Giovanni Migliore: “Vi racconto perché non crediamo più alle parole di Rosario Crocetta e Nelli Scilabra”

IL RESPONSABILE DELLA CISL SCUOLA ILLUSTRA LE REGIONI PER LE QUALI QUESTA ORGANIZZAZIONE SINDACALE E’ ORMAI ALL’OPPOSIZIONE RISPETTO ALL’ATTUALE GOVERNO REGIONALE

Il Governo regionale mistifica la realtà nel settore della Formazione professionale sostenendo di aver risolto i problemi che, invece, restano in tutta la drammaticità. I lavoratori, ridotti alla povertà, sono sull’orlo del precipizio, senza lavoro e senza retribuzioni.

A parlare è Giovanni Migliore, responsabile del settore Formazione professionale della Cisl siciliana, che spiega il perché questa organizzazione sindacale non ne vuole più sapere di dialogare con un Governo regionale, quello di Rosario Crocetta, che, a dir la verità, non è che abbia fatto molto per i lavoratori di questo settore. Anzi.

“Abbiamo partecipato, qualche giorno fa, all’incontro convocato dall’assessore Scilabra con all’ordine del giorno ‘Direttiva terza annualità, salvaguardia livelli occupazionali’ – ricorda Migliore – consapevoli dell’inconcludenza dei tavoli precedenti”.

“Difatti, prima di recarci all’appuntamento abbiamo scritto all’assessore – chiarisce l’esponente sindacale della Cisl Scuola – dichiarando di dovere partecipare all’incontro con il solo intento di trovare soluzioni concrete e risolutive per la salvaguardia dei livelli occupazionali, preannunciando che, in assenza di atti concreti, avremmo lasciato il tavolo. E così abbiamo fatto, abbandonando i lavori”.

Migliore spiega che “l’assessore non è entrata nel merito delle reali emergenze e i drammi degli operatori del settore della formazione professionale, limitandosi a discutere del solo avvio della terza annualità, senza tenere conto del personale che è alla fame, e alla sua ricollocazione. Tutto già ampiamente da noi previsto”.

“Avviare la terza annualità senza certezze sui finanziamenti e sulla erogazione delle somme – aggiunge il sindacalista della Cisl – significherebbe solo continuare ad affamare i lavoratori, gli unici a trarre beneficio sarebbero i pochi enti di formazione ancora in vita. In questa maniera si continuerà a fare l’interesse degli enti e, pertanto, dei datori di lavoro, trascurando il dramma delle migliaia di famiglie dei lavoratori del settore”.

“L’assenza di volontà nel volere affrontare concretamente i problemi veri del settore, ci hanno indotto a non proseguire l’incontro – sottolinea il responsabile della Formazione professionale di Cisl Scuola – denunciando l’inconcludenza di questo tipo di tavoli con l’assessore Scilabra. L’assenza del presidente Crocetta ci ha poi confermato il disinteresse verso il settore ed i suoi problemi”.

Per la Cisl, il presidente della Regione, l’assessore Scilabra e l’assessore al Lavoro, Giuseppe Bruno continuano a fare finta di non conoscere le vere emergenze del settore continuando a dichiarare di avere risolto tutti i problemi, mentre i lavoratori continuano a non percepire stipendi e a non essere ricollocati al lavoro.

“Continuiamo ad insistere che bisogna pagare tutte le spettanze arretrate ai lavoratori – rilancia Migliore – a mettere in campo ammortizzatori sociali per sostenere le migliaia di lavoratori licenziati e sospesi dagli enti definanziati. Risulta urgente, poi, la ristrutturazione con urgenza dei servizi per il lavoro per supportare i centri per l’impiego, che non sono in condizione di creare un punto di incontro fra domanda e offerta di lavoro, con l’immediata ricollocazione dei 1.753 operatori degli ex sportelli multifunzionali”.

Per la Cisl, il Governo Crocetta ha gravi responsabilità sul fenomeno della dispersione scolastica dei minori in obbligo, con pesanti ricadute civili e penali.

“Bisogna fare partire immediatamente i corsi dell’Obbligo di istruzione – puntualizza Migliore – che impegnano 1500 addetti ed è indispensabile dare regole rigorose di accreditamento per la formazione di base qualificando l’offerta formativa e ricollocando gran parte dei lavoratori”.

“Su questi temi la Cisl è pronta al confronto – conclude il sindacalista – con gli assessori Scilabra e Bruno, che da tempo risultano, nei fatti, non interessarsi a queste vicende. Siamo pronti anche ad un confronto pubblico per spiegare loro le esigenze e le possibili soluzioni”.

 

 


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]