Giunta Lagalla: giovani, ritorni dal passato e qualche parente Micciché benedice Varchi vicesindaca. E gli esclusi reclamano

Undici e non più di undici. Finalmente sono arrivate le tanto attese nomine, Palermo adesso ha una giunta. Quanto meno nei nomi, per le deleghe bisognerà aspettare il 21 luglio, giorno dell’insediamento. Un caso curioso quello della mancanza delle deleghe al fianco dei nomi degli assessori designati dal sindaco Roberto Lagalla, testimone del fatto che la scelta non è poi stata così facile, non è poi stata così discussa e soprattutto che i dettagli sono ancora da limare

«Una giunta di parenti» ironizzava ai microfoni di Radio Fantastica Rmb Giangiacomo Palazzolo, coordinatore regionale di Azione di Carlo Calenda. E in effetti qualche parente c’è. C’è Sabrina Figuccia, assessora in quota Lega e membro dell’omonimo clan composto dal padre, Angelo, ex consigliere, e dai fratelli Vincenzo e Marco, rispettivamente deputato regionale e consigliere di circoscrizione. C’è Andrea Mineo, uno dei tre in quota Forza Italia, figlio di Franco, ex deputato regionale di Grande Sud. C’è Aristide Tamajo, una nomina che appare quasi come un premio per il fratello Edy, tornato alla corte di Gianfranco Miccichè in tempo per trascinare con i suoi candidati la lista di Forza Italia al primo posto in coalizione. E c’è anche Rosy Pennino, che sebbene non sia più parente, sulla carta, è l’ex moglie di Davide Faraone. 

Su Dario Falzone, assessore in quota Fratelli d’Italia, come anche Carolina Varchi, nuova vicesindaca e Giampiero Cannella, deputato nazionale e coordinatore del partito per la Sicilia occidentale, si sono spese già abbastanza parole. Varchi tra l’altro è l’unica che, essendo già stata nominata, ha certezza delle proprie deleghe: Bilancio, Legalità, Beni confiscati e Società partecipate. Deleghe pesanti, tra le più ambite. A dimostrazione che la sua nomina, oltre al forte valore politico, è benedetta dalla fiducia di Roberto Lagalla. Lagalla che per conto della sua lista pesca a sua volta altri tre nomi: Maurizio Carta, un tecnico, che avrà verosimilmente il ruolo di assessore all’Urbanistica e al Centro storico, ruolo che ha già ricoperto in epoca cammaratiana, da stimato professore universitario esperto in materia qual è, ma che da tesserato di Italia Viva dà anche una mano a riempire una casella. Per l’altra casella a disposizione i renziani hanno rispolverato Totò Orlando, presidente del consiglio uscente. Ultimo posto per la lista di Lagalla assegnato a Antonella Tirrito, che dovrebbe occuparsi di Innovazione. Chiude la rosa il cuffariano Giuliano Forzinetti, consulente d’azienda, che – curiosità – nelle elezioni del 2017, candidato sempre tra le fila del centrodestra, si presentava in lista con il suo nome seguito dalla dicitura «Detto Ferrandelli».

E poi ci sono, anzi, non ci sono, i delusi: Saverio Romano, Totò Lentini, gli alleati che non hanno superato il cinque per cento dello sbarramento, ma avevano passato il tre e mezzo per cento sancito dal patto elettorale per avere una poltrona. Sono stati liquidati con un freddo «ho avuto modo di verificare che non sussistevano le condizioni politiche per allargare la composizione della giunta oltre le rappresentanze consiliari». Parole di Lagalla che sicuramente sa che clima lo aspetta. E che clima aspetta la coalizione in vista della campagna elettorale per le elezioni regionali. E se per Romano è una scelta sbagliata «escludere tre partiti che hanno portato un totale di 25 mila consensi», più malinconico il commento di Lentini che parla di «Novemila consensi persi. Io mi sono speso candidando gente nuova, ragazzi intraprendenti – dice – ma Lagalla ha scelto altro nonostante avessimo raggiunto il 4.7 per cento. Avrebbe dovuto premiare tutti i partiti che si sono impegnati per vincere questa campagna elettorale».

Sempre guardando alle Regionali, la nomina di Carolina Varchi e la mancanza di Francesco Cascio nella rosa degli assessori, sono più che un dettaglio. «Affidare il ruolo di vicesindaco a Carolina Varchi è un’ottima scelta del sindaco Roberto Lagalla – commenta in una nota il coordinatore di Forza Italia, Gianfranco Miccichè, che fa anche gli auguri alla deputata nazionale. Forse un segnale di distensione. Forse no. Il tempo dirà come staranno le cose. 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Circa due tonnellate. È la quantità di rifiuti raccolta da oltre tremila studenti e studentesse di undici Comuni del territorio del Calatino durante le giornate di plogging organizzate da Kalat Ambiente Srr. «L’obiettivo del nostro campionato – spiegano dall’ente che si occupa di pianificazione, programmazione e affidamento della gestione del ciclo integrato dei rifiuti – […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Ma non si parlava, tipo, di turismo sostenibile, eco bio qualcosa? No perché mi pareva di avere sentito che eravate diventati sensibili alla questione ambientale e che vi piaceva, tipo, andare nella natura, immergervi nella ruralità, preoccuparvi dell’apocalisse solare. Probabilmente avrò capito male.Qui, nel sudest siculo, fino a non molto tempo fa, ricordo un turismo […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]