Domani nuova eclissi di luna, il satellite diventerà rosso Il fenomeno visibile tra le quattro e le sette del mattino

Il 2019 comincia con un appuntamento astronomico da non perdere che regalerà, a chi è disposto a perdere qualche ora di sonno, un magnifico spettacolo. È attesa nella seconda parte della notte del 21 gennaio, infatti, l‘eclissi totale di Luna osservabile da tutta Italia.

L’eclissi è un fenomeno astronomico abbastanza frequente che si verifica quando Sole, Terra e Luna si trovano allineati e il nostro satellite viene oscurato, parzialmente o totalmente, dal cono d’ombra proiettato dalla Terra che non lascia arrivare i raggi del Sole. Pur essendo un fenomeno frequente (se ne verificano in media tre ogni due anni, ma ci sono volte in cui ne avvengono tre in un solo anno) non tutte le eclissi sono totali: infatti, se l’allineamento tra i tre protagonisti di questo evento non è perfetto, allora l’eclissi sarà soltanto parziale e molto meno spettacolare. L’ultima eclissi di Luna che l’Italia ha avuto la fortuna di osservare e che ha incantato astronomi, appassionati e fotografi, complice anche una piacevole serata estiva, è stata quella del 27 luglio 2018, l’eclissi totale più lunga di tutto il Ventunesimo secolo. Ma negli ultimi anni le eclissi visibili dall’Italia non sono state molte e questo potrebbe giustificare la levataccia di lunedì mattina, soprattutto considerando che la prossima occasione utile sarà addirittura tra dieci anni.

Condizioni meteo permettendo, la fase di eclissi totale sarà ben visibile e durerà un’ora e 2 minuti. Per chi non volesse perdersi nemmeno un istante dell’eclissi deve essere pronto a svegliarsi prima delle 04.33, quando avverrà l’ingresso della Luna all’interno del cono d’ombra della Terra. A chi invece bastasse veder cominciare la fase della totalità può aspettare fino alle 05.41; chi infine volesse solo dare una sbirciata dalla finestra di casa per poi tornare sotto le coperte può puntare la sveglia alle 06.12 quando si assisterà al picco del fenomeno con il cielo ancora abbastanza scuro per una buona osservazione. La fine della totalità è prevista per le 06.43 e l’uscita dal cono d’ombra per le 07.50.

È bene sottolineare che quest’ultima parte dell’evento, in Sicilia, non sarà osservabile dal momento che si verificherà dopo il tramonto della Luna, previsto poco dopo le 7 del mattino. Durante il fenomeno la Luna non scomparirà nel cielo, ma apparirà di un intenso colore rosso scuro, per il fatto che essa non è colpita direttamente dai raggi del Sole ma ne riceve solo una minima parte, filtrata dall’atmosfera terrestre. Anche se si troverà nel cono d’ombra della Terra, quindi, la Luna sarà comunque illuminata da una parte dei raggi del Sole rifratti dall’atmosfera del nostro pianeta. Poiché l’atmosfera non è trasparente allo stesso modo a tutti i colori ma assorbe preferenzialmente il blu, la luce che riesce a passare, e quindi a illuminare la Luna, la fa apparire rossa.

Nonostante l’osservazione dell’eclissi di Luna possa essere effettuata a occhio nudo, l’ausilio di un binocolo o un piccolo telescopio possono chiaramente aumentare la spettacolarità del fenomeno. L’evento sarà inoltre un’occasione ghiotta per gli appassionati di fotografia che potranno approfittare del fatto che l’eclissi si verificherà quando la Luna sarà molto bassa e vicina all’orizzonte occidentale. Ciò faciliterà la realizzazione di fotografie in cui la Luna risulti accostata a un elemento naturale, urbano o naturalistico rendendo l’effetto ancora più sensazionale.


Dalla stessa categoria

Lascia un commento