha impedito che si inoltrassero nuove proposte, e adesso, se la Regione autorizzerà, si dovranno spendere i soldi che sarebbero serviti per cinque parcheggi solo per tre, con uno sperpero inutile di risorse in una città in dissesto». Escluso dal piano di finanziamento della Regione, il progetto del parcheggio in piazza Lupo non è comunque stato accantonato dall’amministrazione. «Al momento siamo in stand-by – dichiara l’assessore Pippo Arcidiacono a MeridioNews – ma, prossimamente, il sindaco ha già in programma di incontrare il presentatore del progetto iniziale, ovvero il trio composto dall’imprenditore Francesco Vinlinzi, dalla società Cisa dell’amministrazione controllata di Mario Ciancio e anche dal gruppo Di Martino». Resta invariata, in pratica, l’idea di rispolverare un project financing che risale al 2005: abbattimento dello stabile, costruzione di un parcheggio sotterraneo, realizzazione di una piazza in superficie. Per un costo che si aggira tra i 12 e i 14 milioni di euro

Un primo dietrofront sulla realizzazione del parcheggio in piazza Lupo era già arrivato già alla fine dello scorso novembre, quando l’assessore era andato a fare visita agli attivisti del Laboratorio urbano popolare di palestra Lupo, nel cuore del quartiere Civita. In quella occasione l’assessore aveva detto a MeridioNews che «l’amministrazione è arrivata alla decisione di non inserire il parcheggio Lupo semplicemente perché abbiamo tenuto conto delle esigenze della città: è una piazza molto bella e, per recuperarla e riqualificarla, c’è da abbattere quella schifezza». La «schifezza» sarebbe per l’assessore l’immobile di proprietà di Palazzo degli elefanti che da deposito degli autobus è diventato una palestra di scherma e che, ormai diversi anni, è stato occupato e trasformato in un laboratorio urbano da un gruppo di cittadini.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]