Edizioni MeridioNews

Edizioni MeridioNews

Edizione Sicilia

Il paese dei Nebrodi che sta vivendo un mini lockdown
Vicesindaco: «In corso screening di tutta la popolazione»

A Galati Mamertino, 69 dei 2700 abitanti sono risultati positivi al Covid-19. Il primo cittadino ha emesso un'ordinanza restrittiva. «Non cambia molto rispetto a una vera e propria zona rossa», spiega a MeridioNews il vicesindaco Vincenzo Amadore

Marta Silvestre

Foto di: travelnostop

Foto di: travelnostop

In un paesino dei Nebrodi che conta poco meno di 2700 abitanti, 69 sono risultati positivi al nuovo coronavirus. «Di oltre cinquanta sospetti stiamo ancora aspettando i risultati ed entro domani contiamo di avere fatto lo screening di tutta la popolazione». È il vicesindaco di Galati Mamertino (Messina) Vincenzo Amadore a fare il punto della situazione. Al momento, ci sono anche interi nuclei familiari in isolamento domiciliare. «Non sappiamo ancora da dove sia partito il focolaio ma - spiega a MeridioNews - circa il 75 per cento dei contagi è concentrato nella frazione di San Basilio, che conta novecento abitanti». Ieri intanto il sindaco Antonio Baglio ha emesso un'ordinanza restrittiva che non sembra differire molto da una zona rossa.

Il primo caso di positività al Covid-19 è stato registrato lo scorso lunedì. «Si tratta di un signore che è andato a fare dei controlli dal medico per altri motivi e così - ricostruisce Amadore - ha scoperto di avere contratto il virus». Positivo ma asintomatico, come quasi tutti i casi di questo piccolo comune dei Nebrodi. «Solo una piccola parte ha sintomi febbrili e influenzali e, per fortuna, al momento per nessuno è stato necessario il ricovero in ospedale». Intanto, dalla scorsa settimana a oggi sono già stati fatti cinquecento test rapidi e altrettanti sono già stati programmati per i prossimi giorni.

Con la misura adottata dal primo cittadino sono stati impediti gli spostamenti da e verso Galati Mamertino (e anche all'interno del territorio del comune stesso) se non per motivi di lavoro e stretta necessità; sono state chiuse le scuole per sette giorni ed è stato sospeso il mercato ortofrutticolo settimanale. Intanto dalla Regione, qualora i test dovessero dare ulteriori esiti positivi, potrebbe arrivare la decisione di istituire una vera e propria zona rossa. «Non cambierebbe poi molto rispetto all'ordinanza - dice il vicesindaco - che prevede già una forte stretta, una sorta di mini-lockdown. Quello di cui siamo certi al momento - conclude Amadore - è che chi esce dal nostro paese è negativo perché è stato sicuramente controllato».

MeridioNews è una testata registrata presso il tribunale di Catania n.18/2014
Direttora responsabile: Claudia Campese Editore Mediaplan Soc. Coop. Sociale
Riproduzione riservata

Coronavirus, tutto quello che c'è da sapere

La cronaca, gli aggiornamenti, le disposizioni della Regione, le informazioni utili, gli effetti collaterali. Tutto quello che c'è da sapere sul nuovo virus, arrivato anche nell'Isola.

Giustizia per Emanuele Scieri

Il paracadutista siracusano è stato trovato morto nella caserma di Pisa nel 1999. Ora si cerca di ricostruire quanto successo

Il sistema Montante

L'arresto di Antonello Montante ha scoperchiato un sistema di potere che tocca politica, forze dell'ordine, mafia e imprenditoria

Infrastrutture, Sicilia spezzata

Frane, autostrade a una carreggiata, statali interrotte. Viaggio in uno dei principali fattori del mancato sviluppo della Sicilia

Mario Ciancio e la mafia

Le indagini, la richiesta di archiviazione, il rigetto del giudice per le indagini preliminari e il proscioglimento. Tutte le tappe dell'avventura giudiziaria del direttore-editore del quotidiano etneo La Sicilia, imprenditore edilizio di opere pubbliche e private

Leggi tutti i Dossier

Segnala una notizia

Utilizzando questo form puoi segnalare le tue notizie alla redazione

Invia un tuo contributo

I campi contrassegnati con * sono obbligatori

×