Catania, Pietro Lo Monaco fa chiarezza su Lucarelli «Cambiare porta solo danni, giusto continuare così»

Pietro Lo Monaco mette i puntini sulle i e lo fa nel suo stile, in maniera chiara, diretta e inequivocabile. Sono state tante le voci che si sono rincorse, dopo la sconfitta di Monopoli, in merito a un possibile cambio d’allenatore e a epurati di lusso in seno alla squadra: rumors che il direttore ha commentato con parole che non necessitano interpretazioni. «In altre occasioni – esordisce Lo Monaco – non ci sarebbe stato bisogno di una conferenza stampa per chiarire la nostra situazione all’indomani dell’imprevedibile e vergognoso ko di domenica scorsa. Subito dopo la sconfitta – ribadisce l’ad etneo – è partita una caccia all’esonero pazzesca: avrò ricevuto centinaia di telefonate puntualmente non risposte, da parte di giornalisti, addetti ai lavori e anche di allenatori che si proponevano».

Lo scorso anno la società era tecnicamente fallita: oggi lottiamo per la serie B

Le ore successive al naufragio in terra pugliese, dunque, sono state di riflessione e analisi, come conferma il dirigente: «Riflettere dopo sconfitte del genere è da persone sensate ed equilibrate: non solo col tecnico, ma anche con tutta la squadra. È necessario – ribadisce il direttore – confrontarsi coi problemi emersi. Ci sta che una società possa valutare più di una soluzione, ma non abbiamo mai inteso cambiare la guida tecnica. Gli allenatori si cambiano solo se la squadra non è più con loro. Noi non abbiamo mai levato la fiducia a Lucarelli: abbiamo solo analizzato assieme ciò che era successo, cercando di trovare soluzioni. Lucarelli – puntualizza lo Monaco – resta l’allenatore: siamo passati attraverso un vento forte e dobbiamo venirne fuori».

L’amministratore delegato, poi, non risparmia critiche a parte del mondo dell’informazione locale che, a suo dire, ha speculato sul momento delicato vissuto dalla squadra. «Dopo la partita ho letto cose farneticanti: chi mi dava a Reggio Calabria, chi a Napoli o a Pordenone, con ben sei tecnici contattati. Questa maniera di fare giornalismo – ribadisce Lo Monaco – non mi piace: quando si scrive bisogna collegare la testa, perché si fa opinione e, in qualche modo, anche terrorismo. È come se i giornalisti avessero organizzato in precedenza il funerale di Lucarelli: la società – ribadisce ancora il direttore – aveva parlato di riflessioni, non di cambiamento. Era giusto continuare con questa squadra a 11 giornate dalla fine, cambiare porta a fare danni». 

«Da nessuna parte – puntualizza poi Lo Monaco – sta scritto che il Catania deve andare in serie A: potremo tornarci soltanto se faremo le cose per bene. Lo scorso anno la società era tecnicamente fallita: oggi lottiamo per la B, dopo aver programmato tutta la situazione debitoria. Abbiamo tre-quattro mesi di sofferenza – precisa – dopo di che potremo dire di avere estinto i debiti in appena due anni». L’attività di risanamento ha comportato sforzi molto grandi, come sottolineato anche ai microfoni: «Si è trattato di tirare fuori molti milioni di euro. Se sono stati messi così tanti soldi è perché c’è la volontà di rilanciare il Catania. Se dovesse arrivare la B già quest’anno sarebbe un’impresa da guinness dei primati. Ci siamo posti l’obiettivo di fare il salto di categoria in tre anni, ma mi auguro di andarci prima».

Il concetto che Lo Monaco ribadisce quasi come se fosse un mantra dalla scorsa estate, quindi, ha caratterizzato anche questo incontro con i giornalisti: «Il Catania è tornato – ha sottolineato con forza l’ad etneo – il Catania è forte e proverà ad andare in B con tutte le sue forze. Abbiamo 11 finali adesso e le affronteremo nel miglior modo possibile».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]