Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Gela, la minaccia al commerciante: «Chiudi o ti uccidiamo»
Tra gli indagati per mafia pure due collaboratori di giustizia

Gli arrestati nell'ambito dell'operazione di questa mattina della squadra mobile di Caltanissetta sono il 51enne Marco Ferrigno, il 50enne Massimo Terlati e il 44enne Emanuele Cassarà. Le indagini sono cominciate nel luglio del 2019

Marta Silvestre

«Chiudi o ti uccidiamo». Con frasi di questo tenore i tre arrestati nell'ambito dell'operazione di questa mattina della squadra mobile di Caltanissetta - con l'accusa di estorsione aggravata dal metodo mafioso e di fare parte del clan Rinzivillo - avrebbero minacciato un commerciante di ortofrutta di Gela per spingerlo a chiudere la propria attività. Uno dei tre, infatti, gestiva un esercizio commerciale in concorrenza con quello della vittima. 

Si tratta Marco Ferrigno (di 51 anni), Massimo Terlati (di 50 anni) ed Emanuele Cassarà (di 44 anni). Tutti e tre sono indagati, a vario titolo, per associazione per delinquere di tipo mafioso, in relazione alla loro appartenenza alla famiglia mafiosa dei Rinzivillo di Gela e di estorsione aggravata dal metodo mafioso. L'indagine, coordinata dalla procura distrettuale antimafia di Caltanissetta, ha avuto inizio nel luglio del 2019 e ha preso il via dalla verifica di anomali rapporti tra due collaboratori di giustizia (anch'essi indagati in questo procedimento), già appartenenti a Cosa nostra e tuttora affiliati alla stessa famiglia. Le attività investigative svolte, oltre a fare emergere macroscopiche violazioni alla disciplina in tema di collaborazione con la giustizia da parte delle persone intercettate, hanno consentito di verificare come i due abbiano mantenuto rapporti costanti con soggetti tuttora appartenenti al clan Rinzivillo, tra cui quelli tratti in arresto questa mattina. 

Tutti i sodali e coloro con i quali avevano rapporti, avrebbero manifestato anche una particolare acredine nei confronti di appartenenti alla squadra mobile, con generici propositi di vendetta per l'attività ritenuta «troppo scrupolosa» condotta dagli inquirenti. In sede di esecuzione dell'ordinanza cautelare sono state eseguite perquisizioni, delegate dai sostituti procuratori titolari delle indagini, anche a carico degli altri soggetti denunciati, alcuni percettori del reddito di cittadinanza, non colpiti da misure cautelari.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×