Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Coronavirus, Vittoria rischia di diventare zona rossa
Contagi nelle scuole e al mercato: oltre 200 positivi

A confermare la possibilità di misure restrittive per il territorio ipparino è stato il presidente della Regione Nello Musumeci. Una situazione che, a poche settimane dalle elezioni comunali, «ci preoccupa enormemente», dicono i commissari prefettizi

Simone Olivelli

Vittoria rischia di diventare zona rossa. Dei contagi da Covid-19 nel Ragusano, oltre 200 si sono registrati proprio a Vittoria. «Non possiamo escludere nulla ed è possibile che diventi zona rossa se si continua a registrare un numero elevato di nuovi positivi al coronavirus», ha confermato anche il presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci. E, in effetti, il numero di persone contagiate sembra essere destinato a salire visto che si attende l'esito di molti tamponi già eseguiti ma non ancora esitati. Dopo Sambuca di Sicilia (Agrigento), Mezzojuso (Palermo)Galati Mamertino (Messina)Randazzo (Catania), adesso ulteriori restrizioni potrebbero interessare anche il territorio ipparino.

«L’aumento del numero dei contagi in città - dicono dalla commissione prefettizia che, al momento, amministra Vittoria - ci preoccupa enormemente perché c’è il rischio di conseguenze ben più drammatiche. Per questo motivo, facciamo appello e confidiamo sull'alto senso di responsabilità dei vittoriesi per il rispetto delle regole e - aggiungono - per perseguire comportamenti virtuosi per evitare effetti nefasti sull'intera collettività e sull'economia cittadina». Dopo la conferma della positività di due docenti, da ieri sono rimaste chiuse le scuole Portella della Ginestra e Consolino. Gli ambienti saranno sottoposti a sanificazione per permettere agli alunni di poter tornare presto in classe. Un positivo è stato registrato anche al mercato ortofrutticolo di Vittoria, uno dei più grandi di tutto il Sud Italia. Il tampone a cui è stato sottoposto uno dei commissionari, infatti, ha dato esito positivo. 

Per assicurare il rispetto delle condizioni di salute degli operatori e il mantenimento delle misure di prevenzione del contagio, infatti, la commissione prefettizia ha attivato già da ieri mattina i controlli nel mercato. «Ciò allo scopo di aumentare i livelli di sicurezza all'interno della struttura mercatale che - hanno ribadito dalla commissione straordinaria - rappresenta il cuore pulsante dell’economia della città di Vittoria. I controlli con il termometro laser agli ingressi della struttura di contrada Fanello, da parte dei dipendenti della Vittoria Mercati, sono iniziati ieri alle 5.45, orario in cui viene aperto l’accesso ai produttori agricoli e ai commissionari». Per tutta la giornata di ieri, tenuto anche conto della maggiore intensità di traffico coincidente con l’inizio della settimana, è stato garantito il regolare accesso alla struttura, seguendo le norme previste dal Dpcm. 

È questa la situazione in città a poche settimane dalle elezioni comunali per eleggere il nuovo sindaco ipparino dopo che il comune è stato sciolto per mafia facendo decadere la giunta del primo cittadino Giovanni Moscato. E anche il candidato sindaco Piero Gurrieri è risultato positivo al Covid-19 sospendendo di fatto la sua campagna elettorale

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×