Foto della pagina Facebook Ohoskin

Il tessuto vegano che dà «una seconda vita agli scarti delle arance e delle pale di fichi d’India»

Produrre un tessuto spalmato dagli scarti delle arance e delle pale di fichi d’India. È questo il lavoro di Ohoskin, una startup siciliana fondata nel 2019. «Abbiamo ottenuto il brevetto a novembre di quell’anno – dice a MeridioNews Adriana Santanocito, co-fondatrice dell’azienda – ma a causa del Covid l’attività è partita davvero nel 2021». Santanocito – già fondatrice di Orange Fiber – racconta come Ohoskin produca un tessuto spalmato «vegano e sostenibile in molti modi, perché utilizziamo gli scarti vegetali al di fuori della catena alimentare». Nel 2021 la startup ha vinto il Motor Valley Accelerator, uno dei 18 acceleratori di Cassa depositi e prestiti. Gli acceleratori sono pensati per investire «nella fase iniziale di una startup, quindi per noi è stato molto importante», dice Santanocito. Com’è comprensibile, i focus del Motor Valley Accelerator sono mobilità e automotive. Oltre a puntare il mondo della moda, infatti, Ohoskin è entrato presto anche in quello dei rivestimenti per automobili e del design d’interni per le abitazioni.

«Con la moda siamo stati più avvantaggiati – dice Santanocito – perché è un mondo più pronto su temi come sostenibilità e tessuti alternativi. Da tanti anni si parla dell’impatto degli indumenti realizzati con materiale di origine animale, con la pelle». Affacciandosi a un settore «esigente» come quello dell’automotive, «abbiamo aperto un nuovo mercato e da un anno e mezzo lavoriamo con alcune case automobilistiche per ottimizzare il prodotto per le auto». Per quanto riguarda l’automotive i tessuti di Ohoskin sono stati validati su scala di laboratorio, il prossimo passo è quello della scala industriale. «Sono 70 i test che si devono superare per far entrare il materiale nelle automobili di serie», dice la co-fondatrice della startup. Tessuti per gli interni delle auto, elementi di arredamento per la casa, ma anche materiale per scarpe, borse e accessori. I materiali di scarto delle arance e delle pale di fichi d’India vengono lavorati in Sicilia, mentre un’azienda lombarda si occupa della realizzazione del prodotto finale.

«La lavorazione – dice Santanocito – prevede che il sottoprodotto delle arance e delle pale di fico d’India – che diventa un biopolimerovenga spalmato in una base di tessuto, entra dentro dei forni e dopo viene data l’incisione: il retro è in cotone e poliestere riciclato, mentre sopra viene fatta l’incisione, cioè le varie texture. Il concetto importante – continua Santanocito – è che tutto viene da fonte riciclata o da ricicli o da recupero». Alcuni tessuti vengono realizzati solo con i sottoprodotti delle arance, altri solo con quelli delle pale di fichi d’India, altri ancora con entrambi i materiali. «Non sapevo se l’idea poteva funzionare, ho voluto tentare», dice la co-fondatrice di Ohoskin. «In Sicilia l’arancia ha un’importanza legata alla tradizione, ma anche le pale di fichi d’India hanno una filiera di produzione molto importante – dice Santanocito – Dalle pale si può ricavare una farina alimentare e un gel cosmetico, quello che resta sono scarti che mischiamo insieme alle arance per realizzare i nostri tessuti». Ma di recente l’interesse di Ohoskin si è posato anche su un altro frutto: «Abbiamo testato il limone, che ha una pigmentazione diversa».

L’azienda è riuscita a calcolare l’impatto in CO2, cioè l’anidride carbonica, della sua produzione. «È di circa 2,57 chili per metro quadro», mentre per lavorare tessuti fatti con la pelle animale sono necessari gli allevamenti intensivi, il cui impatto in termini di anidride carbonica «è di circa 110 chili per metro quadro. Per non parlare delle pelli esotiche, che sono considerate di lusso», dice Santanocito. L’azienda non produce un prodotto plastic free e dietro questa scelta ci sono motivi molto precisi. «Il nostro è un polimero di plastica riciclata, non è poliuretano, che è il materiale che si usa per la similpelle. Il poliuretano è soggetto a idrolisi, quindi dopo un certo periodo di tempo si usura e si deve buttare. Invece la nostra formula non è soggetta a idrolisi, quindi il materiale è resistente all’abrasione, al calore, all’esposizione alla luce e all’umidità. Ed è durevole, dai 10 ai 20 anni». Secondo Santanocito «è proprio per la durevolezza e per la resistenza del prodotto che i brand di lusso dell’automotive stanno testando Ohoskin. Dopo aver speso una certa cifra per avere un’alternativa valida, vuoi che quel prodotto sia resistente».

Il materiale realizzato dalla startup non è totalmente biodegradabile, ed è una scelta anche questa. «Serve per allungare la vita degli oggetti, così da evitare di doverli buttare e di doverne comprare altri. Il nostro non è un prodotto biodegradabile, ma riciclabile, che è diverso – dice Santanocito – Abbiamo trasformato la plastica – che è una delle invenzioni più importanti dell’essere umano – in un alleato e non in un nemico. Con Ohoskin abbiamo allungato la vita di alcuni materiali, abbattuto la produzione di CO2 e usato frutti tipici della nostra terra». Il nome stesso della startup ha a che fare con i prodotti usati, con la sostenibilità e con una «scelta di vita diversa rispetto all’uso della pelle animale».

Quando Adriana Santanocito ha cercato il nome per l’azienda – fondata insieme all’imprenditore e chimico Roberto Merighi – ha pensato «a tutte le matrici che componevano il prodotto. Ho scritto i nomi delle matrici in varie lingue e mi sono accorta che ricorrevano le due ‘o‘: quella di orange e quella di opuntia, il nome scientifico della pala di fico d’India. L’acca invece può essere una nuova matrice che si inserisce all’interno dello sviluppo – dice Santanocito – e simboleggia l’apertura verso nuove soluzioni». Poi skin, cioè pelle, intesa come pelle umana, «perché la pelle degli essere umani protegge gli organi vitali e la vita stessa». Questo progetto «è una seconda vita sia per me sia per i sottoprodotti dei frutti che usiamo – conclude Adriana Santanocito – Ma è anche un modo per proteggere la vita delle persone, dell’ambiente e degli animali».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Produrre un tessuto spalmato dagli scarti delle arance e delle pale di fichi d’India. È questo il lavoro di Ohoskin, una startup siciliana fondata nel 2019. «Abbiamo ottenuto il brevetto a novembre di quell’anno – dice a MeridioNews Adriana Santanocito, co-fondatrice dell’azienda – ma a causa del Covid l’attività è partita davvero nel 2021». Santanocito […]

Produrre un tessuto spalmato dagli scarti delle arance e delle pale di fichi d’India. È questo il lavoro di Ohoskin, una startup siciliana fondata nel 2019. «Abbiamo ottenuto il brevetto a novembre di quell’anno – dice a MeridioNews Adriana Santanocito, co-fondatrice dell’azienda – ma a causa del Covid l’attività è partita davvero nel 2021». Santanocito […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]