Avola, Caruso si candida dopo 15 anni di opposizione «Creerò occupazione realizzando il porto turistico»

Dopo 15 anni all’opposizione come consigliere comunale – prima con l’Udc e poi con due liste civiche – Paolo Corrado Caruso si candida alla carica di primo cittadino di Avola con la sua unica lista Uniti per Avola, nata dopo la rottura con il gruppo Partecipazione, Trasparenza e Legalità. Caruso, che è laureato in giurisprudenza e lavora in banca, non ha dietro nessun big della politica locale.

Perché ha scelto di candidarsi a sindaco?
«Da consigliere di opposizione mi sono sempre battuto per chi non ha voce in città. Adesso mi candido perché voglio dare una svolta alla mia città, soprattutto mettendo fine al clientelismo che ha dominato negli ultimi 15 anni. Io non prendo ordini da nessun politico e credo che la città debba essere governata in modo collegiale, non come se il sindaco fosse un dittatore, un re o un monarca. Io non sono il miglior candidato a sindaco, ma sono il meno peggio».

Quali sono i punti centrali del suo programma? A che cosa la città non può più rinunciare?
«Io non prometto posti di lavoro ad personam ma che creerò occupazione e sviluppo economico attraverso la realizzazione del porto turistico. Vogliamo stare vicino ai cittadini che per noi sono tutti uguali, senza favoritismi. Ho fatto la campagna elettorale con un budget di mille euro, perché non credo che la politica sia un investimento economico ma un servizio da rendere alla città, nel segno dell’onestà e della legalità».

Qual è la figura politica o tecnica (nazionale o internazionale) a cui si ispira?
«Io sono una persona di centro, rientro nei canoni della vecchia democrazia cristiana e non sopporto l’arroganza né della destra né della sinistra. Non mi ritrovo in nessun partito politico, io sono un cane sciolto e mi ispiro a don Luigi Sturzo per il suo esempio di coerenza».

In caso di ballottaggio, con chi si alleerebbe eventualmente nel secondo turno?
«Sono convinto di andare al ballottaggio, quindi non mi esprimo. È vero che con Simone Libro abbiamo una sintonia che ci lega a livello di amicizia e potremmo discutere con piacere per una futura alleanza, ma fare questo discorso adesso mi sembra prematuro».

Qual è l’avversario che teme di più?
«È normale che il più temibile sia chi ha amministrato la città perché ha dalla sua il vantaggio di poter far vedere quello che ha fatto, anche se mi sembra semplicemente normale».

Un pregio e un difetto della precedente amministrazione.
«L’arroganza è stata il peggior difetto. Il sindaco è stato un uomo solo al comando per cinque anni. Il pregio è stata la presenza costante al Comune e il fatto di aver lavorato in città».

Cosa non ha funzionato con il gruppo politico Partecipazione, Trasparenza e Legalità?
«Non è successo nulla di grave, ma dal punto di vista politico non c’è cosa peggiore di quando due gruppi si stringono la mano e poi se ne vanno senza spiegazioni. Mi dispiace perché se do la mia parola, poi vado avanti. Io rispetto la loro scelta però, di fatto, ci sono rimasto male perché è mancata la coerenza. Forse ritengono che il candidato (Pino Caldarella ndr) che appoggiano adesso sia più forte di me, ma io non volevo fare ammucchiate e credo che il tempo sarà il giustiziere di tutto».

Lei per 15 anni è stato all’opposizione. Se dovesse passare alla maggioranza crede che il suo ruolo sarebbe più semplice?
«Senza dubbio criticare le azioni amministrative è facile per tutti, mentre proporsi al governo della città è più difficile. Riconosco le difficoltà che ci sono nella realtà locale e anche i miei limiti e, per questo, mi circonderò di esperti che portino un contributo di valore per la città con i quali fare squadra. Mi piacerebbe trovare all’opposizione un consigliere comunale come sono stato io, che svolga bene il compito di organo di controllo e che garantisca la democrazia».


Dalla stessa categoria

Ricevi le notizie di MeridioNews su Whatsapp: iscriviti al canale

I più letti

Da consigliere di opposizione, prima con l'Udc e poi con due liste civiche, adesso prova il salto correndo per la poltrona di primo cittadino. «La città deve essere governata in modo collegiale, non come se il sindaco fosse un re. Io non sono il miglior candidato a sindaco, ma sono il meno peggio»

Dal controllo della velocità alla segnalazione di un imminente pericolo. Sono gli Adas, i sistemi avanzati di assistenza alla guida che aumentano non solo la sicurezza, ma anche il comfort durante i viaggi in auto. Più o meno sofisticati, i principali strumenti Adas sono ormai di serie nelle auto più nuove, come quelle a noleggio. […]

Un aiuto concreto ai lavoratori per affrontare il carovita. Ma anche un modo per rendere più leggero il contributo fiscale delle aziende. Sono le novità introdotte dalla conversione in legge del cosiddetto decreto lavoro, tra cui figura una nuova soglia dell’esenzione fiscale dei fringe benefit per il 2023, portata fino a un massimo di 3mila euro. […]

Il potere dell’app, la mossa del cestino, il colpo del calendario, lo scudo del numero verde e la forza del centro di raccolta. Sono questi i superpoteri che Kalat Ambiente Srr fornisce a tutti i cittadini per arrivare all’obiettivo di una corretta modalità di conferimento dei rifiuti e di decoro ambientale. «Supereroi da prendere a […]

«Era come avere la zip del giubbotto chiusa sopra e aperta sotto: ecco, noi abbiamo voluto chiudere la zip di questo giubbotto». Indispensabile se si parla di Etna, dove fa sempre fresco. È nato così CraterExpress, la nuova proposta che permette di raggiungere la vetta del vulcano a partire dal centro di Catania, con quattro […]

Dodici mesi, 52 settimane e 365 giorni (attenzione, il 2024 è bisestile e quindi avremo un giorno in più di cui lamentarci). Un tempo legato da un unico filo: l’inadeguatezza. Culturale, innanzitutto, ma anche materiale, davanti ai temi complessi, vecchi e nuovi. Difficoltà resa evidente dagli argomenti che hanno dominato il 2023 siciliano; su tutti, […]

Il seme del cambiamento. Timido, fragile e parecchio sporco di terra, ma è quello che pare stia attecchendo in questi ultimi mesi, dopo i più recenti episodi di violenza sulle donne. In principio, quest’estate, fu lo stupro di gruppo a Palermo. In questi giorni, il femminicidio di Giulia Cecchettin in Veneto. Due storie diverse – […]

Mai come in campagna elettorale si parla di turismo. Tornando da Palermo con gli occhi pieni dei metri di coda – moltiplicata per varie file di serpentina – per visitare la cappella Palatina e qualunque mostra appena un piano sotto, lo stato di musei e beni archeologici di Catania non può che suscitare una domanda: […]

Riforme che potrebbero essere epocali, in termini di ricaduta sulla gestione dei territori e nella vita dei cittadini, ma che sembrano frenate dalla passività della politica. Sembra serena ma pratica- e soprattutto, attendista – la posizione di Ignazio Abbate, parlamentare della Democrazia Cristiana Nuova chiamato a presiedere la commissione Affari istituzionali dell’Assemblea regionale siciliana. Quella […]

Dai rifiuti alla mobilità interna della Sicilia, che avrà una spinta grazie al ponte sullo Stretto. Ne è convinto Giuseppe Carta, deputato regionale in quota autonomisti, presidente della commissione Ambiente, territorio e mobilità all’Assemblea regionale siciliana. Tavolo di lavoro che ha in mano anche due leggi su temi particolarmente delicati: urbanistica e appalti. Con in […]

Dall’agricoltura alle soluzioni per il caro energia; dalle rinnovabili di difficile gestione pubblica allo sviluppo delle imprese bandiera del governo di Renato Schifani. Sono tanti, vari e non semplici i temi affidati alla commissione Attività produttive presieduta da Gaspare Vitrano. Deputato passato dal Pd a Forza Italia, tornato in questa legislatura dopo un lungo processo […]