Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Filippo stava mollando a un passo dalla meta

In questi giorni a Palermo e dintorni si allenano alcuni ciclisti professionisti della squadra Bardiani – CSF – Faizanè. Insieme a Giovanni Visconti spicca la presenza di Filippo Fiorelli, cameriere mancato con una grinta da vendere 

Paolo Alberati

Filippo Fiorelli stava mollando ad un passo dalla meta. Quando alla fine della stagione ciclistica 2018, emigrante del pedale in Toscana già da quattro stagioni, a capo di quattro prestigiose vittorie riportare in classiche del ciclismo dilettantistico italiano, per lui tutte le porte del professionismo erano ancora una volta rimaste chiuse. Così Fiorelli aveva pensato di rientrare definitivamente nella sua Ficarazzi, in provincia di Palermo, per mettersi a lavorare come cameriere, qualifica per la quale aveva anche studiato.

Filippo era già di per sé un ciclista atipico, aveva iniziato per caso alla soglia dei 20 anni, quindi già maturo per uno sport che premia spesso le giovani promesse e, nonostante avesse subito bruciato le tappe, alla soglia dei 24 anni nel gruppo era già ritenuto «troppo vecchio» per passare al professionismo.

Ma poi l’orgoglio, la fiducia di poche ma fondamentali persone, la voglia di riscatto e le parole del suo procuratore, lo avevano fatto riflettere: «Il cameriere lo potrai fare per una vita, anche a sessant’anni con la pancia ed i capelli bianchi, ma anche allora la tua paga probabilmente sarà la stessa di oggi. Per fare il ciclista e diventare un campione invece hai la tua occasione adesso, quella che molti vorrebbero avere, quella che tu stesso rimpiangerai per una vita. O ti rimetti in sella e ci riprovi ora, subito, oppure non lo potrai fare mai più».

E così il 2019 è stato per Filippo un anno se possibile ancora più trionfale con 7 vittorie nel carniere ed un contratto da ciclista professionista per le stagioni 2020 e 2021 con il team Bardiani – CSF – Faizanè. Sui suoi pedali correva il sogno di un padre già ciclista amatoriale, di un nonno che lo aveva messo in bici, di una mamma appassionata quanto il figlio. Il sogno di una borgata marinara intera, così lontana dal ciclismo internazionale, ma così vicina al suo beniamino, sogno che si è realizzato con la partenza del Giro d’Italia da Palermo nell’autunno inoltrato 2020, quando nella crono Monreale-Palermo Filippo ha messo piede nel ciclismo dei grandi.

Due piazzamenti di tappa nei primi dieci, le pagelle dei bookmaker piene di elogi, il passaggio in testa al Gran Premio della Montagna del Sestriere: questo il bottino di spessore «ma non soddisfacente» di un corridore dalla speranza rinata e grinta da vendere. Eppure anche qui Filippo stava per mollare, perché nella sesta tappa del Giro, tra Calabria e Puglia gli era franato addosso un compagno di pedalate, facendolo rovinare a terra con conseguente botta a un ginocchio e infiammazione dolorosa. Quelli erano stati giorni difficili, in cui Filippo pensava di dovere piantare in asso il Giro e rientrare a casa. Ma nella sua testa era risuonato ancora quel ritornello: «Per fare un altro lavoro ci sarà tempo. Ora sei al Giro e devi valorizzare il tuo talento, giocare le tue carte».

Filippo oggi si sta allenando a Palermo con il capitano Giovanni Visconti ed i compagni Alessandro Monaco, Davide Gabburo, Luca Covili e Fabio Mazzucco: un training-camp tutto siciliano per i ragazzi della banda Reverberi pronta a salpare per la Spagna a fine mese, dove inizierà il calendario europeo delle corse. Filippo sa che a fine stagione sarà in scadenza di contratto e la sua occasione dovrà ancora una volta andarsela a cercare con rabbia spingendo sui pedali, un giro in più, un colpo più violento di quello precedente, soprattutto più rapido dei propri avversari. Filippo lo sa che il ciclismo, come ogni altro sport professionistico, è come un biglietto d’ingresso al Casinò: non tutti possono entrare. Ma poi una volta dentro non basta osservare gli altri giocare, devi fare la tua parte, puntare sulle caselle giuste e presentarti al tavolo da gioco con i giusti crediti: allenamenti ben fatti, alimentazione ben curata, insomma la coscienza a posto di aver fatto il possibile. Se punti forte, forse puoi vincere in un mese il salario annuale da cameriere. Se sbagli sei fuori dal gioco e le porte del traghetto per Palermo, con biglietto di solo ritorno si apriranno. Prendere o lasciare.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×