Al Salone del libro di Torino, lo stand della politica siciliana. Cara Regione, un cartello «Minchia» faceva più cultura

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro di Torino. Tanta magnificenza nel primo evento tanta, non saprei neanche come dire, tristezza, wannabismo, provincialismo nella seconda (la mia è una opinione, ovviamente, anzi, ancora meglio, un sentimento: di fronte allo stand della cultura della politica siciliana – perché di questo si tratta: di cultura maneggiata dalla politica – stavo per scoppiare in singhiozzi.

Voglio dire: la Sicilia, in un Salone del Libro, non ha bisogno di stand politici per essere presente. A parte il fatto che c’ero io, e dico io, con un libro pubblicato da Aboca Libri (una delle case editrici più in ascesa) e in bella mostra in quello che per ammissione di tutti è da qualche anno lo stand più bello del Salone (Il Bosco degli Scrittori), libro che parla (e fa parlare) un albero siculo per eccellenza: il carrubo (Il carrubo e l’unità di misura del diamante è il titolo). Dicevo: a parte il fatto che c’ero io e il carrubo, la letteratura siciliana è ovunque presente negli stand delle case editrici, soprattutto di quelle che non hanno bisogno degli assessorati per esistere. Per dire: la casa editrice Sellerio era installata in un megastand e pullulava di sicilianità autoriale. Ma la Sicilia era anche nello stand di Adelphi. Di Rizzoli. Di Mondadori. Insomma: negli stand delle case editrici più importanti, che scrivono la storia della Letteratura siciliana (e quindi mondiale – sono convinto che la Letteratura Siciliana non abbisogni di passare dalla Letteratura Italiana per diventare Letteratura Mondiale) la Sicilia di certo non mancava.

Faccio un breve ma illuminante inciso, l’ho già detto molte volte, ma repetita iuvant: una cosa è la cultura, altra cosa sono i beni culturali. Questi ultimi, essendo beni materiali sono soggetti al corrodere del tempo e degli agenti atmosferici, hanno bisogno di lampadine, di tetti, di botteghini, di tutto il burdillicchio infrastrutturale (e strutturale) che richiede: operai, elettricisti, operatori ecologici, cassieri, guide, piastrellisti, assessori. Capisco che sono cose che costano, ma di questo dovreste occuparvi.
La cultura è un’altra cosa, è un bene immateriale, risiede nel pensiero, e la politica dovrebbe starsene lontana. Anche perché, la politica, diciamolo con sincerità, con la cultura, perché dovrebbe volere averci a che fare? La cultura è una faccenda che, se gli gira, alla politica, la manda a quel paese (dalle pro-loco). Sempre meno, purtroppo, a dire la verità. Questo Salone del Libro ha avuto pochissimo libro e tantissima, troppa, politica. Anche gli scrittori sono diventati politici e mandano alla pro-loco una parte della politica per appoggiare la propria. Tutta una confusione di ruoli e pratiche e scritture che fanno male al libro, quello vero.

Lo stand della Regione siciliana, questa differenza non l’ha capita. E infatti ha voluto parlare di Goliarda Sapienza e delle Donne nella cultura siciliana, che non è il suo compito, ma lo è del mondo della cultura e non dei beni culturali. In altre parole, lo stand della Regione siciliana e dell’assessorato dei Beni culturali e dell’Identità siciliana avrebbe dovuto, in quanto beni culturali, occuparsi del racconto delle, non so, statue, templi, musei, parchi archeologici, teatri di pietra, non della letteratura, non è u’ so’ misteri va. A cchi vi ni mancunu cosi acchiffari auoddiri, ca auroa arrivunu i turisti e s’hana addannari pp’attruare un inficchipoint coi prosciu’ e ppi’ capiri quannu minchia i musei su apetti o chiuruti.

P.S. In quanto occupantesi anche di Identità siciliana, nello stand, bastava scriverci un MINCHIA bello grosso, o, visto che si parlava di donne, potevano abbiarci a lettere cubitali un bel PACCHIO. (Data la sensibbolità del gender di questa edizione del Salone potevano scriverci anche: «U’ PACCHIO IE’ DUCI E U’ PACCHIU JETTA ‘UCI»).


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]