Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela: aveva denunciato il pizzo, gli bruciano il portone
Arrestati tre giorni fa uomini accusati dell'estorsione

È stata già accertata la matrice dolosa dell'incendio. Adesso a occuparsi delle indagini sull'episodio sono gli agenti del commissariato di polizia. Il commerciante di ortofrutta aveva raccontato agli inquirenti le richieste estortive e i danneggiamenti subiti

Redazione

È stato dato alle fiamme il portone di casa di un commerciante di frutta e verdura di Gela che, negli ultimi anni, ha denunciato episodi di estorsione e danneggiamenti da parte di esponenti mafiosi appartenenti a Cosa nostra o alla Stidda. Su quanto accaduto stanno indagando gli agenti del commissariato di polizia ed è già stata accertata la matrice dolosa del rogo.

L'episodio, che si è verificato nel quartiere popolare di Fondo Iozza, arriva appena tre giorni dopo un blitz della squadra mobile che ha portato all'arresto di tre persone: il 51enne Marco Ferrigno, il 50enne Massimo Terlati e il 44enne Emanuele Cassarà. Tutti e tre sono accusati di fare parte del clan Rinzivillo e di estorsione aggravata dal metodo mafioso per avere minacciato (con frasi del tipo: «Chiudi o ti uccidiamo») un commerciato di ortofrutta per spingerlo a chiudere la propria attività, troppo vicina - e quindi concorrenziale - a quella di uno di loro. Nella stessa operazione sono indagate altre quattro persone, tra cui due collaboratori di giustizia.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Covid, quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2022 in Sicilia

Tutti gli aggiornamenti, le interviste e le analisi del voto per le elezioni comunali 2022 in Sicilia. 

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Muos, l'eco mostro di Niscemi

Contro l'impianto della base Usa di Niscemi, da anni si battono comitati, associazioni e cittadini

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×