Disoccupata, con un tumore e un figlio disabile A Messina l’odissea burocratica di Melania

Separata da pochi mesi e affetta da un tumore, si vede negare, dal Comune di Messina, il trasporto gratuito del figlio 22enne, disabile, al centro di riabilitazione. È la storia di Melania Caratozzolo, una delle tante persone, in Italia, alle quali la crisi ha portato via anche solo la speranza di un vero Stato sociale.

La donna, 56enne, separata dal marito, risiedeva a Roma ma è tornata in riva allo Stretto, dopo che il figlio ha completato gli studi. All’inizio dell’anno, la scoperta di avere un carcinoma al seno che la obbliga, adesso, a terapie periodiche. Un inconveniente non da poco con l’aggravante di non potersi dedicare a tempo pieno, come una volta, a Cristiano. Suo figlio. I due vivono da soli e, da questo stato di necessità, nasce l’idea di rivolgersi al municipio per chiedere di beneficiare del servizio di trasporto gratuito al centro riabilitativo dove il ragazzo si sottopone a cure logopediche, fisioterapiche e psicologiche.

Da non trascurare che Cristiano, che nella capitale beneficiava dell’assistenza domiciliare sin da quando andava alle medie, sempre la scorsa estate si è visto ridurre dall’Inps l’invalidità dal 100 al 90 per cento. Fino ad allora percepiva un assegno di accompagnamento di 900 euro. Al momento, gli resta quello di inoccupazione, pari a 279 euro. I familiari hanno presentato un ricorso ma la burocrazia pare stia facendo slittare i tempi per l’ottenimento di un responso. Tanto più che la madre non lavora. Ad aiutarli è il padre che, al di là della separazione e della distanza fisica, rimane presente sotto ogni altro profilo.

Non altrettanto può dirsi del Comune peloritano. Non certo per mancanza di volontà, quanto di risorse. «Il quadro rappresentato è raccapricciante», racconta Melania Caratozzolo. Dopo essersi rivolta agli uffici per avere contezza delle pratiche necessarie, si ripresenta con la documentazione richiesta, sentendosi rispondere da una funzionaria che non va bene, «poiché bisogna precisare giorni e orari della terapia». Impossibile inoltrare la pratica senza questi requisiti. «Eppure – obietta la 56enne – è noto che spessissimo gli orari cambiano: sono le cooperative a raccordarsi con i centri».

Preso atto dell’imprescindibile condizione, la madre di Cristiano cambia obiettivo: «Supplico il centro – dice – di fornirmi cortesemente un piano dei giorni e degli orari da poter presentare in Comune e la dottoressa Bertuccio, del centro di riabilitazione, che nel frattempo vede e comprende la mia situazione fisica, mi aiuta a mettere insieme la documentazione necessaria, facendosi in quattro per consegnarmi tutto in modo dettagliato». A causa di un malessere, la donna, tuttavia, non riesce a portare agli uffici competenti la documentazione. La domanda è stata recapitata solo ieri, grazie a un’amica, presentatasi con il ragazzo, la cui presenza è essenziale per la sottoscrizione dei moduli. Tanta fatica per nulla, però, poiché i dipendenti municipali comunicano che «non c’è alcuna possibilità per adesso di usufruire del trasporto». Pare che i 140 posti disponibili siano tutti occupati e che non ci siano risorse per finanziare i 15 rimasti in lista d’attesa. Graduatoria degli esclusi in cui il ragazzo è al quindicesimo posto. 

«Ho sempre provveduto io a mi figlio – afferma la 56enne con amarezza – ho provveduto ad accompagnarlo, a prenderlo sia alle terapie, che a scuola, che alle attività. Il cancro mi è stato diagnosticato all’inizio dell’anno, quindi era impossibile per me pensare prima a farlo rientrare in una graduatoria». A prendere a cuore la situazione di Melania Caratozzolo e di Cristiano è il gruppo cittadino 29 Dicembre. La presidente, Patrizia Midiri, intende portare la vicenda all’attenzione dell’opinione pubblica: «È precipuo dovere di ciascuno di noi dar voce alle istanze di chi si ritrovi al cospetto di un muro di gomma allorquando necessita di un servizio pubblico essenziale e questo non gli viene riservato nonostante sia suo diritto», afferma Midiri.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]