Entro il 4 aprile si deciderà il futuro del Calcio Catania Ultimatum del tribunale sulla trattativa con Mancini

Il trasferimento del ramo d’azienda sportivo del Calcio Catania resta ancora in discussione, ma adesso la richiesta di arrivare a una svolta definitiva arriva direttamente dal tribunale. Nel pomeriggio di oggi dal palazzo di giustizia etneo è infatti arrivato un comunicato stampa, con cui si conferma innanzitutto la proroga dell’esercizio provvisorio fino al prossimo 19 aprile, com’era trapelato nei giorni scorsi.

Nella nota diramata si precisa però soprattutto l’intento di chiudere quanto prima la vicenda legata alla trattativa che va avanti ormai da settimane, per il passaggio dell’asset sportivo del club etneo nelle mani di Benedetto Mancini. Il tribunale ha così dato notizia di aver fissato il termine del 4 aprile per la ricezione di una relazione dei curatori fallimentari della società rossazzurra «su quanto da questi evidenziato», riferendosi probabilmente anche alle problematiche sorte negli ultimi giorni al momento della firma del rogito notarile da parte dell’imprenditore romano.

Le garanzie presentate da Mancini non sarebbero state infatti in linea con quanto richiesto dal bando che si è chiuso lo scorso 15 marzo e che lo aveva visto come unico partecipante con la sua FC Catania 1946 srl, con un’offerta d’acquisto di 500mila euro cauzionata con 125mila euro versati al momento della presentazione della proposta e i restanti 375mila da garantire in occasione del rogito, già rinviato almeno tre volte negli ultimi sette giorni.

Tra le richieste del tribunale anche quella legata all’opportunità di valutare se si potrà procedere pure alla sigla dello stesso atto sempre entro il 4 aprile, accompagnata da un «ove possibile» che lascia naturalmente aperta la porta ad un eventuale nulla di fatto. Solo ieri sera lo stesso Mancini aveva chiarito attraverso la pagina Facebook della FC Catania 1946 di aver risolto i problemi dei giorni scorsi, precisando di avere incontrato nelle ore precedenti i curatori fallimentari della società rossazzurra, che a questo punto sono chiamati a dare il là alla chiusura di questa vicenda entro le prossime 72 ore, in un modo o nell’altro. Ancora attesa e ansia quindi sia per i tifosi del Catania che per la squadra di Francesco Baldini, che domenica scenderà in campo a Potenza per una sfida di campionato che si preannuncia, ancora una volta, suscettibile dell’influenza di quanto accade fuori dal rettangolo di gioco.

Aggiornamento delle 19.00 dell’1 aprile 2022

In merito alla vicenda legata al Calcio Catania il Presidente della Lega Pro Francesco Ghirelli dichiara: “Il primo pensiero va ai tifosi nella Citta’ di Catania, in tutta Italia e nel mondo. C’è in gioco la storia di un grande club del calcio professionistico, un patrimonio importante del calcio italiano. Con rispetto stiamo seguendo il lavoro del tribunale fallimentare di Catania e della curatela fallimentare. Non nascondo che lo stillicidio di notizie che si susseguono ci crei enormi problemi, in particolare nel momento in cui il campionato va verso la fase finale”.

Il presidente continua: “Voglio subito ricordare che, riguardo alla questione Catania Calcio, il contatto tra il sottoscritto e il presidente Gravina è continuo, logicamente ci siamo sentiti e confrontati nell’odierna giornata. Non so se il passaggio davanti al Tribunale fallimentare di Catania sarà onorato, ai fini della concessione da parte della FIGC del titolo sportivo il percorso non sarebbe comunque finito, poiché sarà necessario garantire i requisiti di onorabilità e sostenibilità finanziaria alla FIGC, oltre al pagamento del debito sportivo stimato in circa tre milioni di euro o alla garanzia fideiussoria sullo stesso. Sono stato in silenzio, in queste settimane, sulla vicenda Catania perché era giusto attendere lasciando lavorare la curatela fallimentare. Tuttavia, ho esercitato una continua interlocuzione con chi aveva il compito di agire. Così come, con rispetto, partecipazione e rigore, ho seguito la encomiabile attività sportiva della squadra, dei tecnici, del personale addetto. La vicenda dolorosa che il Catania calcio sta vivendo è figlia di una responsabilità netta relativa alla conduzione di questi anni, di passaggi compiuti per il salvataggio che andavano meglio ponderati, di impegni di intervento che non si sono concretizzati. Questa storia è stata segnata anche dalle normative fiscali derivanti dalla tragedia COVID, se non si fosse potuto usufruire di queste ultime, probabilmente il club Catania non si sarebbe potuto iscrivere al campionato 2021-2022”.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]