Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

L'ex senatore Antonio D'Alì condannato a sei anni
È accusato di concorso in associazione mafiosa

Il sessantanovenne ex sottosegretario in quota Forza Italia è stato ritenuto colpevole dalla Corte d'Appello di Palermo. L'accusa aveva chiesto oltre sette anni

Pamela Giacomarro

Foto di: D'Alì sindaco

Foto di: D'Alì sindaco

Sei anni di reclusione. Si è concluso così il processo d’appello bis celebrato a Palermo a carico dell’ex senatore di Forza Italia ed ex sottosegretario agli interni Antonio D’Alì. Il primo processo d’appello, celebrato nel 2016, si concluse con l’assoluzione del politico trapanese. 

Poi la decisione della Corte di Cassazione che aveva annullato con rinvio. La Procura generale, con la pg Rita Fulantelli, aveva chiesto la condanna a 7 anni e 4 mesi, mentre la difesa aveva invocato l'assoluzione. Per ben vent’anni il politico trapanese, oggi sessantanovenne ha seduto sugli scranni del senato. È stato sottosegretario all’interno dal 2001 al 2006. 

Negli ultimi anni D’Alì è uscito fuori dalla scena politica dopo la richiesta dell’obbligo di soggiorno, da parte della direzione distrettuale antimafia di Palermo, che lo costrinse a ritirarsi dalla corsa a sindaco di Trapani nel 2017. Di recente la Cassazione ha confermato la revoca della misura di prevenzione. Secondo l’accusa nel corso della sua attività politica e istituzionale ha «mostrato di essere a disposizione dell’associazione mafiosa Cosa nostra e di agire nell’interesse dei capi storici come il latitante Matteo Messina Denaro e Salvatore Riina». 

Tra i vari episodi contestati all’ex senatore forzista, il caso della Calcestruzzi Ericina, confiscata al boss Vincenzo Virga e il trasferimento dell’allora prefetto di Trapani, Fulvio Sodano, “colpevole” di essersi opposto alla vendita dell’azienda a un uomo di fiducia delle cosche trapanesi. Sodano secondo l’accusa venne allontanato da Trapani proprio per volere di D’Alì. Secondo l’accusa inoltre, il politico trapanese avrebbe svolto un ruolo fondamentale nella gestione di alcuni appalti per importanti opere pubbliche, dai lavori per il rifacimento del porto di Trapani, in occasione delle fasi preliminari della Coppa America i Luis Vuitton Act’s alle opere per il rifacimento del porto di Castellammare del Golfo.

Dei presunti collegamenti tra D’Alì e Cosa Nostra trapanese inoltre hanno parlato nel corso degli anni diversi pentiti. Le loro dichiarazioni sono state ritenute attendibili dai giudici d’appello. Si dice stupita dalla sentenza di condanna, la legale di D’alì, l’avvocata Arianna Rallo, che ha dichiarato di attendere il deposito delle motivazioni per valutare il ricorso in Cassazione.

Meridio rubriche

Leggi tutte le rubriche

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Elezioni comunali 2021 in Sicilia

Il 10 e 11 ottobre e il 24 e 25 ottobre 2021 in diversi Comuni siciliani si vota per le Amministrative. I cittadini saranno chiamati alle urne per scegliere nuovi sindaci e consiglieri comunali. Il percorso di avvicinamento al voto e i risultati degli scrutini

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×