Catania-Reggina 0-0, prezioso pari con la capolista I rossazzurri escono tra gli applausi del Massimino

Finisce con quella che oramai è diventata una piacevole consuetudine dopo la partita con la Ternana: l’abbraccio tra la squadra etnea e la Curva Nord, all’urlo di «combattete per noi», accompagnato dallo striscione con la scritta «Noi, voi e la maglia». Un’alleanza forte che va oltre i problemi extra calcistici e l’attuale classifica. Un patto di ferro tra tifosi e giocatori che sembra avere dato nuova linfa ai ragazzi di Lucarelli, reduci da quattro punti nelle ultime due gare e capaci di non subire gol da tre partite consecutive. Il pareggio con la Reggina – prima in classifica – legittima le velleità di playoff di una squadra che acciuffa il settimo posto a quota 37 punti: guardare al futuro con un pizzico di ottimismo in più, adesso, è doveroso. 

Lucarelli cambia i due mediani: rispetto alla sfida con la Ternana dentro Salandria e Vicente, mentre viene confermato Beleck al centro dell’attacco. Pronti via e c’è subito una grandissima occasione per il Catania: al 2′ Vicente scocca un gran destro da fuori area, Guarna è splendido a intercettare la sfera deviandola all’incrocio. Tre minuti dopo, brividi per Furlan che tarda il rinvio: Corazza per centimetri non riesce a intercettare il pallone. La partita è subito molto fisica, con le due squadre raccolte spesso in un fazzoletto di campo. I contrasti sono molti, così come le interruzioni per falli fischiati da una parte e dall’altra. Al minuto 8 angolo di Di Molfetta, con Silvestri che svetta bene a centro area: la sua zuccata però è centrale.

È invece il 21′ quando Di Molfetta si invola sulla sinistra e mette una palla in mezzo che Mazzarani devia a lato. Due giri di lancetta più tardi coglie il palo in mischia, l’arbitro segnala un fuorigioco. Catania coraggioso, grazie a mezze punte mobili (anche se non molto precise) e a Beleck che recita al meglio il suo ruolo di riferimento avanzato. La Reggina affronta la prima frazione in maniera coperta e prudente, non forzando troppo: gli amaranto sembrano quasi limitarsi al compitino, in attesa di trovare il varco giusto e piazzare la zampata letale. Mbende e Silvestri, però, annullano i temibili Denis e Corazza: primo tempo perfetto quello dei due centrali. 

Il Catania comincia la ripresa in maniera arrembante: pressing alto e tanta generosità che porta soltanto a due conclusioni centrali di Vicente. A differenza della prima metà di gara, però gli amaranto non stanno a guardare e iniziano a premere con sempre più insistenza dalle parti di Furlan. La fortuna dei rossazzurri è che i cannonieri della Reggina non sono in gran giornata, anche grazie alle continue attenzioni riservategli dai difensori etnei. Lucarelli prova a cambiare le carte in tavola stravolgendo la trequarti: dentro Barisic, Curcio e poi Capanni, mentre mister Domenico Toscano prova a fare il colpaccio inserendo Reginaldo e Bellomo

Non succede però nulla di eclatante: Barisic ci prova dalla distanza, con una conclusione velleitaria. Dall’altra parte anche l’ex Garufo tenta la sorte: palla in curva. Lucarelli capisce che è il momento di portare a casa il risultato e blinda la mediana con Rizzo e Welbeck: il primo dei due si fa cacciare nel convulso finale di gara assieme al giocatore ospite Gasparetto. Sono le ultime scintille di un incontro che termina con un giusto pareggio. La prossima settimana, con la Ternana, ci sarà un altro appuntamento di gala al Massimino. 

Il tabellino: 

Catania-Reggina

Marcatori: 

Catania (4-2-3-1): 1 Furlan; 26 Calapai, 3 Mbende, 5 Silvestri, 20 Pinto; 16 Salandria (28′ st Welbeck), 4 Vicente (28′ st Rizzo); 21 Biondi (22′ st Capanni), 32 Mazzarani (13′ st Curcio), 8 Di Molfetta (13′ st Barisic); 9 Beleck. Allenatore: Lucarelli.

Reggina (3-4-1-2): 1 Guarna; 6 Loiacono, 31 Gasparetto, 13 Rossi; 9 Blondett (12′ st Garufo), 15 Bianchi (35′ st De Francesco), 37 Nielsen (26′ st Bellomo), 38 Liotti; 7 Sounas; 19 Denis (12′ st Reginaldo), 18 Corazza (35′ st Sarao). Allenatore: Toscano. 

Arbitro: Ermanno Feliciani di Teramo. 

Note: ammoniti Bianchi, Liotti (Reggina), Calapai, Welbeck, Lucarelli (Catania). Espulsi Gasparetto (Reggina) e Rizo (Catania). Recupero 4′.


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]