Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Lampedusa, il neonato di sei mesi morto nel naufragio
«Caro Youssef, da bambino non hai nemmeno la bara»

Un feretro di legno marrone con un mazzo di fiori in una stoffa bianca è sistemato nella camera mortuaria del cimitero. «Siamo qui - dicono dal Forum Lampedusa solidale - per denunciare la disumanità di leggi e politiche che condannano a morte»

Marta Silvestre

«Caro Youssef, nei tuoi sei mesi di vita, niente avesti da bambino, né una culla, né giochi, né serenità o pace. Ora da bambino non hai nemmeno la bara». Un grande feretro di legno marrone scuro con sopra un mazzo di fiori avvolti in una stoffa bianca. Niente che faccia pensare a un bambino, anche se morto, come ha fatto notare subito il parroco di Lampedusa Carmelo La Magra. Eppure, dentro quella bara c'è il corpo di un neonato di sei mesi. Youssef è morto durante il naufragio di mercoledì al largo della Libia mentre stava attraversando il mare insieme alla sua giovane mamma, una ragazza della Guinea che è incinta

«Il Mediterraneo è un cimitero senza lapidi», scrivono dall'ong spagnola Open Arms che ha soccorso in mare i migranti e salvato il bimbo che, però, è morto prima dell'arrivo della guardia costiera. Nello stesso naufragio sono morte altre cinque persone. Il cadavere di Youssef è stato trasferito con una motovedetta sull'isola ed è stato sistemato nella camera mortuaria del cimitero comunale dove, adesso, sarà sepolto. «Siamo lì in sostituzione dei parenti e degli amici di chi è morto - hanno commentato dal Forum Lampedusa solidale - Siamo lì al posto di chi ha titolo a chiedere giustizia per l'ennesima morte assurda. Siamo lì per denunciare la disumanità di leggi e politiche che condannano a morte esseri umani».

«Tutto questo provoca rabbia, dolore e una profonda tristezza - dice il sindaco di Lampedusa Totò Martello - Di fronte a eventi terribili come questo, l'opinione pubblica si commuove e si indigna, ma a questa reazione non segue un passo della Comunità europea sulla necessità di garantire la sicurezza nel Mediterraneo. Si continua a scaricare sui territori di confine il peso maggiore della prima accoglienza». Alla vigilia della definizione del nuovo Patto Ue sulle migrazioni e sul diritto d'asilo, il primo cittadino di Lampedusa chiede alle istituzioni comunitarie di valutare «con la dovuta attenzione il Global Compact for Migration, il documento delle Nazioni Unite che indica i principi per una migrazione "ordinata, regolare e sicura". Solo con flussi migratori regolati attraverso il coinvolgimento di tutti gli Stati membri si potranno evitare altre vittime innocenti». 

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×