Catania Source, ieri confronto con Bianco «Il lungomare libero ogni domenica»

«Il nostro percorso aveva un solo scopo: mettere in grado il cittadino di presentare le proprie proposte». E’ così che Mirko Viola, coordinatore del progetto Catania Source, ha presentato ieri la sua piattaforma per la partecipazione online. «Sarà possibile presentare istanze, richieste di udienza, petizioni attraverso l’uso degli istituti di partecipazione popolare presenti nello statuto della città Catania», presenta il giovane, protagonista della società civile etnea, e coordinatore di un progetto che, partito ad ottobre con cinque workshop – chiamati Civic training – ha già catalizzato molte delle energie provenienti dai cittadini attivi.

Con proposte, già attuate, come quella del compostaggio di comunità – attuata dall’associazione Rifiuti zero a Mascalucia – e soprattutto del Lungomare liberato. L’idea del waterfront della città chiuso al traffico, nata in uno degli incontri dedicati alla viabilità, come è noto è stata portata avanti dai cicloattivisti e recepita dall’amministrazione dopo una raccolta di oltre 1200 firme. «Chiediamo, dopo il successo dell’iniziativa, di aprire il lungomare fino a mezzanotte», propone il cicloattivista Attilio pavone nel corso del Gran Galà dei Cittadini, nome della serata di chiusura del progetto Catania Source da Zo, davanti al sindaco di Catania Enzo Bianco. Che stupisce tutti con una serie di annunci.

«La mia amministrazione, tra tante difficoltà, si è mossa in questi mesi soprattutto grazie alle iniziative provenienti dai cittadini, e con progetti già avviati dalle precedenti amministrazioni», ha affermato il sindaco di Catania. Che ha subito annunciato: «Vorremmo chiudere il lungomare al traffico ogni domenica, ma vogliamo anche realizzare una pista ciclabile al posto degli stalli per il parcheggio dal lato mare». Che ha risposto anche su alcuni dei temi spinosi sulla città, emersi in ben trentuno bozze di proposta elaborate dai cittadini nel corso del progetto. «Avete affrontato il tema del raddoppio ferroviario: ebbene, dopo tanti anni, abbiamo vinto il ricorso al Tar contro Rete ferroviaria italiana». Tra i vari progetti, Bianco si è detto d’accordo «all’eliminazione dei varchi dal porto, perché non sussistono motivi di sicurezza doganale, come dimostrano porti come quello di Genova». E su un tema caro ai promotori del progetto, il diritto di Referendum propositivo e abrogativo previsto dallo statuto comunale, si è detto «pronto a ridurre il quorum dal 50 per cento dell’elettorato, al 50 per cento dei votanti dell’ultima proposta». Sarebbero in arrivo a breve, inoltre, «la consulta per i migranti e il consigliere aggiunto», ha aggiunto il sindaco. Che ha invitato i partecipanti a illustrare «tutte le proposte emerse in un apposito incontro con gli assessori», prima di andare via per altri impegni.

A sostituire il sindaco l’assessore Saro D’Agata, titolare delle deleghe di Viabilità Ecologia e parchi. Che ha ascoltato le testimonianze dei membri del Comitato Campo San Teodoro di Librino, che da anni chiedono la gestione, con la squadra di rugby Briganti, la struttura sportiva del quartiere popolare costruita per le Universiadi del 1997 e poi abbandonati. «Vi annuncio qui che, con l’assessore al patrimonio Giuseppe Girlando abbiamo quasi pronta la delibera di destinazione dell’impianto in gestione», conclude l’assessore D’Agata.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Si è concluso ieri il progetto per la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della partecipazione. Dopo cinque workshop, tenuti da ottobre a dicembre e che hanno prodotto ben 31 proposte - tra le quali il Lungomare pedonale ogni domenica -, ieri i promotori hanno presentato le idee al primo cittadino Enzo Bianco. Che ha annunciato «L'eliminazione dei varchi dal porto, la creazione della consulta dei migranti e del consigliere aggiunto. E l'assegnazione del Campo San Teodoro ai Briganti»

Si è concluso ieri il progetto per la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della partecipazione. Dopo cinque workshop, tenuti da ottobre a dicembre e che hanno prodotto ben 31 proposte - tra le quali il Lungomare pedonale ogni domenica -, ieri i promotori hanno presentato le idee al primo cittadino Enzo Bianco. Che ha annunciato «L'eliminazione dei varchi dal porto, la creazione della consulta dei migranti e del consigliere aggiunto. E l'assegnazione del Campo San Teodoro ai Briganti»

Si è concluso ieri il progetto per la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della partecipazione. Dopo cinque workshop, tenuti da ottobre a dicembre e che hanno prodotto ben 31 proposte - tra le quali il Lungomare pedonale ogni domenica -, ieri i promotori hanno presentato le idee al primo cittadino Enzo Bianco. Che ha annunciato «L'eliminazione dei varchi dal porto, la creazione della consulta dei migranti e del consigliere aggiunto. E l'assegnazione del Campo San Teodoro ai Briganti»

Si è concluso ieri il progetto per la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della partecipazione. Dopo cinque workshop, tenuti da ottobre a dicembre e che hanno prodotto ben 31 proposte - tra le quali il Lungomare pedonale ogni domenica -, ieri i promotori hanno presentato le idee al primo cittadino Enzo Bianco. Che ha annunciato «L'eliminazione dei varchi dal porto, la creazione della consulta dei migranti e del consigliere aggiunto. E l'assegnazione del Campo San Teodoro ai Briganti»

Si è concluso ieri il progetto per la sensibilizzazione dei cittadini sui temi della partecipazione. Dopo cinque workshop, tenuti da ottobre a dicembre e che hanno prodotto ben 31 proposte - tra le quali il Lungomare pedonale ogni domenica -, ieri i promotori hanno presentato le idee al primo cittadino Enzo Bianco. Che ha annunciato «L'eliminazione dei varchi dal porto, la creazione della consulta dei migranti e del consigliere aggiunto. E l'assegnazione del Campo San Teodoro ai Briganti»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]