Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Mafia, confisca da 40 milioni al re degli imballaggi
Dalle rapine in banca agli affari nell'area di Vittoria

Emanuele Lele Greco avrebbe ottenuto l'appoggio delle famiglie mafiose vicine a Cosa nostra per diventare un imprenditore di spessore.  L'uomo è stato arrestato nel 2019 nell'ambito dell'operazione Ghost Trash ed è stato rinviato a giudizio

Redazione

Beni per 40 milioni di euro sono stati confiscati dalla guardia di finanza di Catania all'imprenditore Emanuele Lele Greco (Leggi l'approfondimento di MeridioNews) che, secondo l'accusa, «tramite l'appoggio delle famiglie mafiose gelesi riconducibili a Cosa nostra» sarebbe «riuscito a imporsi nel mercato degli imballaggi di cartone». Il provvedimento è stato emesso dal tribunale di Catania su richiesta della locale Direzione distrettuale antimafia e su indagini del Gico del nucleo di polizia economica finanziaria delle fiamme gialle etnee. 

Greco, ricostruisce la procura di Catania, è stato condannato in via definitiva per sequestro di persona, estorsione, furto, porto e detenzione di armi. Arrestato nel 2019 nell'ambito dell'operazione Ghost Trash, è stato rinviato a giudizio per «avere fatto parte di Cosa nostra e, in particolare, del clan Rinzivillo, operante a Ragusa e Caltanissetta». 

Sigilli sono stati posti dalla guardia di finanza di Catania a sette società e imprese individuali del Ragusano operanti nel settore dell'ortofrutta e del packaging; a 18 fabbricati, tra unità abitative e capannoni, a 16 appezzamenti di terreno in provincia di Ragusa; a un'autovettura e un motociclo.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×