Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Inchiesta Aegades, 26 avvisi di conclusione indagini
È emerso un sistema corruttivo tra politica e affari

Tutti sono accusati a vario titolo di corruzione, peculato, falso ideologico, frode in pubbliche forniture, turbata libertà degli incanti e del procedimento di scelta del contraente, corruzione elettorale, abuso d’ufficio e smaltimento illecito di rifiuti pericolosi 

Pamela Giacomarro

A sette mesi di distanza dal ciclone giudiziario che ha travolto le isole Egadi portando all'arresto dell'ex sindaco di Favignana Giuseppe Pagoto, è arrivato l'avviso di conclusione delle indagini per tutti i 26 indagati coinvolti nell'operazione Aegades. L'inchiesta messa a segno dai militari della guardia di finanza ha portato alla luce un sistema corruttivo politico-affaristico consolidato da tempo. Tutti sono accusati a vario titolo di corruzione, peculato, falso ideologico in atti pubblici, frode in pubbliche forniture, turbata libertà degli incanti e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, corruzione elettorale, abuso d’ufficio, smaltimento illecito di rifiuti pericolosi

Sono diversi gli episodi contestati, cristallizzati nelle sedici pagine dell'avviso di conclusione delle indagini firmato dai sostituti procuratori Rossana Penna e Matteo Delfini: dalla gestione delle risorse e degli approvvigionamenti idrici, agli affidamenti di lavori e servizi pubblici dell’Area marina protetta delle Isole Egadi, alle attività ispettive di competenza della polizia municipale fino alle trattazioni di pertinenza del settore finanziario e dell’ufficio tecnico. Per gli investigatori, l'ex primo cittadino avrebbe instaurato un patto di ferro con l'allora comandante della polizia municipale Filippo Oliveri

Secondo quanto emerso dalle intercettazioni, prima della tornata elettorale del 2018 l'obiettivo sarebbe stato quello di evitare di effettuare i controlli presso le attività commerciali per «non inimicarsi gli isolani elettori». In cambio Oliveri avrebbe ottenuto la nomina a responsabile dell'Area marina protetta e un contratto a tempo indeterminato. Scoperta anche una maxi frode sull'approvvigionamento idrico delle isole affidato alla società di navigazione Marnavi. Le navi avrebbero scaricato una quantità inferiore di acqua potabile rispetto a quella segnata nei documenti ufficiali. In cambio dei mancati controlli, il sindaco e altri esponenti politici avrebbero ottenuto soldi o assunzioni di favore

Le contestazioni riguardano anche la gestione dell'Area marina protetta: l'ex direttore Stefano Donati è accusato di corruzione, in concorso con il sindaco, per l'assegnazione di alcuni servizi a due cooperative sociali di Favignana. Il primo cittadino avrebbe garantito la stabilizzazione del personale, in cambio dell'assunzione di persone che lo avevano sostenuto nel corso della campagna elettorale per le Amministrative del 2018. Tra i destinatari dell'avviso di conclusione delle indagini: l'ex assessore Giovanni Sammartano; il dipendente comunale Giovanni Febbraio; il dipendente dell'Eas Gaetano Surano; i comandanti delle navi che portano l'acqua a Favignana Francesco Martorana, Angelo Ribaudo e Emiliano Vitiello; Antonia Vittozzi, dipendente della Marnavi e il predecessore di Pagoto, Gaspare Ernandez che per l'accusa si sarebbe accorto degli illeciti all'interno del Comune. Stando a quanto emerso dalle indagini, il suo silenzio sarebbe stato comprato con l'elezione della figlia Kim alla carica di presidente della Commissione consiliare di vigilanza dell’Area marina protetta.

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore RMB s.r.l.
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×