Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Covid, Musumeci chiede la zona rossa per la Sicilia
«Se la richiesta non verrà accolta farò un'ordinanza»

Nell'Isola continuano a salire i contagi e, per questo motivo, il presidente della Regione ha avanzato l'istanza di una stretta per almeno due settimane. In caso contrario già pronto un documento per le aree più a rischio. In testa Palermo e Catania

Redazione

Foto di: Terry Vlisidis

Foto di: Terry Vlisidis

Sembrano lontani anni luce i giorni del «complotto» del governo contro le Regioni guidate dal centrodestra, penalizzate da Roma per l'inserimento in zona arancione. Era il 5 novembre e il presidente Nello Musumeci ipotizzava addirittura «una regia politica per colpirci». Passati due mesi e mezzo, le carte sul tavolo sono cambiate ed è stato lo stesso governatore a chiedere la zona rossa per la Sicilia. Una richiesta giustificata dal costante aumento dei contagi di questo 2021. A poco sono servite le raccomandazioni e l'invito ai «corretti comportamenti» con tanto di canzoncina natalizia costata 40mila euro

«Abbiamo sottoposto al governo centrale la proposta di dichiarare per due settimane la zona rossa in Sicilia - spiega Musumeci in una nota inviata alla stampa - L’istanza sarà valutata nella cabina di regia convocata per domani a Roma e, ove la nostra richiesta non dovesse essere accolta, prudenzialmente domani stesso procederò con mia ordinanza ad applicare le limitazioni previste per le zone rosse in tutte le aree regionali a maggiore incidenza di contagio, come peraltro richiesto da numerosi sindaci». In testa a questa lista c'è il sindaco di Palermo Leoluca Orlando. Le altre aree con più contagi sono Catania e Messina, quest'ultima già dichiarata zona rossa ma con il sindaco Cateno De Luca che ha annunciato di dimettersi per i dissidi con i vertici dell'Azienda sanitaria locale e le polemiche con Musumeci e l'assessore alla Salute Ruggero Razza. Entrambi ritenuti colpevoli di proteggere il dirigente Paolo La Paglia, ritenuto da De Luca il principale responsabile della situazione che vive Messina. 

«Dobbiamo evitare che rimandare misure inevitabili ci costringa a restare chiusi quando il resto d’Italia riaprirà - continua Musumeci -  Confidiamo nei ristori più volte sollecitati assieme ad altri presidenti di Regione al governo centrale e, soprattutto, nel comportamento rispettoso da parte dei cittadini. Una minoranza non deve condizionare la vita sociale ed economica della nostra comunità». A pressare per la zona rossa ormai da diversi giorni è anche il Comitato tecnico scientifico regionale. Adesso, la parola spetterà alla politica.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×