Foto di Città clima Legambiente

Il 2023 da bollino rosso per il clima. In Sicilia 21 eventi estremi. Dal ciclone Medicane al record di 47 gradi

Allagamenti, trombe d’aria, esondazioni, frane, grandinate e mareggiate. Il 2023 è ormai ai titoli di coda ma i 12 mesi appena trascorsi verranno ricordati per i numerosi eventi metereologici che hanno causato devastazione e morte. Fenomeni sempre più frequenti e con conseguenze sempre più gravi per i cittadini e il territorio. Nel 2023, stando ai dati dell’osservatorio Città clima di Legambiente, si sono verificati 318 eventi metereologici estremi mentre l’anno precedente erano stati 311. Un più 22 per cento che coincide, purtroppo, con la morte di 31 persone. Le Regioni più colpite sono Lombardia, Lazio ed Emilia Romagna ma nelle posizione di vertice compare anche la Sicilia con 21 fenomeni gravi. L’Isola, inoltre, è stata quella più colpita da Roma in giù. Nell’elenco delle città, dopo la Capitale con 14 eventi, ci sono Milano e Palermo con sei e cinque. Andando a visionare le categorie emerge l’elevato numero di allagamenti da piogge intense – 118 -, poi ci sono i danni da trombe d’aria e raffiche di vento – 81 – e quelli dovuti alle forti grandinate.

In assoluto i fatti più gravi del 2023 sono quelli che si sono registrati in Emilia Romagna. Due alluvioni, a inizio e metà maggio, che hanno colpito ben 44 Comuni, causando 18 morti e oltre 280 frane. Il copione, da Nord a Sud, è quello caratterizzato da lunghe stagioni secche e picchi di piogge concentrate in poche settimane. In Italia, quest’anno, le Regioni che hanno fatto registrare temperature record sono state Emilia Romagna, Toscana, Lazio, Sardegna e Sicilia. «A Palermo il 24 luglio – si legge nel report pubblicato da Legambiente – sono stati raggiunti 47 gradi (a pari merito con Catania e Priolo Gargallo in provincia di Siracusa), superando il precedente record di oltre 2 gradi, mentre il 30 ottobre un’eccezionale anomalia di caldo ha portato a 32 gradi di massima».

Un quadro preoccupante quello tracciato dall’osservatorio Città clima di Legambiente «a cui si aggiunge il fatto che l’Italia è ancora senza un Piano nazionale di adattamento ai cambiamenti climatici. Un paradosso tutto italiano che dimostra quanto l’Italia sia indietro nella lotta alla crisi climatica e nell’adottare politiche climatiche più ambiziose». Uno degli ultimi allagamenti da piogge intense in Sicilia è quello avvenuto il 23 novembre scorso tra Mondello e Partanna, nel Palermitano. Stesse zone invase dall’acqua a metà maggio con disagi anche a Palermo città con gli ormai immancabili allagamenti nell’area di viale Regione Siciliana, arteria parallela al raccordo dell’A19 Palermo-Catania. Sempre in Sicilia occidentale bisogna evidenziare quanto avvenuto il 10 gennaio 2023 a Castellammare del Golfo, in provincia di Trapani, e a Ribera, in provincia di Agrigento, il 23 settembre. Nel primo caso piogge e forti venti hanno causato ingenti danni mentre nel secondo una grandinata eccezionale ha compromesso diverse coltivazioni, soprattutto agrumeti e ulivi.

Dall’altro lato della Sicilia, e in particolare nelle isole Eolie, non bisogna dimenticare le mareggiate del 21 maggio scorso. A Lipari, a Sottomonastero, l’area portuale ha subito danni alla pavimentazione e agli approdi. A Vulcano, invece, è stato distrutto il cantiere per la realizzazione del nuovo approdo per gli aliscafi. Sempre in provincia di Messina il 9 febbraio forti mareggiate hanno colpito Scaletta Zanclea, dove l’acqua ha invaso strade e case. In provincia di Catania, sempre nel mese di maggio, si sono registrati ingenti danni tra Mascali e Riposto. Sempre nella provincia etnea, ma a febbraio, è stato colpito dal maltempo il territorio di Mineo. Le abbondanti piogge hanno provocato un movimento franoso che ha fatto venire giù una parte del cimitero, facendo rotolare i loculi a valle. Danni ingenti e problemi, sempre a febbraio, anche tra Siracusa e Ragusa. A Comiso le strade si sono trasformate in torrenti. Circa trenta persone sono state evacuate dalle loro case nel Siracusano. Famiglie isolate nella zona di San Domenico e in contrada Mottava, a Siracusa. Sono stati necessari i mezzi anfibi per salvare una donna rimasta incastrata dentro la propria auto. Chiuse per allagamento alcune strade mentre la condotta idrica di Bufalaro Alto si è squarciata quasi del tutto determinando problemi di riduzione o carenza idrica in alcune aree della città, soprattutto Belvedere e zona alta.  


Dalla stessa categoria

I più letti

Allagamenti, trombe d’aria, esondazioni, frane, grandinate e mareggiate. Il 2023 è ormai ai titoli di coda ma i 12 mesi appena trascorsi verranno ricordati per i numerosi eventi metereologici che hanno causato devastazione e morte. Fenomeni sempre più frequenti e con conseguenze sempre più gravi per i cittadini e il territorio. Nel 2023, stando ai […]

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Bottiglie in plastica del latte che diventano dei colorati maialini-salvadanaio. Ricostruzioni di templi greci che danno nuova vita al cartone pressato di un rivestimento protettivo. Ma anche soluzioni originali di design, come una lampada composta da dischi di pvc, un grande orologio da parete in stile anni ’70 in polistirolo e due sedie perfettamente funzionanti […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]