Gava batte Palermo, 4-1 il risultato finale

Dopo lo splendido 5-1 dello scorso turno di Campionato, il Palermo di Mutti sfida in trasferta il Siena di Sannino, reduce dal 4-1 subito in casa del Lecce la scorsa giornata.
I padroni di casa giocano con Pegolo in porta, quindi Vitiello, Terzi, Rossettini e Del Grosso; a centrocampo Vergassola, Gazzi, Giorgi e Brienza, infine Bogdani e Destro. I rosa rispondo con Viviano, Pisano, Silvestre, Mantovani e Balzaretti. A centrocampo, assente Migliaccio per febbre, ci sono Bertolo, Donati e Barreto quindi Ilicic, Miccoli e Budan.
Il match inizia con ritmi elevatissimi: il Palermo ottiene subito un calcio di punizione interessante ma Miccoli lo calcia malamente; sulla ripartenza, Brienza va praticamente da solo. Si ritrova in difesa con due giocatori: Balzaretti e lo stesso Miccoli. Il terzino della nazionale lo atterra e  l’arbitro Grava lo espelle, considerandolo ultimo uomo. Decisione molto discutibile, vista anche la presenza del capitano rosanero. Gli ospiti perdono così un pezzo fondamentale della propria scacchiera ed inoltre sono costretti a giocare in 10 praticamente per tutta la partita. Dalla punizione che ne scaturisce, Viviano è straordinario due volte, sia sulla conclusione diretta sia sulla ribattuta. Per riparare all’espulsione, Mutti decide anche di sostituire Ilicic con Aguirregaray e, pochi minuti più tardi, Silvestre s’infortuna e al suo posto entra Munoz. Sfortunato il Palermo in questo avvio ma riesce incredibilmente a passare in vantaggio. Gli ospiti conquistano un calcio d’angolo, Miccoli batte e trova solissimo Budan che, con fin troppa facilità, mette alle spalle del portiere Sannino. 1-0 col Palermo che si ritrova in vantaggio ma anche con uomo in meno e già due cambi fatti. Mutti chiede quindi profonda pazienza ai suoi calciatori, sperando di portare a casa questo importante risultato. L’illusione continua per circa 10’ quando però l’arbitro concede un rigore incredibile al Siena: Aguirregary va in scivolata su Brienza, nessun contatto tra i due, ma l’arbitro scandalosamente concede il penalty ai padroni di casa, trasformato poi con estrema freddezza da Terzi. I senesi, a questo punto, si ritrovano con l’uomo in più e sul punteggio di 1-1. A questo punto diventa fin troppo facile ribaltare la situazione; dopo vari tentativi, è Bogdani che riesce a portare avanti i suoi attorno al 35’: Destro salta uno scandaloso Munoz e trova in mezzo la punta albanese che con semplicità insacca dentro. 2-1 Siena che passa in vantaggio e spera adesso nella vittoria che li allontanerebbe ulteriormente dalla zona retrocessione. Termina con questo risultato la prima frazione di gioco, con i padroni di casa in vantaggio di un uomo e di un gol.
I secondi 45’ riprendono con gli stessi effettivi che hanno abbandonato il terreno di gioco poco prima, ed anche con lo stesso ritmo. I bianco neri conquistano subito un calcio di punizione dal limite dell’area. Batte Brienza che trova solissimo Rossettini. In difficoltà il reparto difensivo dei rosa che permette con fin troppa facilità al difensore avversario di mettere la sfera alle spalle dell’incolpevole Viviano. 3-1 e punteggio ormai in cassa forte. Lo diviene ancor di più quando, dopo ulteriori 10’, Brienza mette la propria firma sul tabellino della gara. Splendida la punizione calciata dal numero 23 in maglia bianco nera che buca per la quarta volta la difesa di Mutti. La partita essenzialmente termina qui, poche azioni sia da una parte sia dall’altra. Al triplice fischio, possono esultare i tifosi senesi mentre la compagine siciliana deve rivedere parecchie cose.

SIENA-PALERMO   4-1
Marcatori: Budan(P) 12’p.t., Terzi(S) 23’p.t., Bogdani(S) 34’p.t., Rossettini(S) 47’s.t., Brienza(S) 58’s.t.

SIENA(4-4-2):  Pegolo, Vitiello, Rossettini, Terzi, Del Grosso(Belmonte 81’s.t.),  Giorgi(Reginaldo 61’s.t.), Vergassola, Gazzi,  Brienza, Bogdani, Destro(Mannini 75’s.t.). A disp.: Farelli,  Pesoli, Parravicini, Gonzalez. All. Sannino.
PALERMO(4-3-1-2):  Viviano, Pisano, Silvestre(Munoz 11’p.t.), Mantovani, Balzaretti, Bertolo, Donati, Barreto, Ilicic(Aguirregaray 7’p.t.), Budan, Miccoli(Vazquez 65’s.t.). A disp: Tzorvas,  Della Rocca, Zahavi,  Mehmeti. All. Mutti.

Arbitro: Gava
Ammoniti: Budan(P), Viviano(P), Miccoli(P), Donati(P), Terzi(S), Rossettini(S), Barreto(P)
Espulso: Balzaretti(P)


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]