Gravina, è tutto pronto per il quarto rimpasto di giunta Giammusso rimescola le carte ma il mazzo non cambia

Tre nomi per tre poltrone. O meglio quattro, perché in ballo c’è anche la vicepresidenza del Consiglio comunale. Un rinnovamento, il quarto in due anni, che a Gravina, per l’amministrazione Giammusso, dovrebbe costituire un cambio di rotta. Ma non senza polemiche. A saltare sono le poltrone degli attuali assessori al Commercio Patrizia Costa, ai Servizi sociali Franco Licciardello, e quella di Michelangelo Barravecchia, assessore alle Partecipate e Polizia municipale. A prenderne il posto ci sono volti noti e meno noti della politica gravinese. 

Fra i primi c’è chi, tra i corridoi di palazzo comunale, viene definito «l’uomo simbolo di questo rimpasto», Enzo Giuliano Santoro. Sarà lui a sostituire Barravecchia, l’assessore alle Partecipate e alla Polizia municipale, lo stesso che appena sei mesi fa aveva preso il posto di Alfio Cannavò, dimessosi dopo un anno e mezzo per onorare gli accordi politico-programmatici. A rimpiazzare l’assessore ai Servizi sociali Licciardello, sarà invece Valentina Cavallaro, già presidente della consulta per il sociale ed espressione del gruppo GravinAttiva. Riferimento politico del presidente del Consiglio comunale Claudio Nicolosi, quest’ultimo uomo di Anthony Barbagallo. Infine Maria Battaglia, di Impegno per Gravina. Segretaria nella stessa consulta della Cavallaro, succederà a Costa nella gestione dei tributi locali.

Se le poltrone di Costa e Licciardello sono già vacanti – gli assessori nei giorni scorsi hanno rassegnato le proprie dimissioni – per liberare lo scranno di Barravecchia invece si dovrà ancora attendere. «Ufficialmente non lo so – spiega l’assessore a MeridioNews So che due hanno già firmato, ma sto aspettando che la verità venga spiegata ufficialmente». Insomma dietro al semplice rimpasto ci potrebbe essere molto di più di semplici convenzioni tra partiti. «Dovranno dire al sindaco perché mi ritirano la delega dopo cinque mesi, solo tre mesi se consideriamo l’inattività a seguito della pandemia». Il riferimento è a Filippo Riela, capogruppo della lista del sindaco Cambiamo Gravina, di cui Barravecchia fa ancora parte. Secondo quanto ricostruito da MeridioNews, tra i due da mesi non correrrebbe buon sangue. «Due sono le cose – sostiene Barravecchia – o ha sbagliato a conferirmi la delega o mi sono reso colpevole di qualche violazione amministrativa». In quest’ultimo caso «me ne andrei alla chetichella», ammette l’assessore, «ma al momento non voglio togliere le castagne dal fuoco, voglio che lo faccia qualcun’altro senza versioni di comodo». 

L’atteggiamento dell’assessore non è quello di chi vuole fare la guerra all’amministrazione e per questo preferisce rimandare ulteriori dichiarazioni a un momento successivo. «Ma non mi va che il Comune divenga un ufficio di collocamento», aggiunge. Nel caso in cui Barravecchia dovesse effettivamente abbandonare la giunta, non sono da escludere scossoni all’interno del consiglio comunale. Una componente del senato cittadino in quota Giammusso potrebbe infatti orbitare all’opposizione: si tratta di Angela Zanghì. Per questo la vicepresidenza del Consiglio – vacante per la nomina di Santoro ad assessore – costituisce un vero e proprio nodo da sciogliere. Tra i pretendenti, oltre a Zanghì, ci sono Filippo Riela, Francesco Ferlito e Salvatore D’Urso.

Altro capitolo è la redistribuzione delle deleghe, per la quale non c’è ancora nulla di sicuro. Sul piatto c’è anche la gestione dei rifiuti. Attualmente assegnata a Salvatore Santonocito, la delega rischia di passare ad altro assessore. Tra questi il più papabile sembrerebbe, ancora una volta, Enzo Giuliano Santoro. Consigliere comunale sin dal 2003 e sempre fedele al centro-destra, Santoro è stato eletto con la lista del sindaco Cambiamo Gravina. Da inizio legislatura ricopre la carica di vicepresidente del Consiglio comunale, ma in passato (dal 2011 al 2013) è stato assessore con l’amministrazione guidata da Domenico Rapisarda, salvo poi, nella successiva legislatura, transitare all’opposizione. Insomma, dopo due anni alla guida del comune etneo, l’amministrazione Giammusso rimescola le carte ma il mazzo non cambia. Il rimpasto, salvo cambiamenti dell’ultimo minuto, diventerà ufficiale domani mattina quando i neoassessori presteranno giuramento e si procederà alla nomina.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]