Dama nera, maxi inchiesta su Anas e appalti Ai domiciliari per corruzione Costanzo e Bosco

Si chiama Dama nera l’operazione della guardia di finanza di Roma che questa mattina sta portando all’esecuzione di dieci ordinanze di custodia cautelare nei confronti di cinque dirigenti dell’Anastre imprenditori tra i quali i catanesi Domenico Costanzo e Concetto Bosco Lo Giudice, titolari di aziende appaltatrici di primarie opere pubbliche; un avvocato; e Luigi Meduri, ex sottosegretario al ministero delle Infrastrutture nel governo Prodi ed ex presidente della Regione Calabria alla fine degli anni ’90. Una maxi-inchiesta su appalti e mazzette, in cui risultano coinvolti anche i due volti noti etnei, oggi destinatari del provvedimento restrittivo, identificati come «gli autori degli episodi di corruzione». A loro sono riferibili le società Tecnis e Cogip, che hanno vinto vari appalti a Catania (tra i quali quelli per la metropolitana e per la nuova darsena del porto) e in Sicilia. Nello specifico, i due imprenditori avrebbero voluto cedere un ramo d’azienda per la costruzione di una variante stradale in Lombardia, forse per aggirare la normativa che vieta il trasferimento degli appalti. 

In totale, sono 31 gli indagati. Ma solo per dieci sono scattate le manette. Tra questi ultimi ci sono gli imprenditori etnei Costanzo e Bosco Lo Giudice. Accusati di corruzione. Secondo gli investigatori, le aziende con sede a Tremestieri Etneo avrebbero voluto lasciare a un’impresa di Sondrio la realizzazione della Variante di Morbegno. Un appalto che era andato all’associazione temporanea di cui erano parte le due imprese catanesi e che Costanzo e Bosco avrebbero voluto cedere. Per farlo, però, avrebbero dovuto ottenere l’autorizzazione da parte della stazione appaltante. L’Anas, appunto. È qui che entra in gioco quella che viene definita una vera e propria «cellula criminale, costituita da dirigenti e funzionari corrotti di Anas. I quali, abusando dei poteri derivanti dall’incarico ricoperto nell’azienda, sono riusciti a ottenere utilità e provviste corruttive da imprenditori, titolari di società di rilievo nazionale». 

Intercettazioni telefoniche, ambientali e riprese video, assieme ad appostamenti e pedinamenti, hanno permesso alle fiamme gialle di identificare il meccanismo tramite il quale Antonella Accroglianò, dirigente di Anas, assieme ad altri funzionari di «rango minore», sarebbe stata in grado di risolvere contenziosi con la società, velocizzare le pratiche di pagamento e favorire l’ottenimento di fondi illecitamente maggiorati. Scrivono i finanzieri: «I dipendenti pubblici si sarebbero esclusivamente occupati di curare e favorire l’interesse particolare degli imprenditori, a completo discapito dell’interesse generale riguardante la corretta edificazione di opere pubbliche strategiche per la collettività».

Nel caso specifico, «per il servizio prestato», Accroglianò avrebbe ricevuto Costanzo e Bosco Lo Giudice una mazzetta del valore di 150mila euro. Divisa in più tranche. Delle quali la prima a dicembre 2014 e l’ultima a settembre 2015. Nel linguaggio criptato che la dirigente Anas usava, le tangenti venivano chiamate «libri», «topolini» e «antinfiammatori». Soldi che, in alcuni casi, arrivavano anche in contanti. Nel controsoffitto di casa della madre di Accroglianò sarebbero stati rinvenuti 70mila euro. A fare da tramite tra Concetto Bosco Lo Giudice, Domenico Costanzo e Antonella Accroglianò dell’Anas ci sarebbe stato Luigi Giuseppe Meduri, ex deputato, ex sottosegretario alle Infrastrutture ed ex presidente della Regione Calabria. Un «oscuro faccendiere», secondo gli inquirenti, che avrebbe sostenuto le richieste degli imprenditori etnei e si sarebbe interessato al pagamento delle tangenti all’Anas. Obiettivo del passaggio di denaro era l’ottenimento dell’autorizzazione alla cessione al ramo d’azienda. Un’operazione che, secondo la gdf, «nascondeva in realtà una vera e propria cessione del contratto d’appalto, cosa normativamente non lecita».

Allo stato attuale, la Tecnis e la Cogip – tramite associazioni temporanee d’imprese – lavorano in una lunga serie di appalti dell’Anas. Dallo svincolo di Castronovo di Sicilia (nove milioni e 702mila euro) a un tratto dell’autostrada Salerno-Reggio Calabria (277 milioni di euro). Passando per l’autostrada Sassari-Olbia (49 milioni 422mila euro), il bivio Micigliano a Rieti (34 milioni 352mila euro), un tratto della stradale per Gela (32 milioni 260mila euro) e una variante stradale a Gubbio (13 milioni 343mila euro). Nessuno di questi appalti risulta, però, viene citato nell’inchiesta di oggi. Anche se le indagini, dicono dagli uffici romani delle fiamme gialle, continuano.

In serata è arrivata la replica della Tecnis: «Le interferenze al vaglio della magistratura riguardano un tentativo di accelerare i tempi di pagamento di corrispettivi dovuti – si legge nella nota diffusa – nonché per ottenere in tempi accettabili la presa d’atto per la cessione del ramo d’azienda Lombardia, necessaria per fare cassa per poter far fronte alle esigenze finanziarie dell’azienda. Auspichiamo che si possa fare più rapidamente possibile chiarezza, al fine di consentire alla Tecnis la continuità d’impresa».

Aggiornamento del 19 novembre 2021:
In data 13 novembre 2018, il tribunale di Roma, a seguito di rito abbreviato, ha emesso per Luigi Giuseppe Meduri sentenza di assoluzione divenuta irrevocabile in data 11 giugno 2019.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Una festa di colori ha animato la mattinata della piazza centrale di Grammichele, in provincia di Catania. «Fai super la raccolta differenziata» è la frase sulle magliette – blu, rosse, verdi e gialle – di migliaia di studenti e studentesse delle scuole primarie e secondarie di primo e secondo grado del territorio del Calatino. Tutti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Quannu è a siccu e quannu è a sacco (quando è troppo poco e quando è troppo). La Sicilia non ha moderazione. Si passa agevolemente, piroettando come ginnasti artistici sul cavallo con maniglie (dell’ammore), dalle mostre monstre di Manlio Messina a Cannes allo stand dell’assessorato ai Beni Culturali e all’Identità Siciliana al Salone del Libro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]