Catania SSD, solo un punto contro la Sancataldese. Rossazzurri fermati sull’1-1 in un match incandescente

Il campo di San Cataldo si conferma ostico per il Catania SSD, che impatta sull’1-1 con la squadra di casa nel quattordicesimo turno del girone I di Serie D.

Anche stavolta quindi i rossazzurri non riescono ad avere la meglio sui nisseni, che già a inizio stagione avevano dato un dispiacere alla squadra di Giovanni Ferraro, eliminandola ai rigori sullo stesso terreno di gioco, nel primo turno di Coppa Italia.

Match caldissimo dentro e fuori dal rettangolo verde, con le due panchine spesso impegnate in una partita nella partita, con tanti attimi di nervosismo che al termine del primo tempo hanno spinto il direttore di gara a cacciare il tecnico della Sancataldese.

Primi ad andare in goal proprio i padroni di casa, con Zerbo bravo ad approfittare di un contrasto perso in fase difensiva da Rapisarda e a realizzare il vantaggio della Sancataldese.

Il terzino etneo si è poi riscattato quindici minuti dopo, propiziando la rete del pari segnata al 23’ da Somma, abile a mettere la palla dentro la porta dopo due legni colpiti dai compagni.

Il resto della gara racconta di altre tensioni, contenute non senza un po’ di fatica dall’arbitro, e tanta stanchezza da parte del Catania SSD, che ha inanellato così il terzo pareggio esterno consecutivo prendendo solo un punto sul campo della quartultima.

Ne approfitta il Locri, corsaro a Lamezia Terme con un sorprendente 3-1 e ora secondo da solo a 11 lunghezze dai rossazzurri, saliti a quota 36, che si vedono quindi rosicchiare due punti proprio dai calabresi.

Domani per la squadra di Ferraro la classica giornata di riposo, prima di riprendere gli allenamenti nella giornata di martedì, per iniziare a preparare la sfida interna contro il Real Aversa, in programma domenica 11 dicembre alle 14:30 al Massimino.

Foto Catania SSD


Dalla stessa categoria

Lascia un commento